Informazioni

La rivista "Orizzonti del diritto commerciale" (citazione abbreviata ODC) è un periodico elettronico open-access, registrato presso il Tribunale di Roma (n. 146/2011).

Sede: c/o Dipartimento di Scienze Giuridiche - Sezione di Diritto privato - Sapienza Università di Roma
 - Piazzale Aldo Moro, 5 
- 00185 ROMA

Editore: Associazione Italiana dei professori Universitari di Diritto commerciale

Direttore responsabile: prof. Francesco Denozza

Comitato di direzione: Carlo ibba, Vincenzo Meli, Massimo Miola, Andrea Perrone, Giuliana Scognamiglio, Ruggero Vigo.

Referees: Carlo Angelici, Francesco Corsi, Renzo Costi, Gustavo Ghidini, Alberto Jorio, Mario Libertini, Giorgio Marasà, Alessandro Nigro, Giuseppe B. Portale, Marco Ricolfi, Paolo Spada, Giuseppe Terranova, Roberto Weigmann

Webmaster: Daniele Pafumi c/o Seminabit s.r.l., via Castelrosso 10, Roma

 

I lavori vanno inviati in formato pdf al seguente indirizzo:  redazione@orizzontideldirittocommerciale.it.

Essi devono contenere l'indicazione del nome, cognome, qualifica ed istituzione universitaria o scientifica di appartenenza e indirizzo e-mail dell'autore o autrice. Il testo può essere pubblicato anche in lingua diversa dall'italiano; deve essere completato con unabstractin lingua italiana ed inglese e con l'indicazione di almeno tre parole chiave, in italiano ed in inglese.

I lavori vengono inviati dalla Redazione al Comitato di Direzione, che li sottopone a duerefereesanonimi. L'autore o autrice riceverà le schede redatte daireferees, con i loro commenti e gli eventuali suggerimenti ai fini dell'accettazione per la pubblicazione.

La rivista pubblica esclusivamente lavori che: (i) esprimono una motivata presa di posizione dell'autore  con riferimento a tesi precedentemente formulate da altri o da lui stesso elaborate; oppure (ii) contengono una esposizione, corredata di adeguate notazioni valutative e critiche, dello stato di elaborazione di un problema. In entrambi i casi sono condizioni indispensabili per la pubblicazione che il lavoro in questione:

- presenti un grado apprezzabile di innovatività nella definizione dei problemi e/o nella scelta delle argomentazioni con cui vengono risolti o nelle valutazioni espresse nei confronti di soluzioni pur già note;

- dedichi adeguata attenzione al dibattito internazionale eventualmente esistente sull'argomento e/o a possibili spunti di diritto comparato;

- abbia un respiro sistematico proporzionato al tema trattato e si muova comunque in un orizzonte culturale sufficientemente ampio.