Informazioni privilegiate: nuove istruzioni per l'(ab)uso

aut Aldo Laudonio

Download pdf []

La regolamentazione delle informazioni privilegiate è da sempre un campo di scontro ideologico e l'ultimo corposo intervento dell'Unione Europa con due testi, un regolamento (n. 596/2014) ed una direttiva (2014/57/UE), apre molti più interrogativi di quanti non ne riesca a chiudere. Oltre ad una serie di altre criticità (semplificazioni inattuate, persistenza della figura dell'investitore ragionevole, incompatibilità del regime sanzionatorio con la CEDU…), nel presente lavoro ci si occupa, in particolare di rilevare alcune problematiche derivanti dall'adozione del principio di parità (o simmetria) informativa in tema di condotte legittime, di "processi prolungati" e, soprattutto, di punibilità del c.d. insider di se stesso.

In relazione a queste ultime si cercherà di individuare se dai nuovi testi si possa evincere una logica unitaria - quella della funzione d'uso delle informazioni privilegiate - in grado di orientare l'interpretazione di certe norme ed al tempo stesso di costituire un argine al perdurante afflato "iperpunitivo" della disciplina degli abusi di mercato.

The regulation of inside informations has always been an ideological battlefield and the last lenghty EU intervention with two new pieces of legislation, a regulation (n. 596/2014) and a directive (2014/57/UE), creates more problems than it actually solves. Besides a series of other critical issues (unhatched simplifications, persistence of the reasonable investor clause, incompatibility of the sanctioning system with the ECHR…), the present work deals in depth with the task of detecting a set of problems stemming from the adoption of the parity (or symmetry) of information principle in the fields of legitimate behaviours, protracted processes and, above all, the punishability of the so called insider of itself.

With regard to these last issues the author will try to ascertain if it is possible to deduce from the new EU legislation a unitary logic - the one regarding the use function of inside informations - fit to steer the interpretation of some rules and at the same time to curb the ongoing "iperpunitive" tendency of the market abuse regime.

 

Qui tutto era scabro, positivo, puritanescamente cattivo.

Giuseppe Tomasi di Lampedusa,I gattini ciechi

1. L’abuso di mercato in una capsula del tempo.

Non è esagerato affermare che le aspettative degli operatori e degli interpreti intorno alla riforma della normativa europea sugli abusi di mercato[1] fossero elevate e che nell'attesa stesse subentrando una certa impazienza, considerate le svariate e crescenti problematiche legate all'esegesi ed all'applicazione dell'intricatocorpus "multidimensionale" vigente.

Per molteplici ragioni, che nel presente scritto sarà possibile illustrare solo in relazione a taluni aspetti, le attese sono state però frustrate ed alle difficoltà tuttora irrisolte se ne sono sommate di nuove, talvolta anche particolarmente insidiose. Invero, sul piano strutturale, la parallela introduzione del reg. UE 596/14 (d'ora in avanti, "MAR") e della dir. 2014/57/UE (di seguito, "MAD 2"), pur segnando una profonda innovazione sul piano delle modalità europee di intervento nell'ormai dissodato campo della tutela dei mercati finanziari, in gran parte riproduce contenuti già presenti nella dir. 2003/6/CE (nel prosieguo, "MAD") e nelle sue disposizioni attuative ed integrative di livello inferiore[2], senza che sia peraltro prestata particolare attenzione per l'assetto sistematico risultante (anche all'interno del MAR stesso).

In estrema ed ellittica sintesi, fatti salvi ulteriori approfondimenti svolti in seguito, le principali novità riscontrabili nel ponderoso testo combinato (89 considerando e 39 articoli per il MAR; 32 considerando e 15 articoli per la MAD 2) consistono: a)nell'espansione dell'ambito applicativo della disciplina a mercati prima non inclusi (multilateral trading facilities- MTF- e organized trading facilities - OTF, con la corrispondente insorgenza di obblighi informativi anche per gli emittenti con titoli ivi negoziati) ed anche a scambi fuori mercato (o over the counter- OTC); b)nell'inclusione, anche se talvolta a fini specifici, di ulteriori strumenti finanziari (e non), contratti derivati, prodotti non finanziari, quote di emissione di anidride carbonica, condotte poste in relazione ad indici di riferimento ed altri ancora, precedentemente non previsti; c)nell'introduzione e minuziosa regolamentazione dell'istituto dei sondaggi di mercato, attraverso cui si può dar luogo alla comunicazione a uno o più potenziali investitori di informazioni, prima dell'annuncio formale di un'operazione, al fine di valutare il loro interesse; d)nell'anticipazione ed ampliamento degli obblighi di prevenzione e segnalazione in capo ai gestori di mercati ed agli intermediari; e)nella previsione di una disciplina speciale per il ritardo nella comunicazione di informazioni privilegiate riservata ad enti creditizi ed istituti finanziari; f)nella stigmatizzazione delle tecniche di negoziazione algoritmiche e ad alta frequenza (tratto questo, per vero, affrontato solo superficialmente nel MAR[3]);g) nell'imposizione agli stati membri dell'obbligo di realizzare forme di tutela e di incentivazione delle segnalazioni di violazioni (whistleblowing);h) nella delineazione "minima" dei poteri di controllo ed indagine della autorità competenti e nell'intensificazione dei loro obblighi di cooperazione reciproci e con l'ESMA;i) nell'elencazione di un'ampia gamma di sanzioni amministrative accompagnata tuttavia da un'inversione dell'opzione punitiva, che privilegia la sanzione penale e ne sancisce anzi in alcuni casi l'obbligatorietà e l'esclusività, contrariamente a quanto avveniva nella MAD.

Nonostante tale ventaglio di importanti ed eterogenee novità, si affaccia una prima, preoccupante sensazione legata all'osservazione che a distanza di oltre 25 anni dal primo intervento comunitario in materia (la dir. 89/592/CEE) l'approccio ideologico che ha guidato l'ultima riforma non sia affatto mutato, ed anzi, sia pure sotto un'apparente revisione del lessico caratterizzante gli obiettivi perseguiti, vi sia stata una sensibile regressione rispetto a certi equilibri raggiunti con la MAD.

Ai fini di una preliminare comprensione di questo fenomeno sembra degna di attenzione quella lettura[4] che nell'esaminare l'evoluzione legislativa europea con riguardo alla tutela del mercato finanziario sottolinea come essa sia indispensabile "sia per la legittimazione del progetto europeo, sia per la prosecuzione della costruzione comunitaria", concludendo che "il mercato sia un interesse coessenziale alle finalità politiche ultime dell'Unione europea". Si sottolinea, inoltre, condivisibilmente l'intima e circolare biunivocità del rapporto tra diritto e mercato europei, nella misura in cui il diritto crea il mercato[5] e l'esistenza e l'integrità di quest'ultimo, di per sé assunta a bene giuridico, giustifica l'emanazione di sanzioni a suo presidio.

Ciò, in effetti, non è affatto nascosto all'interprete della disciplina sugli abusi di mercato: dal suo primo manifestarsi e fino ai più recenti epigoni, invero, essa ha sempre dichiaratamente avuto un afflato promozionale (variamente, del "buon funzionamento", dell'"efficienza" o dell'"integrità" del mercato e della "fiducia" riposta in esso dagli investitori[6]), il che ha sempre reso particolarmente difficoltosa, se non del tutto impraticabile, la distinzione tra bene tutelato e finalità della sua protezione[7]. L'"identità tecnocratico-economica", tuttora viva e centrale nella produzione normativa dell'Unione Europea - che del mercato ha fatto il proprio "simbolo identitario"[8] -, si è anzi oggi integralmente disvelata, accentuando a tal punto la valenza di questi sintagmi da farli tracimare in maniera inedita dagli argini dei recitals fin nell'articolato; in entrambi gli artt. 1 della MAD 2 e del MAR si proclama in approssimativa stereofonia semantica che i nuovi precetti sono volti, nell'una, ad "assicurare l'integrità dei mercati finanziari all'interno dell'Unione [ed a] rafforzare la protezione degli investitori e la fiducia in tali mercati" e, nell'altro, a "garantire l'integrità dei mercati finanziari dell'Unione e accrescere la tutela degli investitori e la fiducia in tali mercati"[9].

Si potrebbe osservare che la mutata collocazione di queste elusive "clausole programmatiche"[10] è tutto sommato ininfluente nell'economia complessiva dei testi, ma non è così. All'opposto, se si riflette congiuntamente sull'accresciuta frequenza di questi vaghi enunciati, al climax sanzionatorio compiuto rispetto alle antecedenti sistemazioni della materia[11] ed infine al ricorso allo strumento del regolamento, ci si rende conto, su un piano più superficiale, della duttilità che queste clausole hanno dimostrato nel loro reiterato impiego per legittimare riforme della disciplina degli abusi di mercato profondamente diverse tra di loro, e, più a fondo, del faticoso tentativo di preservare la sintonia di queste discipline rispetto a certi paradigmi del pensiero economico neoclassico persistentemente innestati in una serie di centrali opzioni normative.

Questo duplice sforzo non approda a miglioramenti significativi sul versante del deficit di determinatezza delle fattispecie sanzionate[12] e ciò risulta particolarmente grave a fronte dell'ampliamento dell'area del penalmente rilevante e del potenziale inasprimento punitivo[13]. Ancor più grave, però, è il generale offuscamento della comprensibilità e della ragionevolezza della disciplina provocato dalla pervicace adesione all'Efficient Capital Market Hypothesis[14] ed al ricorso al suo armamentario concettuale, oltre al contestatissimo ed apparentemente inestirpabile riferimento alla garanzia della parità informativa[15]. Per vero, proprio la formulazione di questo riferimento - che ripete quasi testualmente la dizione del considerando n. 5 della dir. 89/592/CEE - pare riassegnare alla parità informativa un ruolo sovraordinato rispetto agli obiettivi di tutela dell'integrità dei mercati e della fiducia degli investitori: essa ne sarebbe una precondizione essenziale.

Accanto ai presupposti di teoria economica, che, come si è visto, hanno prepotentemente rioccupato il centro della scena dopo un parziale arretramento nella MAD, le clausole più volte evocate (l'efficienza, la fiducia, l'integrità, il corretto funzionamento…) e soprattutto quella relativa alla parità tra gli investitori hanno costituito il fulcro su cui far leva per realizzare una significativa "eticizzazione" di un apparato repressivo già da molti presagita e temuta[16]. Il legislatore europeo, però, non si è fermato qui e, forse a tal punto condizionato dalla dichiarata esigenza di tutela della parità informativa, ha colto l'occasione dell'introduzione di MAR e MAD 2 per fare spazio ad una deriva punitiva dalle virtualità espansive sostanzialmente illimitate e di fatto slegate dalle esigenze promozionali dell'integrità del mercato e della fiducia degli investitori: ci si riferisce al fatto che le condotte abusive prese in considerazione possono essere sanzionate indipendentemente dal fatto che siano realizzate in una sede di negoziazione (considerando 8 e 43, nonché art. 2, par. 3, MAR, disposizione, quest'ultima, riprodotta nell'art. 1, par. 5, MAD 2). Senza poter approfondire ulteriormente l'argomento, ci si limita al momento a rilevare che previsioni di questo genere paiono spingersi ben al di là di quanto necessario per la realizzazione degli obiettivi prima riferiti (per tacere di quelli che, sulla scorta dei principi di proporzionalità e sussidiarietà, legittimerebbero in generale una simile "incursione" dell'Unione): se è vero che i mercati finanziari risentono delle operazioni realizzate over the counter - anche se indirettamente e di solito ex post -, le parti di simili operazioni sono ben consapevoli di non poter fare affidamento sugli ordinari controlli e sulle informazioni invece presenti nelle "sedi di negoziazione"; qualora rimanessero vittime di un abuso di informazioni privilegiate, da un lato, non potrebbe essere lesa la loro "fiducia nel mercato" (nel quale, d'altronde, neppure agivano), dall'altro, proprio la dimensione prettamente personale della vicenda considerata la sottrae all'orizzonte collettivo delle contrattazioni "di borsa" (e non solo, ovviamente) per ricondurla in seno agli ordinari, "atomistici" strumenti civilistici della responsabilità precontrattuale o contrattuale[17], nonché ai precetti penali posti a tutela del patrimonio individuale (si potrebbe, ad esempio, configurare una truffa mediante condotta omissiva)[18].

Cosicché l'impressione iniziale di fronte al disvelarsi delle regole di MAR e MAD 2 è quella di aver assistito all'apertura di una di quelle capsule del tempo tanto in voga nelle scuole statunitensi degli anni '50: il periodo trascorso sembra aver intaccato in minima parte l'impianto pericolosamentenaïfsu cui si basava la dir. 89/592/CEE, che alla luce di quanto finora anticipato sembra anzi essersi improvvidamente espanso. È senz'altro vero che su quel tronco sono cresciute molte nuove ramificazioni, ma - e qui risiede la principale difficoltà interpretativa - esse si muovono in un ambiente dalle coordinate teleologiche molto rigide: pare perciò necessario sondare quali siano gli spazi che consentano, almeno in certa misura, di intravvedere nelle pieghe dei precetti gli elementi per ricostruire alcuni profili sistematici utili a ripristinare degli essenziali presidi di garan­zia.

In altri termini, il rischio dell'impostazione normativa europea è più che evidente, dal momento che essa può provocare una problematica - e talora impraticabile - anticipazione delladisclosuree, corrispondentemente, un'indiscriminata criminalizzazione dello sfruttamento delle asimmetrie informative. Tra Scilla e Cariddi, diventa quindi ancor più pressante rispetto al passato l'esigenza di sondare il perimetro dell'area del lecito e, possibilmente, spingerlo al di là di quanto si può ricavare dall'apparato di MAR e MAD 2, affinché la differenza tra uso e abuso possa essere colta in qualcosa di meno evanescente di un paio di parentesi che racchiudono convenientemente due lettere.


2. Attriti tra principi e precetti.

Il duplice rilievo che bisogna muovere al rifondato edificio normativo degli abusi di mercato è che, da un lato, l'assolutezza delle scelte di valore (e delle inevitabili ripercussioni sul piano finalistico) su cui riposa introducono forti tensioni rispetto ad una serie di regole in esso presenti e (nonché in rapporto con altre discipline dei mercati finanziari di origine europea), mentre, dall'altro, queste stesse norme in più occasioni presentano significative frizioni rispetto ai paradigmi fissati.

Una prima osservazione di carattere generale concerne il "ritorno all'antico" operato con il richiamo surrettizio - ma di fatto sovraordinato - alla parità tra gli investitori. È in effetti sorprendente constatare che tale inattingibile ed irrealistico obiettivo continua ad orientare l'Unione Europea nelle sue riforme in materia ed a condizionare gli interpreti[19]. A voler antropomorfizzare le istituzioni europee, si direbbe che siano affette da una significativa dissonanza cognitiva; ed invero, per evidenziare l'"estremismo" teorico in cui è attualmente sospeso il corpus normativo sugli abusi di mercato, è sufficiente stabilire un parallelismo con un altro settore particolarmente esposto alle acquisizioni del pensiero economico, quale quello della politica della concorrenza: in quell'ambito l'Unione non ha mai fatto ricorso al modello di "concorrenza perfetta" elaborato dagli economisti neoclassici, e la ragione è "intuitiva, perché quel modello analitico è troppo distante dalla realtà di funzionamento dei mercati contemporanei, che sono prevalentemente di concorrenza imperfetta od oligopolistici"[20]; non solo, lungi dal rimanere ancorata ad un particolare obiettivo, la politica della concorrenza e la sua concreta implementazione nel tempo hanno conosciuto una significativa evoluzione[21].

Non solo, anche in seno alla stessa regolamentazione europea dei mercati finanziari l'orientamento del complesso disciplinare delmarket abusesi presenta significativamente eccentrico ed ormai isolato, se solo si considera l'attenzione riposta sulle imperfezioni cognitive dei clienti/investitori al dettaglio che ormai pervade trasversalmente tutti gli ultimi testi in cui si prende in considerazione il rapporto tra costoro e gli operatori bancari, finanziari o assicurativi (tra i tanti, si vedano: considerando 21, 23, 25, 27, 30 ed artt. 34, 36, 41 dir. 2007/64/CE; considerando 15, 16, 19, 20, 22 ed artt. 4, 5, 7 dir. 2014/92/UE; considerando 18, 19, 26, 27, 31 ed artt. 5, 6, 10, 11 dir. 2008/48/CE; considerando 59 ed artt. 75, par. 2, 78, par. 2 - 5, 81, par. 1, dir. 2009/65/CE; considerando 4 e 6 ed artt. 3 - 6 reg. UE 583/2010; considerando 13 - 15, 17, 18 ed artt. 6 e 8 reg. UE 1268/2014; considerando 83, 104 ed artt. 24, par. 3 - 5, 25, par. 1 - 3, MiFID 2).

La parità - o simmetria - informativa non si limita, come già detto, ad un vuoto annuncio, ma permea di sé svariati snodi dell'apparato repressivo degli abusi di mercato e, per quanto qui in particolare interessa, essa ha generato nel tempo e "trascinato" nel MAR delle insidiose presunzionijuris tantum, che dall'accertamento della contestualità tra conoscenza di informazioni privilegiate in capo ad un soggetto e della sua operatività sul mercato fanno derivare la prova dell'utilizzazione delle informazioni nelle operazioni realizzate (v. considerando 24 e 25 MAR): chi sa più degli altri non deve intervenire nel mercato e, correlativamente, per punirlo è sufficiente il fatto che sapesse e che abbia contrattato.

Ebbene, non vi è chi non veda come questo fosse proprio l'esito più contestato dell'interpretazione congiunta della dir. 89/592/CEE e della l. 157/91, cui ha posto rimedio, sul piano nazionale, la modifica della fattispecie operata nel 1998 con il t.u.f., ove si vietava agliinsidersil compimento di operazioni su strumenti finanziari "avvalendosi" delle informazioni privilegiate.

Si può in primo luogo rilevare che gli stessi considerando prima indicati non stabiliscano l'assolutezza di tali presunzioni (ciò che avrebbe altrimenti provocato un insanabile contrasto con la presunzione d'innocenza e la garanzia dei diritti di difesa sanciti dalla Carta dei Diritti Fondamentali dell'Unione Europea, nonché dalla Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo), ma anche così denotano un incauto sbilanciamento verso una più indiscriminata esigenza di effettività delle sanzioni, che prevale sulla valutazione dell'offensività delle condotte, secondo una tendenza repressiva che si è prestata acriticamente ad assecondare la "stagionale" domanda di punizioni esemplari per i crimini finanziari[22].

Un'obiezione di carattere positivo del tutto ineccepibile rispetto alla vincolatività di questi meccanismi presuntivi potrebbe forse ricavarsi dall'osservazione che essi non sono riprodotti testualmente in alcun passaggio del dettato normativo del MAR e sono del tutto assenti dalla MAD 2. Una simile confutazione, però, non terrebbe conto del percorso che ha portato all'emersione della presunzione di utilizzazione dell'informazione privilegiata, la quale, nella criticatissima interpretazione fornita dalla CGUE[23] è strettamente legata al potenziamento dell'efficacia dell'apparato sanzionatorio in un'ottica di parità informativa[24] attraverso un costante - e spesso strumentalmente distorto - riferimento ai considerando della MAD[25]. Perciò, a prescindere dalla vincolatività che s'intende riconoscere ai preamboli della normativa europea, non ci si può nascondere che essi sono oggetto di intensa frequentazione da parte della Corte del Lussemburgo, specie a causa della vaghezza della disciplina in esame, e che, per un evidente fenomeno di circolarità, gli esiti della giurisprudenza della CGUE si sono a loro volta riversati nei considerando, coerentemente con l'inasprimento sanzionatorio volutamente realizzato…e nell'assoluta indifferenza rispetto alle critiche ed ai timori manifestati. Né si può dire che la materia penale trattata nella MAD 2 vada esente da questo grave problema, solo perché, come anticipato, essa non richiama espressamente queste presunzioni, dal momento che l'influsso della MAR su di essa è sempre garantito in termini generali dal considerando 17 MAD 2 e, nello specifico, anche dal rinvio di cui all'art. 3, par. 8 della direttiva.

Da una lettura superficiale dell'articolato del MAR sembrerebbe tuttavia di poter scorgere nel suo art. 9, intitolato "condotta legittima", un appiglio in grado di fugare le preoccupazioni così precocemente avanzate. In esso sono aggregate una serie di fattispecie differenti, accomunate, però, dall'identica tecnica normativa con cui sono confezionate: invero, ogni paragrafo di quest'articolo è strutturato in modo tale da presentarsi come se fosse finalizzato ad escludere in presenza di una particolare fattispecie la presunzione di utilizzazione delle informazioni privilegiate evocata nei considerando.

La presunzione è allora resa inoffensiva? Purtroppo, no.

In realtà, questo articolo non potrebbe testimoniare meglio il rovesciamento di prospettiva provocato dalla netta adesione almarket egalitarianisme delle gravi ripercussioni applicative cui esso conduce. Invero, in alcune situazioni non ci sarebbe stato affatto bisogno di "disinnescare" la presunzione di utilizzazione se solo essa non fosse stata generalmente introdotta proprio in virtù della ricordata opzione teleologica di vertice.

Questa scelta, infatti, "acceca" il legislatore e mette in seria difficoltà l'interprete di fronte a qualsiasi operazione su strumenti finanziari alla cui base potrebbe rinvenirsi una situazione di vantaggio informativo: è questo, ad esempio, il caso dell'attività delle controparti, dei market makers, dei brokerse dei dealersche viene esonerata, purché, con formula al contempo ridondante ed incerta, sia esercitata legittimamentee nel normale eserciziodella funzione (art. 9, par. 2, MAR)[26]. Il che sul piano applicativo comporterà che l'autorità procedente debba provare che questi soggetti si siano effettivamente valsi delle informazioni privilegiate, così operando in modo illegittimo e anormale … ossia, proprio quanto avrebbe dovuto essere fatto in un sistema rispettoso del principio di offensività. In breve, non si sarebbe dovuto invertire il rapporto tra regola ed eccezione.

Analoga riflessione può svolgersi circa la deroga tracciata con riferimento al "semplice fatto che una persona utilizzi la propria cognizione di aver deciso di acquisire o cedere strumenti finanziari" (art. 9, par. 5, MAR), che altro non è se non la rappresentazione del fisiologico svolgimento di una qualsiasi decisione di investimento o di disinvestimento, laddove, come correttamente avvertito in senso restrittivo, vi è una biunivoca corrispondenza "tra l'oggetto della decisione medesima e l'operazione nei mercati finanziari"[27]. Pure in questo caso, se il sistema del MAR non fosse stato saldamente imperniato sulla parità informativa (anche sotto l'influenza della sentenza C-45/08 della GGUE), la funzione esplicativa della norma in questione ben avrebbe potuto continuare ad essere svolta attraverso un considerando (com'era d'altronde già avvenuto nella dir. 89/592/CEE e nella MAD): certamente non vi sarebbe stato bisogno di esonerare una persona dalla presunzione di uso di un'informazione privilegiata allo stato insussistente, ma su questo punto, ad ogni modo, si ritornerà con maggior approfondimento più oltre.

In altre delle fattispecie riportate (per lo più riprese seguendo la falsariga della disamina svolta dalla CGUE) non viene neanche in considerazione l'incidenza causale dell'informazione privilegiata conosciuta sul comportamento tenuto. Ciò si verifica in relazione alle condotte necessitatein cui la fonte dell'obbligo convenzionale o legale sia sorta precedentemente all'apprendimento dell'informazione e le operazioni esecutive siano state realizzate in buona fede (art. 9, par. 3, MAR[28]): sono in realtà pienamente e indiscutibilmente lecite perché le determinazioni dell'agente sono state assunteprima di conoscere l'informazione privilegiata e, qualora si tratti di adempimento di un dovere di derivazione normativa, si cadrà nell'ambito della scriminante di cui all'art. 51 c.p.

Eterogeneo è poi il contenuto della previsione di cui all'art. 9, par. 1, MAR riguardante le persone giuridiche.

Da un lato, si elide la presunzione di impiego dell'informazione privilegiata in capo alla persona fisica che abbia operato sui mercati nell'ipotesi in cui i soggetti giuridici per conto dei quali ha negoziato non abbiano realizzato talune condotte tipiche, essenzialmente sussumibili neltuyautage(cioè, l'aver "incoraggiato, raccomandato, indotto o altrimenti influenzato la persona fisica che ha acquisito o ceduto per conto della persona giuridica strumenti finanziari": art. 9, par. 1, lett.b), MAR). A tale riguardo, viene spontaneo interrogarsi sull'appropriatezza della configurazione di questa particolare ipotesi in termini presuntivi: se per vincere il meccanismo induttivo che fonderebbe la responsabilità in capo all'ente per l'operato di una persona fisica è necessario fornire la prova che manca la condotta criminale dell'ente stesso, allora tale situazione non si differenzierebbe da quella cui quest'ultimo andrebbe ordinariamente incontro sul piano probatorio. Insomma, l'esito sarebbe stato invariato anche senza la previsione in questione, che si rivela quindi superflua.

Dall'altro, si esonera l'ente dalla presunzione in parola se ha "stabilito, attuato e mantenuto disposizioni e procedure interne adeguate ed efficaci" (ad esempio,chinese walls,trading windows, grey lists… come suggerito a suo tempo dal considerando 24 MAD) atte a garantire effettivamente che la persona fisica che abbia operato per conto dell'ente stesso non l'abbia fatto conoscendo le informazioni privilegiate, o comunque ad impedire che ne fossero a conoscenza coloro che hanno a loro volta influenzato l'agente (art.  9, par. 1, lett.a), MAR). Quest'ultima previsione, in maniera molto tortuosa, ancora una volta non ha nulla a che vedere con la presunzione di utilizzazione, ma semmai con un elemento collocato considerevolmente più a monte nell'iter accertativo del compimento di un illecito: si tratta dell'imputabilità (o, se si preferisce, della riferibilità) alla persona giuridica delle azioni delle persone fisiche che ne manifestano all'esterno la volontà. Le logica è simile a quella della nostrana responsabilità amministrativa delle persone giuridiche (art. 6 d.lgs. 231/2001), in cui non si può ascrivere alla persona giuridica l'operato del suo rappresentante se essa provi di non versare in uno stato diculpa in parando/vigilando, dimostrando che è stato allestito un idoneo modello organizzativo volto alla prevenzione della commissione di reati e che l'organo competente ha svolto un'adeguata attività di vigilanza. Se chi ha commesso il reato-presupposto è riuscito a eludere le misure preventive (e della gravosa prova di una simile circostanza è comunque gravato l'ente nella legislazione nazionale), allora viene comunque meno la rimproverabilità del fatto nei confronti della persona giuridica: in simili condizioni, lo si ribadisce, l'illecito non può propagarsi dal suo autore all'ente di appartenenza e pertanto non si arriva neppure a valutare se quest'ultimo si sia avvalso delle informazioni privilegiate.

Un discorso più articolato dovrebbe essere fatto con riguardo ai casi in cui le informazioni privilegiate siano state ottenute nel corso dello svolgimento di operazioni complesse (OPA, fusioni...)[29] e siano state utilizzate esclusivamente in vista della loro realizzazione (art. 9, par. 4, MAR): il problema che tali operazioni hanno sempre posto è quello di conciliare le istanze di riservatezza dei soggetti coinvolti nelle fasi preliminari delle trattative in vista della loro riuscita con il sorgere di posizioni cognitivamente privilegiate che potrebbero essere oggetto di abuso. Come nelle altre ipotesi finora passate in rassegna, anche qui la scelta regolatoria effettuata dal legislatore europeo è stata quella di un'impropria esenzione dalla presunzione di utilizzazione, motivata in analogia a quanto fatto nell'art. 9, par. 2, MAR con l'esigenza di non paralizzare le operazioni in questione. L'inutilità e la contraddittorietà di questa esenzione stavolta si delineano non solo e non tanto in rapporto al vincolo teleologico posto all'impiego delle informazioni privilegiate per la realizzazione di operazioni del tutto lecite, quanto - e soprattutto - con riguardo alla condizione che esige il ripristino della parità informativa nel momento in cui gli investitori interessati debbano compiere le loro scelte: in altre parole, che senso ha presumere che vi sia stato un uso consapevole di un'informazione privilegiata se quest'ultima, al momento decisivo, non è più tale? Si crede che vi sia un solo modo per fornire una risposta soddisfacente a questo interrogativo e consiste nello svolgimento di una riflessione che combini ed amalgami la norma in questione con la laconica ed oscura disciplina dei "processi prolungati"[30]. Nel formulare una riserva di più articolata motivazione della soluzione di seguito proposta, da una prima considerazione in parallelo della disciplina sanzionatoria degli abusi di mercato e di quella sull'informazione continua[31] si ricava l'impressione che le profonde tensioni che si agitano sotto la superficiale unitarietà della nozione di informazione privilegiata abbiano infine generato una breccia sistematica[32], forse anche per via della sempre più elevata tendenza alla procedimentalizzazione dell'operatività delle società "aperte".

La sparpagliata regolamentazione dei processi prolungati[33], che per semplicità espositiva si equiparerà al nostro concetto di fattispecie a formazione progressiva (senza tuttavia poter assicurare che siano coincidenti, né con l'intenzione di condizionare la lettura di precetti europei mediante il ricorso a istituti nazionali[34]), considerata isolatamente ed anche nel prisma del market egalitarianism sembrerebbe imporre un'anticipata disclosure di tutte le informazioni privilegiate che possano essere identificate in stadi precoci di operazioni anche molto articolate[35]. Questa, invero, è anche la lettura imposta dalla sentenza C-19/11 (punti 44 - 49), in virtù della quale è richiesto uno scrutinio in termini di "concreta prospettiva" del verificarsi dell'evento o delle circostanze futuri (i quali possono consistere anche in successive fasi preparatorie, con evidente rischio di dar luogo ad una potenziale regressio ad infinitum) e non di una loro "elevata probabilità". Quest'ultimo parametro, a giudizio della Corte, restringerebbe eccessivamente il novero delle informazioni privilegiate da comunicare al mercato, nuocendo al pieno conseguimento dei consueti obiettivi di tutela dell'integrità del mercato e di accrescimento della fiducia degli investitori[36].

Eppure, inserendo l'involuta norma dell'art. 9, par. 4, MAR in questa cornice, pare possibile ricavare un implicito safe harbourper la preservazione della riservatezza nello svolgimento delle fasi prodromiche di operazioni strutturate (giuridicamente o fattualmente) come fattispecie a formazione progressiva: alla duplice condizione esplicita della congruenza di tutte le condotte preliminari con il fine dell'operazione stessa e della realizzazione della disclosurein prossimità dell'evento conclusivo[37] dovrà aggiungersi un ulteriore vincolo desumibile a contrario e comunque sistematicamente compatibile con le ragioni che rendono legittimo il ricorso all'istituto del ritardo ed anche a quello dei sondaggi di mercato (sul quale tra breve si spenderà qualche parola): quello della preservazione della riservatezza durante l'avanzamento nella fattispecie a formazione progressiva. Il soddisfacimento di queste condizioni, se si condivide la lettura qui tratteggiata, assicura che non vi siano approfittamenti parassitari dei vantaggi conoscitivi maturati medio tempore, e garantisce agli azionisti interessati la possibilità di un consapevole esercizio dei loro diritti[38], rendendoli in ultima istanza giudici della bontà della sequenza in procinto di chiudersi.

In altri termini, l'interrogativo da cui ha preso le mosse questa digressione, condizionato dalla logica dell'art. 9, par. 4, MAR, risultava mal posto: il momento di impiego delle informazioni privilegiate contemplato dalla norma non si colloca alla conclusione dei processi prolungati (momento in cui la disclosuredev'essere già intervenuta), ma va identificato nel lasso di tempo precedente, sennonché l'uso dell'informazione viene di fatto scriminato alle condizioni descritte. Una simile conclusione, se accolta, avrebbe inoltre il duplice pregio di affrancare questa fattispecie dalla contorta configurazione indotta dalla presunzione di utilizzazione e di darle un significato ed una portata distinti ed autonomi rispetto al mero ricorso al ritardo nella divulgazione delle informazioni privilegiate (art. 17, par. 4, MAR), in cui altrimenti potrebbe risolversi[39]. Riacquisterebbe senso anche la possibilità per l'autorità competente di accertare la sussistenza di "motivi illegittimi" (art. 9, par. 5, MAR) alla base delle operazioni realizzate, i quali, per effetto del principio di materialità, dovrebbero ragionevolmente identificarsi con oggettivi scostamenti dai comportamenti leciti o con ipotesi dicriminal insider trading. Da ultimo, ed anche questa non sarebbe cosa da poco, contribuirebbe a restituire sincerità all'espressione "condotta legittima", già ricordata nella rubrica dell'art. 9 MAR.

D'altro canto, in virtù della diretta efficacia del MAR (in cui comunque si rispecchia l'attuale assetto dell'istituto in Italia: art. 114, comma 3, t.u.f. e art. 66-bisreg. emittenti), l'emittente che stia realizzando una fattispecie a formazione progressiva può avvalersi autonomamente della possibilità di ritardare la diffusione delle informazioni privilegiate[40], nel rispetto dei presupposti che vincolano l'esercizio di questa facoltà (potenziale dannosità dell'immediata disclosure, probabile non decettività del ritardo, garanzia di riservatezza delle informazioni medio tempore: art. 17, par. 4, lett. a), b) e c), MAR). La notizia del ricorso al ritardo informativo dovrebbe essere fornita soltanto ex post all'autorità di vigilanza[41], dimostrando altresì di aver rispettato le condizioni di legittimità della procrastinazione.

L'onnipresente parità informativa rischia di uccidere nella culla un'altra significativa novità presente nella MAR di cui si è detto in esordio: ci si riferisce ai sondaggi di mercato (art. 11 MAR). I sondaggi, in effetti, sono già noti alla prassi, che vi faceva ricorso per acquisire anticipatamente informazioni funzionali all'adozione di scelte consapevoli nell'operatività sul mercato finanziario. Tuttavia la congerie di vincoli e adempimenti (art. 11, par. 3 - 6, MAR[42]) cui deve sottostare chi effettua il sondaggio ed anche chi lo riceve, però, rende particolarmente macchinoso avvalersene. Oltre a ciò bisogna considerare che molto facilmente chi effettua il sondaggio può rendersi responsabile di comunicazione illecita di informazioni privilegiate (art. 10 MAR e art. 4, par. 2, MAD 2).

Nel prendere atto di tutti questi oneri e rischi, ci si persuade che l'istituto dei sondaggi di mercato sarà scarsamente utilizzato e non potrà efficacemente prestarsi a salvaguardare canali comunicativi privilegiati tra amministratori e soci di riferimento, su cui pure ha messo l'accento il considerando 32 MAR[43].

Degna di attenzione è infine la tensione tra le enunciazioni di principio presenti nei considerando nn. 6, 55, 56 MAR e 132 - 135 MiFID 2 circa le PMI[44] e loro contraddittoria attuazione nei rispettivi testi. Da un lato, infatti, si sostiene la necessità di facilitare l'accesso al mercato dei capitali per le PMI e di agevolare l'ulteriore sviluppo dei mercati specializzati (c.d. mercati di crescita: artt. 4, par. 1, n. 12, e 33 MiFID 2), mentre, dall'altro, si pone l'imperativo di raggiungere "un corretto equilibrio tra il mantenimento di livelli elevati di protezione degli investitori, essenziali per promuovere la fiducia di questi ultimi negli emittenti attivi su tali mercati, e la riduzione degli oneri amministrativi non necessari per gli emittenti sugli stessi mercati" (considerando n. 133 MiFID 2). Già quest'ultimo duplice obiettivo si presenta in sé antitetico, in quanto la variazione di uno dei due termini di questa funzione non può che reagire negativamente sull'altro (com'è evidente: mantenere livelli elevati di protezione innalza gli oneri amministrativi, mentre ridurre questi ultimi abbassa la protezione garantita agli investitori). Inoltre, in questo problematico compromesso neppure è stabilito o comunque desumibile che una di queste due finalità sia preminente rispetto all'altra, così da consentire un bilanciamento caso per caso.

All'atto pratico, facilitazioni ed agevolazioni divengono rarefatte poiché: a)come visto, l'ampliamento degli obblighi di informazione continua[45] ha interessato indiscriminatamente anche gli emittenti con titoli negoziati su MTF, OTF (art. 3, par. 1, n. 7 e 8, MAR) e mercati di crescita (che del resto altro non sono che un sottoinsieme dei MTF: art. 33, par. 1, 2 e 3, MiFID 2); b) gli emittenti negoziati su MTF o OTF, tra cui anche le PMI, sono assoggettati agli obblighi di comunicazione concernenti le operazioni effettuate da persone che esercitano funzioni di amministrazione, di controllo o di direzione ed a tenere un elenco di costoro (insider dealing: art. 19, par. 4, lett. b), MAR)[46]; c) sebbene sia testualmente previsto che gli emittenti ammessi alla negoziazione su mercati di crescita[47] non debbano tenere gli elenchi di chi ha accesso alle informazioni privilegiate (art. 18, par. 6, MAR), per poter godere di tale esenzione devono comunque essere "in grado di fornire, su richiesta, all'autorità competente unelenco di persone aventi accesso a informazioni privilegiate" (art. 18, par. 6, lett.b), MAR). Cosicché, per non tenere un elenco … bisognerà pur tenerne uno, il quale potrà forse essere redatto anchea posteriori rispetto alla richiesta dell'autorità (con tutte le difficoltà del caso) e non dovrà magari rispettare gli standard tecnici che saranno stabiliti dall'ESMA e dalla Commissione (art. 18, par. 9, MAR), ma rappresenterà comunque un onere per l'emittente.

Com'è a questo punto evidente, al di là delle pur apprezzabili intenzioni agevolative del legislatore europeo, si registra un forte appiattimento della disciplina delle PMI e dei relativi mercati su quella dei mercati regolamentati e degli emittenti quotati[48], con una cospicua violazione del principio di proporzionalità e della logica del "pensare anzitutto in piccolo"[49], che nei fatti sarà prevedibilmente seguita da un considerevole aumento dei costi legati alla scelta di uno "sperimentale" accesso al mercato dei capitali di rischio.

Specialmente alla luce dei lavori preparatori che hanno preceduto l'adozione di MAR e MAD 2 e dei propositi che parallelamente hanno ispirato la MiFID 2, un simile esito non solo non era prefigurabile, ma risulta profondamente irragionevole e non consequenziale. Così cristallizzato l'assetto della regolamentazione primaria, sarà difficile che le misure tecniche attuative possano mitigare l'impatto fortemente disincentivante che la combinata applicazione di tutte queste misure potrebbe avere. La sensazione, dunque, è che si sia persa l'ennesima occasione per introdurre un habitat favorevole alla crescita finanziaria delle imprese europee attraverso una maggiore apertura ai mercati e che al contempo ci sia il rischio di debilitare i canali alternativi già esistenti.

3. (segue) Poca chiarezza, molta oscurità ed una dose di ignavia.

Prima di chiudere questa rassegna su alcune delle principali criticità del nuovocorpusnormativo, non ci si può esimere dal segnalare alcune ulteriori rilevanti distonie tra certe dichiarazioni di principio di portata generale e la loro attuazione.

Tra i primi considerando del MAR, si ritrova invero l'affermazione della necessità di "un nuovo strumento legislativo per garantire regole uniformi echiarezza dei concetti di base" (considerando n. 3), cui si unisce quella - parallela e speculare - della riduzione della complessità normativa (considerando n. 4), e l'esigenza di definire "in modo più chiaro le regole applicabili" (considerando n. 5); tale logica riecheggia anche nel considerando n. 6 della MAD 2, ove, con una certa ingenuità si afferma che con l'introduzione di sanzioni penali "almeno per le forme gravi di abusi di mercato, si stabilisconoconfini chiariper i tipi di comportamenti che sono ritenuti particolarmente inaccettabili"…senza tuttavia che sia articolata alcuna seria riflessione sulla nitidezza del concetto di gravità dell'abuso (su cui si tornerà più avanti), per non parlare dell'immutata indeterminatezza di molti elementi-chiave delle fattispecie.

La chiarezza tanto frequentemente invocata, però, sembra un obiettivo mancato nella elaborazione delle disposizioni: per limitarci all'esempio forse più emblematico, si può prendere in esame la figura dell'investitore ragionevole, oggetto di una clausola incautamente e approssimativamente importata dall'elaborazione economica neoclassica (ove, per vero, si parla di investitore razionale) e dalla successiva sedimentazione dottrinaria e giudiziaria d'oltreoceano[50]. Nel duplice giudizio ipotetico che anche alla luce dell'art. 7, par. 2 e 4, MAR (richiamati nella MAD 2 dall'art. 2, n. 4) dev'essere soddisfatto per accertare l'illiceità della condotta di un "iniziato" che abbia operato sul mercato sulla base delle informazioni privilegiate a lui note, l'investitore ragionevole[51] continua imperturbato a giocare un ruolo problematicamente rilevante nella determinazione dell'idoneità dell'informazione privilegiata a determinare una significativa variazione nei prezzi degli strumenti finanziari (price sensitivity).

Pur essendo stato introdotto per conferire maggiore determinatezza alla fattispecie dell'abuso di informazioni privilegiate, l'alter egogiuridico di questo concetto economico si è immediatamente "ribellato" al destino di svolgere un ruolo chiarificatore, prestandosi viceversa con versatilità ad ogni sorta di inquadramento. Ciononostante, considerate le sue origini e l'impostazione tecnocratica del legislatore europeo, non è infondato presumere che si volesse conservare in questo archetipo le caratterizzazioni e gli attributi astrattamente riconosciutigli dagli economisti che lo hanno posto al centro dei loro modelli di mercato (stabilità delle preferenze, capacità di immediata individuazione delle informazioni rilevanti, capacità di istantanea elaborazione delle informazioni, capacità di immediata adozione di scelte coerenti che massimizzano l'utilità dell'investimento rispetto alle preferenze, capacità di apprendimento dagli errori…); questa illazione potrebbe essere confortata dal fatto che si è conseguentemente cercato di depotenziare le capacità espansive dell'area dell'illecito, altrimenti dilatate dalle superiori qualità cognitive e decisionali dell'investitore ragionevole, sfumandole con delle clausole elastiche ("presumibilmente", nell'attuale art. 181, comma 4, t.u.f. - "probabilmente", nell'art. 7, par. 4, MAR) e mescolando l'informazione privilegiata tra i vari elementi che l'investitore pondera nell'adottare le sue decisioni[52].

Il progresso degli studi economici - ed in particolare le ultime acquisizioni della finanza comportamentale[53] - ha però ampiamente dimostrato l'astrattezza e la fallacia del modello dell'investitore ragionevole ed anche sul piano giuridico era stata generalmente denunciata l'inutilità euristica di una figura ideale impossibile da discernere nella pluralità di soggetti che agiscono nei mercati finanziari avvalendosi delle competenze e degli strumenti più diversi ed indirizzando le proprie preferenze secondo impulsi spesso tutt'altro che razionali. Non solo, se già l'accertamento di ipotesi diinsider trading deve avvenire sulla base di un meccanismo di prognosi postuma, la cui bontà può essere assai facilmente inficiata dall'inconscia ingerenza dell'hind-sight bias, sarebbe forse stato opportuno evitare di inquinarlo ulteriormente con il parametro dell'investitore ragionevole, suscettibile nella sua vaghezza di prestarsi - come in effetti è avvenuto - alle ricostruzioni più eterogenee.

Alle critiche sin qui svolte deve aggiungersi una considerazione ulteriore concernente la sempre più elevata - e, in taluni casi, preponderante - presenza nel mercato di operatori che si avvalgono delle già richiamate tecniche di negoziazione algoritmica e ad alta frequenza[54]. Escludendo o comunque minimizzando l'intervento umano diretto nelle operazioni di negoziazione, queste particolari tecniche di negoziazione rendono sostanzialmente inapplicabile il parametro dell'investitore ragionevole, poiché introducono nella platea dei soggetti operanti nel mercato un fattore di vistosa eterogeneità non solo sul piano operativo, ma anche nelle fasi di elaborazione delle informazioni e di conseguente adozione delle decisioni di investimento, dal momento che o esaminano informazioni diverse da quelle considerate come price sensitive nella legislazione vigente, o comunque lo fanno in modo diverso rispetto alle persone fisiche. Proprio a quest'ultimo riguardo, è il caso di notare che simili modalità operative possono recidere qualsiasi rilevanza eziologica all'informazione privilegiata sia sul versante penalistico, sia su quello privatistico. Da un lato, non è irrealistico prefigurarsi che gli operatori che ricorrono a simili tecniche potrebbero effettuare negoziazioni o non tenendo conto dei dati eventualmente ritenuti rilevanti dagli operatori "fisici" (o considerandone addirittura alcuni palesemente falsi, come è accaduto in occasione di un tweet che annunciava il ferimento del presidente Obama all'esito di un'esplosione alla Casa Bianca), oppure effettuandone - magari anche in virtù di tali dati - di segno opposto a quello generalmente seguito da questi ultimi: se questa, in ipotesi, fosse la dinamica generativa della maggior parte degli ordini su un certo mercato, allora come si potrebbe pretendere di utilizzare il parametro dell'investitore ragionevole come punto di riferimento? Dall'altro, di fronte alle caratteristiche della negoziazione algoritmica e ad alta frequenza non si possono riproporre pedissequamente alcune delle (contestabili) premesse su cui riposa la fraud on the market theory[55] ed in particolare quella secondo cui chi opera sul mercato lo fa confidando nell'integrità dei prezzi, passaggio argomentativo, questo, divenuto di centrale importanza nelleclass actions statunitensi per danni derivanti dalle negoziazioni diinsiders, poiché introduce una presunzione relativa di affidamento che semplifica il superamento della fase preliminare dicertification dell'azione intentata.

In altra ottica, per superare il prevedibile rilievo che i programmi in base ai quali si realizzano tali modalità ditradingsono comunque frutto dell'elaborazione umana - alla quale soltanto si può ascrivere il connotato della ragionevolezza - è sufficiente osservare che la loro concreta operatività è comunque vincolata dalla configurazione fornita dal programmatore e dalle impostazioni selezionate dall'operatore, oltre ad essere condizionata dalle loro convinzioni, dai loro pregiudizi, dai loro errori, ma mancano della più sofisticata capacità di adattamento a situazioni impreviste tipica dell'uomo, per quanto ci si sforzi di riprodurla.

Altro profilo differenziale è che gli algoritmi si distaccano e si distinguono dall'opera di loro ideatori ed utilizzatori, poiché al ritmo vertiginoso a cui funzionano possono seguire traiettorie di negoziazione imprevedibili rispetto ai parametri iniziali o comunque non sono interamente governabili dagli addetti ad essi preposti (a loro volta certo non scevri da tutti i fattori condizionanti l'operato umano), specialmente al presentarsi delle situazioni impreviste prima ricordate. Ciò deriva dal fatto che la loro struttura rappresenta fondamentalmente la traduzione delle previsioni in merito al funzionamento e all'andamento del mercato di riferimento in orizzonti temporali limitatissimi, nonché di una serie di tecniche e modalità di negoziazione, in una sequenza di combinazioni congetturali, possibilmente tanto più distanti dalla concreta realtà operativa, quanto più rigidi o limitati siano i loro parametri.

Oltre alla quanto meno incompleta prevedibilità degli esiti operativi di queste tecniche, i programmi alla loro base sono segreti e differenti per ciascun intermediario, quindi potrebbe non essere in alcun modo possibile per un emittente (né per uninsider, o, se è per questo, per qualsiasi altro terzo) prefigurarsi se e come un'informazione privilegiata possa essere presa in considerazione daitraderalgoritmici.

Non solo, la stessa struttura degli algoritmi potrebbe essere rivolta a generare l'invio di una serie di ordini finalizzati a disorientare gli altri investitori ed a lucrare sull'ambiguità venutasi a creare, prescindendo completamente dalle informazioni immesse sul mercato dagli emittenti e senza che tale condotta integri necessariamente una manipolazione di mercato (o, almeno, che sia facilmente rilevabile come tale). Viceversa, l'andamento delle negoziazioni altrui, specie se si tratta di grandi investitori istituzionali, potrebbe essere contemplato quale ulteriore fonte di influenza per le reazioni di un certo algoritmo, in maniera analoga a quella registrabile nei fenomeni di c.d.herding, seppure con la differenza che, grazie all'eccezionale celerità (i tempi sono nell'ordine di microsecondi e millisecondi), l'obiettivo è quello di anticipare le mosse intuite dei concorrenti per eroderne i guadagni attesi appropriandosene. La conseguenza in entrambi i casi è che un algoritmo di negoziazione isolatamente considerato può funzionare in maniera radicalmente diversa in presenza dell'interazione con altri programmi analoghi, rendendo ancor più imprevedibile l'esito di queste influenze reciproche.

In definitiva, l'operatività sui mercati ad un certo livello potrebbe anche tradursi in un gioco di specchi, in cui i trader osservano e mimano gli uni gli altri cercando di precedersi a vicenda (basti considerare che sui maggiori mercati finanziari statunitensi nel 2012 le negoziazioni effettivamente perfezionate sono state solo il 3% degli ordini immessi[56]), con un tangibile allontanamento dalla centrale rilevanza che le informazioni privilegiate rivestono, almeno nel mondo del diritto. In aggiunta, le reazioni alle informazioni privilegiate da parte di chi adopera algoritmi per negoziare ad alta frequenza, per quanto visto, potrebbero essere assolutamente imprevedibili ed eterogenee ed in un ambiente in cui la presenza di una tale categoria di operatori sarà sempre crescente non è possibile non tenere conto della diversa dinamica che permea il loro operato. Tornando, quindi, alla sfera giuridica, se è pur vero che è impossibile introdurre parametri strettamente numerici per identificare laprice sensitivity, forse non sarebbe stato eccessivamente arduo compiere uno sforzo nel senso di imprimere una maggiore oggettività al parametro in questione, eventualmente facendo riferimento agli indicatori diprice sensitivity elaborati a suo tempo dal CESR e calandoli nel contesto delle ordinarie negoziazioni di quel particolare emittente (CESR,Level 3 - second set of CESR guidance and information on the common operation of the Directive to the market, 2007, doc. CESR/06-562b, punti 1.14 e 1.15). Si sarebbe almeno evitato che la presenza dell'investitore ragionevole facesse da supporto ad argomentazioni che, pur constatando vari profili di inefficienza o di anomalia del mercato e la diffusa irrazionalità (o "a-razionalità") dei suoi operatori, li trascurassero valendosi ugualmente delle semplificazioni dell'ECMH (tra cui, in special modo, la già ricordata presunzione relativa di affidamento dell'investitore verso i mercati efficienti), in mancanza di altri - e forse più precisi - strumenti conoscitivi. Cosicché, il testo del MAR, nel lasciare al suo posto l'investitore ragionevole, ha fallito sia nel garantire maggiore chiarezza all'individuazione della fattispecie dell'abuso di informazioni privilegiate, sia nel rimuovere indizi sistematici a favore di una concezione efficientistica del mercato utilizzabili anche in altre branche del diritto (ad esempio, nella responsabilità da mancata o scorretta informazione sul mercato secondario).

La chiarezza, comunque, fa difetto su più piani: 1) la scelta di ripartire la nuova disciplina tra un regolamento ed una direttiva provoca molteplici difficoltà di lettura, nella misura in cui molti dei concetti e degli istituti comuni ad entrambe sono definiti solo in uno dei due testi (generalmente, nel MAR), cui l'altro fa rinvio (come si è avuto modo di vedere con le "condotte legittime", a cui si può aggiungere anche la definizione di "informazione privilegiata": art. 2, par. 1, n. 4, MAD 2); ciò, da un lato, rende in molti casi più apparente che reale il margine di "discrezionalità recettiva" dei singoli stati membri (il che potrebbe anche non rappresentare sempre un male, specie se riguardato nell'ottica dell'uniformità regolamentare), mentre, dall'altro, impone primariamente agli stati e poi agli operatori giuridici ed economici un arduo sforzo ricostruttivo; 2) nell'intento di creare un quadro unitario della normativa sui mercati finanziari, sono presenti plurimi rinvii ad altri regolamenti o direttive, anche su aspetti centrali della materia disciplinata (basti pensare alla nozione stessa di "strumento finanziario", caso esemplare di rinvii a catena: dagli artt. 2 e 3, rispettivamente di MAD 2 e MAR, si passa all'art. 4, par. 1, n. 15), MiFID 2, che a sua volta indirizza alla sez. C dell'all. I di quella direttiva); 3) come già rilevato all'inizio di questo lavoro, il MAR sembra in larga parte essere frutto di un malaccorto e asistematico assemblaggio di vari elementi prima dislocati nell'intricato corpuscui la procedura Lamfalussyaveva dato origine con la strutturazione multilivello delle misure attuative e delle linee-guida concernenti la MAD: se ciò per un verso è inteso a garantire (rectius, aspirare a garantire) una maggiore uniformità applicativa nei vari stati membri, per altro verso, sopprime i margini di flessibilità del precedente sistema[57] e non migliora significativamente l'"eccentricità" normativa, in quanto la realizzazione di un'impressionante serie di orientamenti e di misure tecniche integrative è demandata all'ESMA (artt. 4, par. 4; 5, par. 6; 7, par. 5; 11, par. 9, 10 e 11; 13, par. 7; 16, par. 5; 17, par. 10 e 11; 18, par. 9; 19, par. 15, 20, par. 3; 25, par. 9; 26, par. 2; 33, par. 5, MAR); 4) l'armonizzazione massima che si vorrebbe garantire per mezzo del ricorso ad un regolamento è in realtà poco più che un auspicio, poiché, malgrado l'opzione punitiva amministrativa prevalga generalmente su quella penale (anche per sottrarsi al bis in idem): i) gli stati membri possono comunque optare di non munire di un presidio sanzionatorio amministrativo quegli illeciti che siano già oggetto di sanzione penale (art. 30, par. 1, secondo periodo, MAR); ii) gli stati membri hanno sensibili margini di discrezionalità nell'individuazione di violazioni ulteriori da assoggettare alle sanzioni amministrative rispetto a quelle già elencate (art. 30, par. 1, MAR), oltre che nella selezione e gradazione delle sanzioni da ricollegare alle varie fattispecie (art. 30, par. 2 e 3, MAR); iii) non è affatto chiaro cosa possa succedere nel caso in cui uno stato membro non dia attuazione alle previsioni regolamentari entro il 3 luglio 2016 e resta in particolare dubbia la stessa possibilità di una diretta applicazione del nutrito elenco di comminatorie del MAR (art. 39, par. 3, MAR); 5) si registra un'elevata segmentazione dei precetti punitivi, in quanto la definizione delle loro fattispecie trova generalmente la propria sede in una disposizione (ad esempio: artt. 8, 10, 12 MAR ed artt. 3 - 6 MAD 2, i quali ultimi, per vero, recano anche l'obbligo per lo stato membro di introdurre sanzioni penali), i relativi divieti sono dislocati altrove (artt. 14 e 15 MAR) e le sanzioni, infine, sono elencate in coda (art. 30 MAR ed artt. 7 e 9 MAD 2); 6) la tendenza presente nella MAD 2 è quella di imporre la penalizzazione di tutta una serie di fattispecie in presenza del dolo dell'agente ed in funzione della loro gravità, che però non risulta affatto definita nell'ambito dell'articolato, bensì soltanto nei considerando 11 e 12[58]; da questi ultimi, tralasciate le ipotesi dicriminal insider o di particolari qualità o qualifiche dell'agente, sembra deducibile che si voglia indirizzare gli stati membri verso la configurazione di reati d'evento, mentre sinora, e non solo in Italia, gli abusi del mercato finanziario erano fattispecie di pericolo.

Da ciò potrebbe discendere una conseguenza imprevista (e quasi sicuramente indesiderata dal legislatore europeo[59]): data l'estrema difficoltà di prova dell'evento di danno, la sanzione penale, benché rafforzata, si trasformerebbe in un silente guardiano degli scambi, lasciando il campo libero all'applicazione delle sanzioni amministrative del MAR, le quali, peraltro, a causa della loro potenziale severità, potrebbero non sottrarsi alla riqualificazione come matière pénale in senso sostanziale nella prospettiva della più recente giurisprudenza della CEDU e della CGUE … con un effettivo, ed in certa misura auspicabile, sovvertimento dei lineamenti del pasticciato doppio binario sanzionatorio[60] facoltativo tracciato nei considerando di MAR e MAD 2, e specialmente nel recital n. 72 del MAR, il quale rispecchia nitidamente la sostanziale mancata presa di posizione del legislatore europeo sulla unicità o duplicità dell'apparato sanzionatorio. Sennonché, a livello nazionale - e non solo - sorgono gravi dubbi proprio a causa delle ormai indiscusse criticità in punto di osservanza del principio del contraddittorio e dell' imparzialità dell'organo giudicante nell'ambito del procedimento sanzionatorio amministrativo[61] (punti 116-123 e 136-137 della sentenzaGrande Stevens, peraltro ampiamente superati dalla durezza delle critiche mosse - punti 2, 5-7 e 32 - dai giudici Pinto de Albuquerque e Karakaş nella loroopinion parzialmente dissenziente unita alla pronuncia), che presumibilmente sarà sempre il primo ad essere attivato ed a giungere a conclusione.

A questo punto, non è forse peregrino rebus sic stantibussuggerire un'interpretazione conforme alla CEDU degli artt. 187-decies, comma 2, e 187-duodeciest.u.f., che possa concorrere a prevenireil realizzarsi dell'inammissibile bis in idem[62].

In particolare, il primo dei due precetti citati statuisce che "il Presidente della Consob trasmette (id est, deve trasmettere) al pubblico ministero, con una relazione motivata, la documentazione raccolta nello svolgimento dell'attività di accertamento nel caso in cui emergano elementi che facciano presumere la esistenza di un reato. La trasmissione degli atti al pubblico ministero avviene al più tardi al termine dell'attività di accertamento delle violazioni [...]"; il secondo, invece, dispone che "il procedimento amministrativo di accertamento e il procedimento di opposizione di cui all'articolo 187-septiesnon possono essere sospesi per la pendenza del procedimento penale avente ad oggetto i medesimi fatti o fatti dal cui accertamento dipende la relativa definizione".

Orbene, se solo si considera che nel caso dell'abuso di informazioni privilegiate la sovrapponibilità tra reato e violazione amministrativa è pressoché totale(attualmente solo il trading, il tippinged il tuyautageda parte del tippee- e non anche del tuyautee- sono sanzionati amministrativamente: art. 187-bis, comma 4, t.u.f.), e che pertanto la CONSOB nell'esercizio dei suoi poteri di indagine su questo fronte viene a conoscere vicende che in larga misura rappresentano notitiae criminis, la trasmissione della relazione motivata e dei documenti al pubblico ministero deve avvenire praticamente sempre ed "al più tardi al termine dell'attività di accertamento"[63]. Sia in base ad un'interpretazione letterale e sistematica[64], sia in base alle conclusioni della CEDU, si potrebbe argomentare che la trasmissione degli atti di cui parla l'art. 187-decies, comma 2, t.u.f. conduca alla perdita del potere sanzionatorio in capo alla CONSOB (fatta comunque salva l'eventuale imposizione delle misure cautelari: art. 187-octies, comma 6, t.u.f.).

Come avviene nell'ipotesi di connessione oggettiva tra illecito amministrativo e reato (exart. 24 l. 689/1981, che nonostante il diverso avviso di vari autori[65], non pare essere testualmente derogato dall'art. 187-duodecies t.u.f.), deriverà l'esclusiva giurisdizione e competenza dell'autorità giudiziaria ordinaria, poiché, ai fini della cognizione penale, anche in tal caso sarà necessario stabilire preventivamente se il fatto sanzionato in via amministrativa sia stato commesso[66].

A sua volta, il giudice penale, investito dell'esame dell'unico fatto contemplato e sanzionato sia in ambito penale, che amministrativo, potrà applicareesclusivamentele sanzioni penali per almeno due ordini di motivi, l'uno legato ai confini della sua giurisdizione, che non si può estendere a pene la cui imposizione non è formalmente rimessa al potere giudiziario, e l'altro al fatto che le sanzioni amministrative del t.u.f., come accertato nella sentenzaGrande Stevens, hanno natura sostanzialmente penale ed una loro ipotetica applicazione cumulativa darebbe luogo ad un'ingiusta duplicazione sanzionatoria, da scongiurare mediante un'applicazione estesa del principio di assorbimento (ne bis in idemsostanziale). Differentemente, nel caso in cui si presenti un'ipotesi di connessione oggettiva tra reato e illecito amministrativo, allora il giudice sarà pure competente a decidere su quest'ultimo ed eventualmente ad applicare la relativa sanzione in ossequio al disposto dell'art. 24 l. 689/1981. In entrambi i casi, in presenza del raggiungimento di una decisione dell'autorità giurisdizionale passata in giudicato, la CONSOB non potrà procedere con la fase sanzionatoria del procedimento di sua competenza.

Non vi sarebbe, peraltro, alcuna interferenza con il precetto dell'art. 187-duodeciest.u.f.[67], poiché, anche in pendenza del procedimento penale, il procedimento amministrativo potrebbe senz'altro proseguire fintantoché non si concluda la fase dell'accertamento (e sino a tale momento la norma dell'art. 187-duodecies t.u.f. espressamente delimita il suo ambito temporale d'efficacia): ove, però, si sia in presenza di un'ipotesi di connessione oggettiva tra un mero illecito amministrativo ed il compimento di un reato (ex art. 24 l. 689/1981), anche alloradovrà darsi luogo alla trasmissione degli atti all'autorità giudiziaria ordinaria, con conseguentecessazione (enon sospensione) di ogni potere in capo alla CONSOB. Con l'instaurarsi del procedimento penale sarebbero inoltre salvaguardate tutte quelle garanzie sostanziali e procedimentali la cui lesione è stata lamentata dai giudici di Strasburgo, come avvertito poc'anzi. Non solo, si eviterebbe altresì di sovraccaricare gli apparati statali con due distinte indagini, accompagnate dal rischio di diverse pronunce sui medesimi fatti, pericolo, quest'ultimo, condivisibilmente sottolineato anche nell'opinion dei giudici Pinto de Albuquerque e Karakaş (punto 27).

Si osserverà che una simile lettura spoglierebbe nella sostanza la CONSOB di larghissima parte del suo potere sanzionatorio in presenza di abusi di informazioni privilegiate, ma questo è il portato dell'iniqua - e certo non necessitata - serie di duplicazioni punitive riscontrabile nel nostro ordinamento: l'autorità amministrativa potrà comunque proseguire il proprio procedimento soltanto laddove lacondotta concretamente tenutasia sanzionatasoltantosul piano amministrativo (in ciò richiamando l'attenzione della CEDU per la materialità del fatto storico rispetto alle fattispecie astratte ed in applicazione del principio di specialità sancito dall'art. 9 l. 689/1981, nei residui ambiti di applicabilità) enonsi presenti alcuna ipotesi diconnessione oggettivacon un reato.

Opinare diversamente alla luce delle conclusioni della sentenza Grande Stevens, peraltro, avrebbe conseguenze di ben altra portata, in quanto comporterebbe realizzare una surrettizia - quanto inammissibile - depenalizzazione degli reati in materia di abusi di mercato[68]: allo stato attuale, infatti, l'irrogazione della sanzione all'esito di un procedimento amministrativo impedirebbe l'inizio o la prosecuzione del processo e la conseguente condanna penale. Un simile esito, ad ogni modo, concorre insieme alle altre considerazioni altrove svolte ad imporrede jure condendo una netta distinzione degli illeciti penali ed amministrativi, ossia l'opposto dell'attuale doppio binario sanzionatorio.

Viceversa, l'approdo qui prefigurato non sarebbe ad ogni modo così esiziale, se solo si pone mente al fatto che l'opera di accertamento dell'autorità amministrativa potrebbe rappresentare un qualificato e valido ausilio per un tempestivo ed accorto esercizio dell'azione penale.

Un più articolato discorso meriterebbe d'essere svolto in relazione alle fattispecie di manipolazione del mercato (artt. 185 e 187-tert.u.f.), ove più numerosi e sensibili sono invece i profili di differenziazione…e più ancora sembrano destinati ad aumentare all'esito del recepimento della normativa europea qui commentata[69]. Nella consapevolezza che i profili distintivi tra le due fattispecie punitive di manipolazione del mercato sono assai dibattuti sia in dottrina, che in giurisprudenza e che in queste pagine non è possibile fornire un quadro ricostruttivo sia pure sintetico, ci si può limitare ad affermare che la soluzione prima adombrata potrebbe essere trasposta anche in questo ambitomutatis mutandis in quei casi di identità tra la fattispecie (concreta) sanzionata al contempo penalmente ed amministrativamente, in cui quindi non sia possibile applicare il principio di specialitàex art. 9 della l. 689/81, o nelle ipotesi di connessione oggettiva tra violazione amministrativa e reato.

Complessivamente, una simile lettura ha il pregio di ricostruire una serie di percorsi procedimentali vincolati tra autorità amministrativa ed autorità giurisdizionale, che non sacrificano la celerità dell'intervento sanzionatorio e preservano il rispetto degli essenziali presidi garantistici, almeno per le ipotesi di illeciti di maggiore gravità (reati ed violazioni amministrative oggettivamente connesse ad essi). D'altro canto, non pare che, pur con il conforto dei dettami della CEDU, l'interpretazione possa spingersi oltre per rimediare ad una serie di altri dilemmi provocati dall'afflato "iper repressivo" del diritto interno, perdurando così ancora in taluni casi la competenza esclusiva della CONSOB per l'irrogazione di sanzioni amministrative pecuniarie dalla natura sostanzialmente penale, nonché residue possibilità disimultanei processus(penale e di opposizione).

Tali dubbi, tuttavia, potranno essere definitivamente sciolti soltanto se all'esito del recepimento della normativa europea nel nostro paese ed anche negli altri stati membri si riuscirà, nel rigoroso rispetto dei principi di proporzionalità e di sussidiarietà, nonché della doverosa progressività e coerenza dell'apparato sanzionatorio, a tracciare una netta linea distintiva tra reati e violazioni amministrative[70], cosicché non possano più ripresentarsi rischi di duplicazioni procedimentali e cumuli sanzionatori. Ciò in consonanza con il sensato indirizzo per cui "una legislazione severa non è sufficiente a determinare comportamenti virtuosi"[71], comea posteriori testimonia la stessa infruttuosaescalation punitiva…sebbene, a dire il vero, sia davvero difficile immaginare un impopolare temperamento - o anche solo una razionalizzazione - dello strumentario repressivo in un paese, come il nostro, che si è così ampiamente e negativamente distinto nel settore della criminalità economica.

Se anche tale auspicio fosse accolto, non ci si può comunque esimere dal rilevare un ulteriore serio profilo critico circa l'effettiva imparzialità della CONSOB nel suo complesso in relazione ai procedimenti sanzionatori di sua competenza in una prospettiva il cui esame non è stato sinora sottoposto alla giurisprudenza ed è stato avvertito solo dalla dottrina più accorta[72]. Il timore sorge in relazione alla previsione dell'art. 187-undecies t.u.f., che attualmente riconosce a tale autorità la facoltà di costituirsi parte civile e richiedere nel processo penale la riparazione dei danni cagionati dai reati ex artt. 184 e 185 t.u.f. all'integrità del mercato[73]: in conseguenza di ciò pare che la CONSOB versi in una situazione di tangibile ed immanente conflitto di interessi rispetto a quelle condotte simultaneamente costituenti reato ed illecito amministrativo. Infatti, essa può percepire sia le somme derivanti dall'esazione delle sanzioni amministrative comminate (art. 187-octies, comma 14, t.u.f.)[74], sia quelle derivanti dall'accoglimento in sede giurisdizionale delle pretese risarcitorie e riparatorie lì azionate, per non dimenticare l'immancabile effetto "amplificatore" dalla confisca amministrativa obbligatoria prevista dall'art. 187-sexies t.u.f., sulla quale si deve notare incidentalmente la mancanza di qualsiasi accenno nel MAR[75]. È da supporre, anzi, che tali canali di alimentazione del proprio fabbisogno finanziario saranno tanto più intensamente sfruttati in conseguenza dell'azzeramento dei trasferimenti a carico dello Stato causato da quanto previsto nell'art. 8, comma 3, d.l. 95/2012[76], potenzialmente generando un effetto collaterale perverso, ossia riducendo in maniera sensibile le possibilità di effettivo ristoro patrimoniale per i danneggiati e le loro associazioni rappresentative, la cui legittimazione attiva è concorrente - e non subordinata - a quella della CONSOB, pur non disponendo della medesima ampiezza di poteri.

Cosicché, nella misura in cui la CONSOB presenta un interesse, anche solo potenziale, a ricorrere al rimedio risarcitorio in relazione a condotte di cui si trovi a valutare la liceità amministrativa, essa dovrebbe astenersi dall'irrogare sanzioni in questi casi e ciò sia che ci si limiti a prendere in considerazione le garanzie tipiche del procedimento amministrativo (artt. 1 e 6-bisl. 241/1990 in combinazione con l'art. 8, comma 5, reg. sanzioni), sia che si vogliano ritenere applicabili quelle tipiche del processo penale (trattandosi dell'applicazione di sanzioni sostanzialmente penali: art. 36, comma 1, lett. a), c.p.p. in combinazione con l'art. 8, comma 5, reg. sanzioni). Né può ritenersi assistito dalle garanzie di imparzialità (sia ai sensi dell'art. 6 CEDU, sia degli artt. 97, comma 2, o 111, comma 2, Cost., a seconda dell'inquadramento dogmatico ritenuto preferibile[77]) un procedimento in cui l'organo giudicante sia già designato dalla legge stessa quale soggetto danneggiato e perciò legittimato a richiedere in via diretta il risarcimento dei danni per i medesimi fatti sottoposti al suo giudizio.

Tale situazione è suscettibile di ulteriori complicazioni ed aggravamenti all'indomani della sentenza Grande Stevens, se solo si pensa, come già accennato, che l'imposizione delle sanzioni amministrative potrebbe impedire l'inizio o la prosecuzione del processo penale, acuendo il conflitto di interessi in capo all'autorità di vigilanza, che in questo scenario resterebbe unica dominadi un variegato arsenale di sanzioni amministrative e civile. A tutto ciò, evidentemente, non può rimediarsi attraverso la mera rimozione dell'art. 187-undeciest.u.f., poiché anche in sua assenza la CONSOB potrebbe comunque chiedere (come già discutibilmente faceva in passato, vedendo per giunta più volte accolte le sue richieste) di essere risarcita per le lesioni subite con riguardo alla frustrazione dei propri fini istituzionali, così come definiti dagli artt. 5 e 91 t.u.f.: salvaguardia della fiducia nel sistema finanziario, tutela degli investitori, stabilità, competitività e buon funzionamento del sistema finanziario, efficienza e trasparenza del mercato del controllo societario e del mercato dei capitali, osservanza delle disposizioni in materia finanziaria[78]. La soluzione, piuttosto, ancora una volta risiede nel compimento di accorte scelte normative che ridefiniscano i confini tra gli illeciti penali e quelli amministrativi, eliminando ogni ambito di sovrapposizione, e che eventualmente spostino la legittimazione all'esercizio delle azioni risarcitorie in capo al ministero dell'economia e delle finanze, secondo lo schema già noto, ad esempio, in materia di danno ambientale.

Come si vedrà alla fine di questo studio, ad ogni modo, il recepimento di MAR e MAD 2 è solo uno tra i molteplici fattori suscettibili di indurre imprevedibili capovolgimenti del nostro quadro normativo nel prossimo futuro, ragion per cui si è consapevoli che il presente spunto possa avere vita breve. Ciononostante, lo si è formulato anche nell'auspicio che possa contribuire a mitigaremedio temporel'applicazione della disciplina repressiva degli abusi di mercato ed a fornire un'utile base per gli interventide jure condendo.

4. L’insider di se stesso nella nuova disciplina: il requisito dell’alterità dell’informazione rispetto al suo utilizzatore…

Come in precedenza anticipato, il forte "sbilanciamento" nell'ottica della garanzia della parità informativa della nuova disciplina europea ha fortemente condizionato anche le modalità dell'inserimento nel testo normativo di un elemento che a lungo è stato relegato nei considerando delle direttive precedenti e del quale si è da più parti invocato l'innalzamento al rango di precetto, soprattutto allo scopo di tracciare dei confini solidi alle forti possibilità di espansione applicativa dell'apparato di sanzioni che si è avuto modo di constatare: si parla della problematica configurabilità della figura del c.d. insiderdi se stesso, la quale è oggi approdata nella scomoda sede dell'art. 9, par. 5, MAR[79].

L'incapacità di delineare con sufficiente precisione i valori protetti dalle comminatorie sugli abusi di informazioni privilegiate rispecchia una problematica che il legislatore europeo, con le sue ultime scelte, come visto, ha soltanto amplificato e forse è stato per via della consapevolezza delle criticità generate che si è sentito il bisogno di creare dei safe harboursanche per quanto riguarda gli abusi di informazioni privilegiate e non solo per le fattispecie di abusi manipolativi[80].

Per quanto sinora affermato ed a dispetto delle dichiarazioni di principio che affollano i considerando di MAR e MAD 2, la certa inidoneità delle norme (rectius, di qualsiasi norma) sull'abuso di informazioni privilegiate ad introdurre e proteggere un'irrealizzabile parità informativa sui mercati finanziari non dovrebbe consentire già in partenza di punire la condotta di chi agisce esclusivamente sulla scorta delle proprie decisioni[81]: non si può certo ritenere che si sia indebitamente conseguita una posizione di privilegio informativo solo perché si è maturata la risoluzione di effettuare una certa operazione finanziaria[82]. Lo stesso dicasi per chi ha preso una decisione basandosi su informazioni precedentemente in suo possesso[83].

Una simile conclusione è tuttavia insoddisfacente, una volta dimostrato che la dilagante parità informativa non consente distinzioni tra privilegi meritevoli e immeritevoli, né in relazione alle modalità della loro formazione.

Per altro verso, ai fini della risoluzione della questione qui affrontata, non si reputa necessario invocare l'esistenza di un "diritto di proprietà" sull'informazione da parte di chi la ha "creata", diritto che si tradurrebbe in sostanza nella facoltà di sfruttare esclusivamente ed in maniera lecita l'informazione[84]: è pur vero che gli artt. 8, par. 1, MAR e 184 t.u.f. parlando di "possesso di informazioni privilegiate" evocano la terminologia che connota la relazione materiale con un bene tipica nell'ambito dei diritti reali, ma per quanto qui interessa le acute argomentazioni svolte sul punto si rivelano maggiormente utili a discernere e giustificare la liceità delle condotte di tutti coloro (tra cui le agenzie di rating, i consulenti ed i giornalisti finanziari[85]...) che sostengono un costo per reperire o anche per elaborare dati (artt. 20 e 21 MAR) e poi si servano dell'informazione così "raffinata" per cederla, oppure per compiere o raccomandare operazioni basate su di essa[86], anziché a fornire uno spunto decisivo con riguardo a qualsiasi altro soggetto che si limiti a decidere di compiere certi atti o serie di atti.

Piuttosto, pare il caso di sottolineare - come anche altri hanno fatto[87] - che della nozione di "informazione privilegiata" continua a restare in ombra proprio il fulcro intorno a cui ruota sia la disciplina dell'informazione continua, che quella repressiva degli abusi di mercato, ossia il concetto stesso d'informazione, che nel tempo è stato sempre più arricchito con esiti discutibili di connotazioni e qualifiche, ma non è stato mai esplicitato.

Dell'informazione in sé, quindi, in mancanza di qualsiasi definizione normativa, non sembra potersi rilevare uno scollamento rispetto alla sua accezione ordinaria: essa, in altri termini non può che consistere nel dato che interseca ed incrementa ab externo il patrimonio cognitivo di un soggetto[88]. È vero che tale "alienità" non è più letteralmente desumibile da alcun testo normativo vigente[89] è stato espunto, ma ciò non impedisce di dedurne la rilevanza da molteplici altri indici logici, testuali e sistematici.

Sul primo versante, senza potersi dare spazio ad una divagazione filosofica al riguardo, affermare che ciò che una persona intende fare rappresenti per essa un'informazione equivarrebbe a scindere artificiosamente sul piano giuridico il momento volitivo da quello puramente conoscitivo in una rincorsa degna d'un paradosso eleatico, secondo una logica simile a quella cui si accederebbe accogliendo le conclusioni di CGUE, 28 giugno 2012, C-19/11, sulle fattispecie a formazione progressiva.

Un'autonoma determinazione interna di acquisto o di vendita di strumenti finanziari, anche se derivante dalle superiori capacità di analisi del suo ideatore, non costituisce, però, in capo a lui una posizione di vantaggio informativo che egli possa sfruttare indebitamente, né di per sé gli assicura di operare senza correre rischi sul mercato. Non solo, il coerente sviluppo dell'assunto che vorrebbe in tal modo completamente ed acriticamente compenetrate volontà ed informazione ai fini della disciplina punitiva - e che purtroppo è adombrato nel MAR - può condurre a delle aporie nella misura in cui nessuno potrebbe più eseguire (o far eseguire) alcuna operazione frutto di una propria decisione(/informazione privilegiata), nota (ovviamente) a soltanto a se stesso; non solo da diverso punto di vista, la logica presuntiva introdotta con il MAR ciò potrebbe insidiosamente implicare l'obbligatorietà dell'intervento sanzionatorio per ogni operazione che generasse un sensibile scostamento nei corsi di un certo titolo: la mera realizzazione della condotta farebbe sempre presumere l'esistenza di una decisione/informazione a monte[90], in maniera ancor più ampia ed indiscriminata di quanto temuto da alcuni studiosi all'indomani della prima apparizione normativa nel nostro ordinamento dell'insider trading[91] e senza che sia affatto agevole fornire prova contraria.

Simili conclusioni appaiono tuttavia da respingere, poiché in primo luogo obliterano il preciso e persistente riferimento funzionale alla "ragione" di apprendimento delle notizie da parte dell'insider (art. 8, par. 4, MAR, ma di questo si dirà più oltre) e, poi, risentono di un vizio di fondo legato all'interferenza dei modelli interpretativi sperimentati, da un lato, nell'ambito degli obblighi di comunicazione al pubblico, e, dall'altro, nell'ambito dell'insider trading. In particolare, stante la già ricordata parziale sovrapponibilità al vertice tra le due discipline, le tendenze espansive che si registrano rispetto al complesso degli obblighi informativi degli emittenti offuscano, anche se forse in modo non del tutto consapevole, pure il dibattito intorno all'abuso di informazioni privilegiate, dove invece è necessario che l'interpretazione sia orientata da particolari rigore e prudenza, nel rispetto del principio di legalità ed allo scopo di scongiurare ingiustificate dilatazioni dell'intervento punitivo[92].

Gli ultimi riferimenti impongono di allargare nuovamente gli orizzonti a considerare gli spunti desumibili dai testi normativi, da cui si può facilmente evincere che l'interocorpus disciplinare europeo ed italiano in materia diinsider trading presuppone l'acquisizione dell'informazione da una fonte esterna alla sfera volitivo-conoscitiva dell'agente.

Iniziando dalle fonti europee, non si può mancare di ribadire che da più parti è stata enfatizzata l'importanza dei considerando che si sono accompagnati a tutte le fonti europee della materia, spesso evidenziandone non solo il ruolo ausiliare all'interpretazione delle norme da esse introdotte, ma anche una forte valenza assiologica.

In un quadro di accresciuta incertezza definitoria e di vaghezza nell'individuazione del bene giuridico e degli interessi protetti, come già visto, il rischio di "straripamento" teleologico della disciplina sull'insider trading è stato chiaramente avvertito a livello sovranazionale e di ciò fornisce conferma il fatto che il considerando 30 della MAD ("poiché l'acquisizione o la cessione di strumenti finanziari implica necessariamente unadecisione preliminare di acquisire o di cedere da parte della persona che procede ad una di queste operazioni, non si dovrebbe considerare che il fatto di effettuare questo acquisto o cessione costituisca di per sé un'utilizzazione di un'informazione privilegiata") sia stato così riadattato nel MAR: "Il semplice fatto che una persona utilizzi la propriacognizione di aver deciso di acquisire o cedere strumenti finanziari per l'acquisizione o la cessione di tali strumenti finanziarinon costituisce di per sé utilizzo di informazioni privilegiate" (art. 9, par. 5, MAR). La norma, di cui si è già rilevata l'impropria formulazione finalizzata ad esonerare l'agente da una presunzione relativa di utilizzazione dell'informazione, è però tutt'altro che irrilevante in un quadro in cui la portata dei divieti operativi per l'insider rischia di essere indiscriminatamente onnicomprensiva: questa avvertenza serve a delineare taluni profili di (in)offensività dell'illecito ed a contenerne la potenziale propagazione entro i limiti del principio di proporzionalità.

Passando, quindi, all'ambito nazionale, è pure dato di reperire vari indizi che univocamente convergono nell'attribuire rilevanza alle modalità con cui si è avuto accesso all'informazione[93]. In particolare, è orientamento unanime e pacifico quello secondo cui gli illeciti previsti dagli artt. 184 e 187-bis, comma 1, t.u.f. siano di natura propria, nonostante il testo di queste disposizioni sembri deporre nel senso che chiunque possa commetterli: invero, solo chi sia in possesso delle informazioni privilegiate "in ragione" di un rapporto qualificato con l'emittente (o con un altroinsider) può porre in essere le condotte sanzionabili e conferma di ciò si può ritrarre anche sul piano della nuova normativa europea, che presenta un elenco di soggetti tipici (art. 8, par. 4, MAR), completato poi da una clausola di chiusura, la quale comunque denota il contatto tra l'insider secondario ed il primario (art. 8, par. 4, MAR). Analoga conclusione si può altresì ricavare dalla disciplina dei sondaggi (11, par. 1, MAR), e,a contrario, da quella sulla comunicazione illecita di informazioni privilegiate (art. 10 MAR), laddove l'anomalia del travaso informativo rispetto all'ordinaria modalità di svolgimento del rapporto, la mancanza di obblighi di riservatezza e la consapevolezza (anche solo potenziale) della natura privilegiata delle informazioni costituiscono già i presupposti minimi per la realizzazione di una loro circolazione illecita dall'insider primario al secondario.

Questo legame funzionale rappresenta l'indispensabile antecedente logico-causale che fa oltrepassare la soglia dell'illiceità a comportamenti altrimenti consentiti, fornendo all'interprete il più solido aggancio circa la necessaria provenienza esterna delle informazioni[94]: solo per effetto dell'esistenza e dell'attuazione del rapporto (organico, societario, lavorativo, professionale...) con l'emittente l'informazione giunge al soggetto ed incide sul suo processo decisionale. Come detto, è questa contiguità a definire la posizione di potenziale privilegio[95], che diviene a sua volta attuale nel momento della trasmissione del dato cognitivo[96], e pertanto la fortuità del contatto con la fonte dell'informazione non espone l'informato ad alcun divieto o sanzione.

Ciononostante, se ci si fermasse a questa constatazione, il market egalitarianism in tutte le sue varie declinazioni si potrebbe facilmente riaffacciare nel percorso interpretativo, inquinandone gli esiti ed esponendolo in special modo al rischio di overinclusion[97]: certe condotte (peraltro del tutto inoffensive) potrebbero essere sanzionate solo perché attuate da chi sapeva di più. In proposito, è ormai incontestato che l'abuso non si concretizza nel momento acquisitivo della notizia, il quale anzi può essere in sé perfettamente lecito, se non addirittura doveroso, bensì nell'impiego che l'"iniziato" ne fa[98]. Bisogna allora mettere a fuoco quest'ultimo aspetto ed apportare una specificazione importante, il cui pregio è stato talvolta intuito dalla dottrina più accorta nel momento in cui qualificava come "indebito" lo sfruttamento dell'informazione privilegiata, restando però latente il parametro rispetto al quale valutare la ricorrenza di tale connotazione. In questo senso, sembra di poter affermare che l'abuso dell'informazione privilegiata è "funzionale"[99] ed il suo sfruttamento "indebito" in quanto l'insider, una volta conseguita la notizia, la piega ad interessi alieni (propri o altrui) tradendone l'originaria finalità (o "funzione d'uso", mutuando l'espressione dal linguaggio aziendalistico)[100] e se ne serve al riparo da rischi per estrarre un profitto parassitario nel lasso di tempo che intercorre fino alla sua avvenuta disseminazione nel mercato.

Che questo profitto sia poi ottenuto o meno ad oggi non rileva ai fini dell'irrogazione di condanne penali a carico dell'insider[101] (ma con il recepimento della MAD 2 presumibilmente lo sarà), poiché la repressione s'incentra sull'utilizzazione egoistica di informazioni conseguite esclusivamente in virtù del rapporto (diretto o indiretto) più volte ricordato e non grazie a migliori abilità analitico/predittive o in virtù dell'esecuzione di un programma d'investimento di cui si sostengono tutti gli oneri ed i rischi.

Quanto detto, peraltro, non comporta che anche sotto la futura vigenza di MAR e MAD 2 la radice del divieto di abuso di informazioni privilegiate, potrà (o dovrà) essere riconosciuta nell'inosservanza di un preesistente fiduciary duty o, più in generale, di un dovere di correttezza, il quale può variamente gravare su certi soggetti in relazione all'attività svolta o all'ufficio o funzione ricoperti, ma non può certo investire tutti i potenziali "iniziati", né ogni loro possibile scelta di investimento o comportamento comunicativo; tantomeno si vuole sostenere che sia la difformità dell'operato del singolo rispetto ad un vago e sovraordinato interesse sociale[102] a spiegarne l'illiceità, bensì soltanto e più limitatamente che essa debba essere constatata caso per caso sulla scorta della divergenza tra funzione d'uso dell'informazione (da identificarsi in base al contesto operativo in cui si cala ed al suo grado di precisione[103]) e la concreta destinazione che ad essa è impressa per effetto delle azioni che l'insider compie sulla sua scorta.

Tracce dell'"interversione" del possesso dell'informazione realizzata dall'insider si possono ravvisare sul piano normativo nell'art. 8, par. 1, MAR, nell'art. 3, par. 2, MAD 2 e nell'art. 184, comma 1, t.u.f., laddove, ad esempio, si evidenzia che egli pone in essere sul mercato operazioni "per conto proprio o per conto di terzi" e quindi incongruenti con gli interessi sottesi alla comunicazione della notizia; lo stesso vale con riguardo l'incidenza causale dell'insider sulle scelte d'investimento altrui: indurre o comunque raccomandare ad altri a fare ciò che personalmente non è consentito presenta la stessa carica di disvalore di una diretta esecuzione delle operazioni.

Meno evidente è ad una prima lettura il significato da attribuire all'"anormalità" della comunicazione della notizia (tipping) rispetto all'esercizio del lavoro, della professione, della funzione o dell'ufficio a causa del quale la si è appresa; se però, come sembra condivisibile, non è tanto alle mansioni, agli obblighi, ai poteri e ad ogni altra caratteristica astrattamente tipica di tali rapporti che si deve guardare, bensì anche qui ad un profilo funzionale, allora emerge che in questo caso, come segnalato da autorevole dottrina, deve concludersi per la liceità dell'"utilizzazione delle informazioni quando tale impiego sia coerentecon la ragione per la quale la comunicazione dell'informazione è stata legittimamente effettuata: l'uso dell'informazione privilegiata [...] non costituisce violazione dei divieti degli artt. 184, 1° co., o 187-bist.u.f., limitatamente ai casi nei quali l'utilizzazione della conoscenza privilegiata sia funzionaleal compimento di operazioni (qualunque ne sia la tipologia) strumentali alla realizzazione di esigenze dell'emittente (o del soggetto che ne ha il controllo)" (corsivi aggiunti)[104].

Il principio che è così parso di poter enucleare, naturalmente, dev'essere considerato nell'ottica della destinazione dell'informazione privilegiata ad essere utilizzata nel mercato finanziario[105]: la consistenza e l'istantaneità dei profitti - nonché la magnitudo degli eventuali pregiudizi a terzi ignari - che si possono ingiustamente[106] ricavare in tale ambiente operando in condizioni di ridotta o nulla esposizione al rischio grazie alle informazioni privilegiate ottenute possono rappresentare l'elemento chiave idoneo a soddisfare il principio di sussidiarietà, ed a giustificare così l'intervento sanzionatorio lì (ed esclusivamente lì) dove ogni altro rimedio civilistico preventivo o successivo risultava inidoneo a tutelare adeguatamente il risparmio (artt. 47 e 117, comma 2, lett.e), Cost.).

Tale criterio fornisce inoltre un'utile chiave di lettura del diverso e meno intenso disvalore dell'insider secondario che traspare oggi dal suo trattamento sanzionatorio: rispetto a quest'ultimo, infatti, manca la stabile prossimità che lega l'insider primario alla fonte dell'informazione privilegiata ed è perciò meno percepibile (se non del tutto ignoto) quale fosse l'originaria funzione d'uso della conoscenza ottenuta, cosicché l'uso "eterodosso" che ne può fare il tippee o il tuyautee risulta meritevole di una sanzione differente e ridotta rispetto a quello dell'"iniziato"[107]. Anche per questo si crede che l'art. 187-bis, comma 4, t.u.f. menzioni la conoscenza o la conoscibilità in base all'ordinaria diligenza della natura privilegiata dell'informazione quali stati soggettivi rilevanti per l'applicabilità della sanzione amministrativa pecuniaria: mentre per gliinsiders primari si può dire che il contatto istituzionale con le informazioni esclude inre ipsa l'ignoranza circa la loro natura (ed il loro scopo), per gli altri soggetti è necessario indagare le circostanze dell'apprendimento. Ed in fondo il fine di questo accertamento altro non è se non quello di verificare che iltippee o iltuyautee usando l'ordinaria diligenza avrebbero potuto almeno accorgersi della provenienza dell'informazione privilegiata da uninsider, il che, muovendosi nell'ordine di idee qui accolto, implica la loro colpevole ignoranza in merito all'avvenuto distacco dell'informazione dalla sua iniziale funzione d'uso, quale che essa fosse stata. Quest'equilibrio, tuttavia, è destinato ad essere travolto dalla generalizzata omologazione sul piano sanzionatorio diinsider primari e secondari per le condotte ditipping etuyautage prevista dall'art. 4, par. 3, MAD 2, ed al riguardo non si può che auspicare che nel recepimento della direttiva si voglia ponderare sulla cornice edittale da riservare a queste figure per far sì che, pur accomunate dalla sanzione penale agliinsiderprimari, non siano a loro ingiustamente equiparate (come oggi questi ultimi lo sono sul piano della pena detentiva a chi si rende responsabile di manipolazioni di mercato).

5. …ed il requisito della liceità dei propositi dell’insider.

Partendo dalla imprescindibile alterità dell'informazione privilegiata rispetto al patrimonio cognitivo dell'insidersi è così creduto possibile scorgere un elemento in grado di gettare nuova luce sulla valutazione del profilo abusivo della condotta di costui: si tratta della conformità o meno dell'impiego dell'informazione rispetto alla sua funzione d'uso (già identificata con il bisogno o interesse altrui che lo sfruttamento dell'informazione privilegiata è strumentalmente diretto ad appagare).

Questa ricostruzione si consolida grazie alle conferme che si possono ancora una volta evincere dalla trama nazionale e sovranazionale delle fonti che governano la materia.

In primo luogo, l'art. 8, par. 5, MAR, ultimo di una catena di precetti analoghi, stabilisce che i divieti operativi sanciti nei paragrafi precedenti si applicano alle persone fisiche che prendono parte alla decisione di compiere un'operazione per conto di una persona giuridica. La scelta così effettuata nella direttiva non è priva di ripercussioni sull'ordinamento italiano, poiché il suo scopo è quello di circoscrivere la punibilità delle condotte di chi delibera di mettere in atto, esternandola, la volontà dell'organizzazione cui appartiene[108]: solo chi non opera nell'interesse dell'ente, bensì coltiva il proprio tornaconto, va soggetto a sanzione[109]. Proprio per la sua natura scriminante, questa previsione deve orientare l'interpretazione e l'applicazione delle pene previste nel nostro ordinamento in modo da tenere al riparo coloro che si inseriscono nella fase esecutiva del procedimento deliberativo societario in consonanza con la volontà dell'ente così come formata e manifestata secondo le prescrizioni legali e statutarie[110].

A questa copertura, però, giustamente si sottraggono quegli usi dell'informazione privilegiata che, pur in sintonia con gli interessi dell'ente collettivo (ed anzi proprio in virtù di ciò o della realizzazione di un vantaggio), si traducono nella commissione di illeciti amministrativi ad esso ascrivibili - o "rimproverabili", per adoperare la terminologia della relazione ministeriale di accompagnamento al d.lgs. 231/2001 - per tramite dei soggetti in posizione apicale o sottoposti all'altrui direzione o vigilanza enumerati nell'art. 187-quinquies, comma 1, lett. a)e b), t.u.f.[111].

Analoghe considerazioni sono state già svolte in precedenza[112] per le fattispecie cui si riferiva il considerando 18 MAD, che ora corrisponde all'art. 9, par. 2, MAR. In questa sede ci si limita ad aggiungere che la mera esecuzione dell'ordine[113] non può in alcun modo presentare profili di antigiuridicità, in quanto, anche in mancanza della previsione di una specifica scriminante (e quella dell'art. 9, par. 2, per la sua formulazione non può essere considerata tale, ma, come più volte detto, si tratta soltanto di un dispositivo operante esclusivamente sul piano probatorio), trova comunque applicazione la norma dell'art. 51 c.p.. Un profilo di illiceità del comportamento dell'intermediario può allora emergere solo laddove tra l'ordine ricevuto e le operazioni effettuate sia riconoscibile uno iato funzionale del genere già descritto in precedenza[114] .

A questi tasselli si aggiunge il l'art. 5 MAR (a sua volta richiamato dal considerando 9 MAD 2 ed eccettuato dall'ambito di applicazione di questa direttiva dall'art. 1, par. 3, lett. a) e b)), che prefigura le condizioni di liceità delle negoziazioni di azioni proprie e delle operazioni di stabilizzazione di strumenti finanziari nell'ottica degli abusi di mercato, condizioni che dovranno poi essere normativamente specificate dall'ESMA, che a sua volta le presenterà alla Commissione per l'adozione; a livello nazionale, i riferimenti sono dati dall'art. 183, comma 1, lett. b), t.u.f., nonché dagli artt. 34-septies e 144-bis reg. emittenti. L'insieme delle regole introdotte e di futura introduzione, attraverso l'individuazione di finalità tipiche, di obblighi informativi e di vincoli operativi, tende a reprimere fenomeni patologici di sfruttamento di informazioni elaborate dagli stessi emittenti, specie di carattere manipolativo. L'estrema complessità della materia rende tuttavia pressoché impossibile raggiungere un definitivo equilibrio tra le opposte istanze di riservatezza e flessibilità operativa, da un lato, e di trasparenza, dall'altro, cosicché il considerando 12 MAR concorre opportunamente ad indicare che non tutte le operazioni realizzate al di fuori dei casi ammessi devono ritenersi di per sé illecite. Ai limitati fini dell'indagine che si sta svolgendo, comunque, ciò vale a provare che perfino nel settore in cui maggiormente se ne paventava l'incidenza, ossia nella negoziazione dei propri strumenti finanziari[115], non solo la condotta dell'"insider di se stesso" può essere riconosciuta come lecita a certe condizioni e finalità, ma anche che, al di fuori di queste, non se ne può reputareipso facto la contrarietà ad espressi divieti. Al riguardo si potrà forse utilmente ricorrere al criterio fin qui proposto ed affinato: pertanto, ove gli amministratori provvedano ad effettuare tali operazioni in conformità alle direttive assembleari o statutarie o della controllante e queste a loro volta non presentino dei profili di illiceità (nei termini esposti all'inizio di questo paragrafo), allora non si potrà concludere che siano integrati i presupposti dell'abuso di informazioni privilegiate.

Al termine di questa ricognizione resta da affrontare la clausola di chiusura del sistema rappresentata dalla figura del criminal insider[116]. Storicamente inserita nella MAD in reazione agli atti terroristici dell'11 settembre 2001, essa presenta cionondimeno una portata tale da ricomprendere qualsiasi delitto la cui preparazione o esecuzione è in grado di mettere l'agente a conoscenza di informazioni privilegiate (art. 8, par. 4, lett.d), MAR; artt. 184, comma 2, 187-bis, comma 2, t.u.f.). La sua introduzione si era resa necessaria per reprimere quelle condotte che si collocherebbero per la loro natura al di fuori dello spettro applicativo della disciplina repressiva dell'insider trading poiché in relazione ad esse non si può riscontrare la necessaria alterità dell'informazione rispetto all'agente: l'informazione privilegiata è nel caso in parola costituita dalla stessa preparazione o esecuzione del reato a cui sia connesso uno sfruttamento borsistico delle cognizioni ricavate, che prevedibilmente avrà degli effettiprice sensitive sul titolo (o sui titoli) interessato(/i).

Pertanto, ancorché non si possa parlare propriamente di un'informazione, bensì di un proposito interno, e non sia dato riscontrare un disallineamento tra quest'intenzione e la sua concreta attuazione, il genetico ed intrinseco disvalore della condotta del criminal insider non potrebbe essere più evidente e merita plauso la scelta operata dal legislatore europeo e recepita nel nostro ordinamento grazie alla quale è stata chiusa una grave falla del sistema repressivo[117].

In sintesi, l'analisi condotta porta a maturare il convincimento che nonostante il massiccio allineamento alla logica della parità informativa la disciplina degli abusi di informazioni privilegiate sia percorsa da una logica binaria valida tanto per le persone fisiche, quanto, mutatis mutandis, per i soggetti giuridici e che questa logica possa essere espressa in questi termini: 1) non è antigiuridica ogni forma di sfruttamento dei propri propositi sul mercato finanziario quando essi siano leciti in partenza; 2) di "informazione privilegiata" si può parlare solo in presenza di un fenomeno trasmissivo di un dato precedentemente alieno alla sfera cognitiva del suo percettore[118] e lo sfruttamento che egli faccia di questo dato nel mercato non è abusivo nei limiti in cui risulta conforme alla sua originaria funzione d'uso (oltre ad essere corrispondentemente lecito nella misura in cui questa funzione d'uso lo sia). Il risultato che si ritiene di aver raggiunto nell'ambito del fenomeno del c.d. insider di se stesso è rilevante e suscettibile di essere esportato anche in altri ambiti della nuova disciplina sugli abusi di mercato, specialmente per limitare certe derive eticizzanti e mitigare "i rischi di una disciplina normativa che, per voler essere onnicomprensiva, conduce poi, in concreto, nel vicolo cieco costituito, a seconda dei casi, dalla sua applicazione a fattispecie lecite affatto differenti da quelle che si intendono reprimere, ovvero alla sua inattuazione in ragione della genericità della norma incriminatrice"[119].

 

 

6. Troppi attori sul palco delle riforme?

I suggerimenti sin qui articolati, ad ogni modo, possono soltanto aspirare a contenere le spinte impetuose di una regolamentazione ipertrofica e mal concepita, ma non sono assolutamente idonei a risolvere un problema di fondo, ossia il fatto che MAR e MAD 2 potrebbero dimostrarsi essi stessi degli insidiosi nemici per l'integrità dei mercati che asseriscono di tutelare: la fuga dai mercati regolamentati (principalmente a causa dei costi di varia natura che impongono agli emittenti, non ultimi quelli diretti ed indiretti relativi alla disclosure[120]) ha fatto la fortuna delle piattaforme alternative di scambio, le quali, però, si sono viste lentamente riassorbire nelle medesime spire che stanno soffocando le "gloriose" borse valori, nell'illusione legislativamente alimentata che la finanza possa essere democratica.

Dall'altro lato, le preoccupazioni sin qui adombrate acquistano ulteriore peso, se raffrontate a livello nazionale con un orizzonte legislativo profondamente incerto a causa del parallelo affollarsi di molteplici impulsi endogeni ed esogeni suscettibili di influenzare in maniera scoordinata la futura conformazione degli obblighi informativi e del regime degli abusi di mercato.

Da una parte, infatti, è stata approvata la legge di delegazione comunitaria per l'anno 2014 (l. 114/2015), il cui art. 11 contiene apposita delega al governo per l'attuazione della disciplina sin qui discussa, senza che tuttavia siano poste anche solo le premesse per rimediare a nessuno nei problemi che si è toccato in precedenza, stante l'assoluta genericità dei principi e criteri direttivi, peraltro aggravata quando si limitano a ripetere pedissequamente le prescrizioni di MAR e MAD 2. A ciò si somma l'ancora inesaurito dispiegarsi delle conseguenze della sentenza Grande Stevens, che al momento vedono la pendenza di fronte alla Corte costituzione di due giudizi scaturiti dalle ordinanze dei giudici della V sezione penale e della sezione tributaria della Corte di Cassazione (l'una depositata il 15 gennaio 2015, n. 1782, l'altra il 21 gennaio 2015, n. 950). Con la prima sono state poste due questioni di legittimità relative all'art. 187-bist.u.f. e, subordinatamente, all'art. 649 c.p.p., entrambe volte a conseguire l'adeguamento dell'ordinamento interno ai principi ed alla giurisprudenza CEDU[121], mentre nella seconda l'oggetto era l'art. 187-ter t.u.f.. Se, da un lato, è plausibile immaginare che l'attuazione della legge di delegazione comunitaria precederà i giudici della Consulta (o che in ogni caso costoro attenderanno l'intervento del potere legislativo, come avvenuto, ad esempio, con la sentenza n. 60/1990 o con la ordinanza n. 438 dello stesso anno), va rimarcato che essa continua a non proporre alcuna forma di coordinamento tra il procedimento sanzionatorio presso la CONSOB ed il giudizio penale, ed anzi si continua a profilare un "doppio binario" con una seconda condanna par différence[122] di dubbia compatibilità con ilne bis in idem di matrice CEDU.

Imprevedibile è invece la possibile reazione delle corti territoriali, le quali potrebbero medio temporeconformarsi all'autorevole opinione[123] che, in caso di precedente definizione del procedimento sanzionatorio amministrativo, riconosce la possibilità al giudice penale di pronunciarsi in diretta applicazione dell'art. 50 della Carta dei Diritti Fondamentali dell'Unione Europea per il proscioglimento o per l'improcedibilità dell'azione penale per bis in idem ex art. 649 c.p.p., interpretato conformemente agli indirizzi espressi dalla CEDU nel caso Grande Stevens[124].

Da ultima, la CONSOB certamente avrà - come ha sempre avuto - un ruolo centrale nella ridefinizione dell'assetto della normativa secondaria, ma le notevoli reticenze da essa dimostrate nel procedere alla revisione del proprio reg. sanzioni non lasciano intravvedere al momento un avvenire sereno per i procedimenti in corso e per quelli che saranno instaurati prossimamente, a dispetto delle severe censure mosse dalla CEDU e, più in generale, dell'esigenza di un doveroso ripensamento in chiave unitaria dell'intero quadro dei procedimenti sanzionatori innanzi alle autorità amministrative indipendenti[125], costantemente oggetto di spinte eccentriche ed agitato da importanti profili di disomogeneità ed illegittimità.

NOTE

  • 1) Sebbene la novità dei testi non abbia ancora consentito la formazione di un'articolata riflessione al riguardo, alcune anticipazioni, spunti e prime analisi si possono rinvenire in Fr. Mucciarelli, La nuova disciplina eurounitaria sul market abuse: tra obblighi di criminalizzazione e ne bis in idem, 2015, p. 1 ss., disponibile sul sito http://www.penalecontemporaneo.it; M. Sepe, Abusi di mercato, in Manuale di diritto bancario e finanziario, a cura di F. Capriglione, Padova, 2015, p. 771 s., 787 s., 791 ss.; M. Haentjens, P. de Gioia-Carabellese, European banking and financial law, New York, 2015, p. 42 ss.; P. Sfameni, A. Giannelli, Diritto degli intermediari e dei mercati finanziari2, Milano, 2015, p. 332; F. D'Alessandro, Regolatori del mercato, enforcement e sistema penale, Torino, 2014, p. 78 ss.; L. Foffani, Politica criminale europea e sistema finanziario: l'esempio degli abusi di mercato, in Dir. pen. cont., 2014, n. 3-4, p. 66 ss., ove anche per un panorama degli apparati sanzionatori in ambito europeo (su cui si veda anche la valutazione d'impatto delle proposte di regolamento e direttiva sugli abusi di mercato, contenuta nella Comunicazione della Commissione SEC(2011) 1217, p. 25 ss.); S. Giavazzi, L'abuso di informazioni privilegiate, in Diritto penale delle società, I, a cura di G. Canzio, L.D. Cerqua e L. Lupária, Padova, 2014, p. 673 ss.; M. Ventoruzzo, Comparing insider trading in the United States and in the European Union: history and recent developments, Law Working Paper 257/2014, p. 21 ss.; G. Strampelli, L'informazione societaria a quindici anni dal T.U.F.: profili evolutivi e problemi, in Riv. soc., 2014, p. 991 ss.; E. Amati, Abusi di mercato e sistema penale, Torino, 2012, p. 55 ss., 427 ss.; A.F. Tripodi, Informazioni privilegiate e statuto penale del mercato finanziario, Padova, 2012, p. 385 ss.. Ad ogni modo, attingere agli studi precedentemente realizzati è opportuno e spesso necessario, a ragione dei molteplici profili di continuità che, come si vedrà, legano gli ultimi interventi normativi europei ai loro predecessori ed a tale fine sin d'ora si segnalano, senza alcuna pretesa di completezza e con riguardo essenzialmente al panorama italiano: A.F. Tripodi, op. ult. , passim; Id., Commento agli artt. 180 - 187-quaterdecies t.u.f., in Leggi penali complementari, a cura di T. Padovani, Milano, 2007, p. 2515 ss.; M. Miedico, Gli abusi di mercato, in Reati in materia economica, a cura di A. Alessandri, Torino, 2012, p. 65 ss.; M.B. Magro, Manipolazioni dei mercati finanziari e diritto penale. Una critica al modello di razionalità economica, Milano, 2012, passim (in parte riprodotto anche nella voce Manipolazioni del mercato, in Dig. disc. pen., agg. ********, Torino, 2014, p. 345 ss.); C. Di Noia, M. Gargantini, Issuers at midstream: disclosure of multistage events in the current and in the proposed EU market abuse regime, in E.C.F.R., 2012, p. 485 ss.; Iid., Market abuse directive disclosure regime in practice: some margins for future actions, in Riv. soc., 2009, p. 782 ss.; Fr. Mucciarelli, Commento all'art. 184 t.u.f., in Il testo unico della finanza, a cura di M. Fratini e G. Gasparri, III, Torino, 2012, p. 2319 ss.; Id., L'abuso di informazioni privilegiate: delitto e illecito amministrativo, in Dir. pen. e proc., 2005, p. 1465 ss.; Id., L'insider trading nella nuova disciplina del d.lgs. 58/98, in Riv. trim. dir. pen. econ., 2000, I, p. 928 ss.; Id., Speculazione mobiliare e diritto penale, Milano, 1995, passim; L. Foffani, Commento all'art. 184 t.u.f., in Commentario t.u.f., a cura di F. Vella, II, Torino, 2012, p. 1775 ss.; Id., Commento agli artt. 180 - 184 t.u.f., in Comm. breve leggi pen. complementari, a cura di F.C. Palazzo e C.E. Paliero, Padova, 2007, p. 713 ss.; Id., La nuova disciplina penale dell'insider trading e delle frodi nel mercato mobiliare, in Riv. trim. dir. pen. econ., 1991, I, p. 911 ss.; F. Consulich, La giustizia e il mercato. Miti e realtà di una tutela penale dell'investimento mobiliare, Milano, 2010, passim; M. Sepe, La repressione degli abusi di mercato, in L'ordinamento finanziario italiano2, a cura di F. Capriglione, II, Padova, 2010, p. 1095 ss.; F. Sgubbi, A.F. Tripodi, voce Abusi di mercato, in Ann. Enc. dir., II, Milano, 2008, p. 1 ss.; Iid., D. Fondaroli, Diritto penale del mercato finanziario2, Padova, 2013, p. 5 ss.; V. Napoleoni, voce Insider trading nel diritto penale, in Dig. disc. pen., agg. ****, Torino, 2008, p. 574 ss.; Id., Insider trading: i pallori del sistema repressivo. Una ipotesi di lavoro, in Cass. pen., 2001, p. 2228 ss.; R. Zannotti, Il nuovo diritto penale dell'economia. Reati societari e reati in materia di mercato finanziario2, Milano, 2008, p. 397 ss.; S. Seminara, Disclose or abstain? La nozione di informazione privilegiata tra obblighi di comunicazione al pubblico e divieti di insider trading: riflessioni sulla determinatezza delle fattispecie sanzionatorie, in Banca, borsa, tit. cred., 2008, I, p. 331 ss.; Id., Disposizioni comuni agli illeciti di abuso di informazioni privilegiate e di manipolazione del mercato, in Dir. pen. e proc., 2006, p. 9 ss.; Id., Commento all'art. 180 t.u.f., in Il Testo Unico della Finanza, a cura di G.F. Campobasso, Milano 2002, p. 810 ss. (versione informatica); Id., La tutela penale del mercato finanziario, in Manuale di diritto penale dell'impresa2, a cura di C. Pedrazzi, A. Alessandri, L. Foffani, S. Seminara e G. Spagnolo, Bologna, 2000, p. 620 ss.; Id., Insider trading e diritto penale, Milano, 1989, passim; As. Di Amato, Gli abusi di mercato, in Tratt. dir. pen. impresa, a cura di As. Di Amato, IX, Padova, 2007, 83 ss., 99 ss.; Id., voce Insider trading, in Enc. dir., agg. I, Milano, 1997, p. 677 ss.; E. Pederzini, E. Amati, M. Rondinelli, La disciplina degli abusi di mercato (l. 18 aprile 2005, n. 62), in Nuove leggi civ., 2007, p. 973 ss.; E. Amati, La disciplina degli abusi di mercato, in La legislazione penale compulsiva, a cura di G. Insolera, Padova, 2006, p. 203 ss.; F. Annunziata, Il recepimento della market abus e directive, in Corr. giur., 2005, p. 745 ss.; R. Costi, L. Enriques, Il mercato mobiliare, in Trattato Cottino, VIII, Padova, 2004, p. 196 ss., 224 ss.; G. Ferrarini, La nuova disciplina europea dell'abuso di mercato, in Riv. soc., 2004, p. 43 ss.; G. Meo, Le società di capitali. Le società con azioni quotate in borsa, in Tratt. dir. priv., dir. da M. Bessone, XVII, 2002, p. 302 ss.; N. Linciano, A. Macchiati, Insider trading: una regolazione difficile, Bologna, 2002, passim; A. Bartalena, voce Insider trading, in Dig. disc. priv., sez. comm., agg. *, Torino, 2000, p. 408 ss.; Id., Commento agli artt. 180-187 t.u.f., in La disciplina delle società quotate nel Testo Unico della Finanza d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, a cura di P.G. Marchetti e L.A. Bianchi, II, Milano, 1999, p. 1988 ss.; Id., Insider trading, in Trattato Colombo-Portale, 10*, Torino, 1993, p. 219 ss.; Id., voce Insider trading, in Dig. disc. priv., sez. comm., VII, Torino, 1992, p. 399 ss.; Id., L'abuso di informazioni privilegiate, Milano, 1989, passim; E. Rigotti, L'abuso di informazioni privilegiate, in Intermediari finanziari, mercati e società quotate, a cura di U. Patroni Griffi, M. Sandulli e V. Santoro, Torino, 1999, p. 1353 ss.; G.L. Carriero, Commento all'art. 180 t.u.f., in Commentario al Testo Unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, a cura di G. Alpa e F. Capriglione, III, Padova, 1998, p. 1654 ss.; Id., Informazione, mercato, buona fede: il cosiddetto insider trading, Milano, 1992, passim; M.L. Ermetes, Commento all'art. 180 t.u.f., in Il Testo Unico dell'intermediazione finanziaria, a cura di C. Rabitti Bedogni, Milano, 1998, p. 979 ss.; F. Maccabruni, Insider trading e analisi economica del diritto, in Giur. comm., 1995, I, p. 598 ss.; E. Musco, I reati di insider trading, in Trattato Colombo-Portale, 9*, Torino, 1994, p. 326 ss.; P.L. Carbone, Tutela civile del mercato e insider trading. 1. Il mercato e l'insider trading, Padova, 1993, passim; A. Bartulli, voce Insider trading nel diritto penale, in Dig. disc. pen., VII, Torino, 1993, p. 111 ss.; Id., Profili penali dell'«insider trading», in Riv. soc., 1989, p. 988 ss.; F. Galgano, Gruppi di società, insider trading, OPA obbligatoria, in Contr. e impr., 1992, p. 637 ss.; P. Abbadessa, L'insider trading nel diritto privato italiano: prima e dopo la l. n.157/1991, in Banca, borsa, tit. cred., 1992, I, p. 749 ss.; Id., L'uso di informazioni privilegiate nei rapporti con le società, in Ann. Fac. Econ. Comm. Univ. Catania, 1979, p. 597 ss.; Aa. Vv., Il dovere di riservatezza nel mercato finanziario: «l'insider trading», a cura di C. Rabitti Bedogni, Milano, 1992, passim; C. Pedrazzi, Riflessioni sull'insider trading in ambito corporativo, in Riv. soc., 1991, p. 1661 ss.; P. Casella, La legge sulla repressione dell'Insider Trading, in Giur. comm., 1991, I, p. 858 ss.; F. Carbonetti, Acquisto di azioni proprie e «insider trading», in Riv. soc., 1989, p. 1009 ss.
  • 2) In tal senso, la tavola di concordanza allegata al MAR fornisce un'informazione parziale ed incompleta sui suoi rapporti con la normativa precedente, in quanto vengono indicate soltanto le corrispondenze tra i precetti del MAR e della MAD e non, ad esempio, quelle con le dir. 2003/124/CE, 2003/125/CE e 2004/72/CE e con il reg. CE 2273/2003 o anche con le disposizioni di terzo livello adottate dal CESR.
  • 3) Per vero, al di là di una fugace menzione nei considerando (n. 38), il MAR cita espressamente tali diffusissime tecniche di negoziazione solo con riguardo alla manipolazione di mercato (art. 12, par. 2, lett.c)) e rimette alla Commissione il compito di determinare in maniera non tassativa gli indicatori rilevanti per l'individuazione di tale condotta. In proposito, ci si limita ad esprimere più di una perplessità sulla legittimità di questa particolare previsione sanzionatoria, in primo luogo sul piano della chiarezza, in quanto la stessa descrizione della condotta non è desumibile da un'unica sede normativa, ma dev'essere integrata facendo riferimento a più atti, tra cui la MiFID 2 (v.infrain questa nota). In secondo luogo, viene in considerazione il rispetto del principio di irretroattività della legge penale, poiché sebbene l'elenco "non tassativo" elaborato dalla Commissione non concorra formalmente alla definizione della fattispecie, gli indici da esso individuatide factointegreranno la delineazione volutamente presente nel MAR. Cosicché, se l'obsolescenza della regolamentazione nell'ambito degli abusi di mercato è certamente molto più rapida che in altri settori, ciò non può comunque giustificare nessuna erosione delle garanzie fondamentali riconosciute dalle costituzioni nazionali ed anche dalla CEDU solo allo scopo di evitare aggiramenti ed elusioni realizzabili con l'avanzamento della conoscenza e dei mezzi tecnici. Assai più dettagliata e polivalente è invece l'attenzione dedicata alle tecniche di negoziazione algoritmiche e ad alta frequenza nella MiFID 2 (dir. 2014/65/UE), che, oltre a fornirne una definizione (art. 4, par. 1, nn. 39 e 40: v. infra, sub nt. 54), dedica ad esse molti e corposi considerando (nn. 18, 20, 23, 50, 59 - 65, 67 - 68, 113,) e ne fa un significativo selettore disciplinare, ossia prende in considerazione tali tecniche per sottoporre chi le adopera alla applicazione della direttiva stessa ed a tutta una serie di specifici obblighi finalizzati a contenere i peculiari rischi derivanti dalle modalità operative che queste implicano (art. 2, par. 1, lett. d), iii, e) e j), ii, secondo trattino; art. 17), nonché a conformare queste ultime con riferimento a certi parametri (art. 49, sui tick di negoziazione). Chi ricorre alla negoziazione algoritmiche e ad alta frequenza, peraltro, effettuare specifiche segnalazioni al riguardo secondo quanto previsto dal MiFIR (art. 26, par. 3, reg. UE 600/2014). Oltre a ciò, i mercati regolamentati (ed anche i sistemi di market making) devono premunirsi contro il verificarsi di condizioni di negoziazione anormali generati da queste tecniche (art. 48, par. 6, MiFID 2) e possono imporre commissioni più elevate a chi le impiega gravando in particolar modo sul sistema operativo (art. 48, par. 9, ult. periodo, MiFID 2). Per articolate riflessioni sulle ricadute di queste tecniche sui mercati e sui principi fondamentali della loro regolazione, v. Y. Yadav, How algorithmic trading undermines efficiency in capital markets, di prossima pubblicazione in Vanderbilt L. Rev., 2015, p. 3 ss.; Ead., Structural insider trading, 2015, in Vanderbilt University Law School - Working Paper, n. 15-8, p. 8 ss., disponibile sul sito http://www.ssrn.com; Ead., Beyond efficiency in securities regulation, 2014, ivi, n. 14-8, p. 5 ss., 26 ss.; G. Strampelli, (nt. 1), p. 994 ss.. In ottica economica, sulla diffusione e sugli effetti del trading algoritmico e ad alta frequenza in nove stati dell'Unione Europea, si consultino ESMA, High-frequency trading activity in EU equity markets, 2014, p. 5 ss., disponibile sul sito http://www.esma.europa.eu; a livello italiano, V. Caivano, The impact of high-frequency trading on volatility. Evidence from the italian market, in Quad. fin. CONSOB, 2015, p. 7 ss.; mentre per un'analisi interdisciplinare: AA.VV., High frequency trading. Definition, effects, policy issues, ivi, 2012, passim (e spec. 22 s., per una tassonomia dei rischi per l'integrità e l'equo accesso al mercato, nonché p. 24 ss., per la delineazione di una serie di possibili interventi, poi in larga misura riprodotti nella MiFID 2).
  • 4) Il riferimento è alla riflessione di F. Consulich, (nt. 1), p. 160 ss. Sul punto vale la pena puntualizzare che se per i primi provvedimenti europei in materia di repressione degli abusi nei mercati finanziari non era possibile rinvenire una disposizione nei vari trattati succedutisi che potesse fornire la base per l'esercizio del potere legislativo (ed era perciò lecito discutere, come fa l'autore citato, di "competenze implicite"; analoga lettura è svolta a posteriori anche da L. Foffani, Politica criminale, (nt. 1), p. 67) e per la sua rapida espansione, ora nella cornice del TFUE gli artt. 83, par. 2, e 86 hanno consolidato le fondamenta per l'azione normativa europea in materia penale, non senza che ciò continui comunque a determinare preoccupazioni e difficoltà interpretative: con diversi accenti e conclusioni, v. A. Bernardi, La competenza penale accessoria dell'Unione Europea: problemi e prospettive, in Dir. pen. cont., 2012, n. 1, p. 43 ss., spec. p. 51 ss.; C. Sotis, I principi di necessità e proporzionalità della pena nel diritto dell'Unione europea dopo Lisbona, ivi, p. 111 ss., secondo cui "gli interessi finanziari sono beni dalla cui tutela dipende l'esistenza dell'Unione e questa loro caratteristica esistenziale cambia il rango dei beni in gioco rispetto alle scale di valori nazionali, e, di conseguenza, modifica anche i termini di un eventuale giudizio di proporzione"; M.B. Magro, Manipolazioni,  (nt. 1), p. 145 ss., ove anche ulteriori riferimenti. Per un riferimento sul rapporto di derivazione dal solo art. 83, par. 2, TFUE della nuova normativa europea sugli abusi di mercato, v. C. Di Noia, M. Gargantini, Issuers, (nt. 1), p. 491, testo e nt. 23, i quali scrivevano quando MAR e MAD 2 erano ancora in gestazione.
  • 5) Prospettiva, questa, certamente non inedita nel panorama dottrinario nazionale: sul punto ci si limita a rinviare alla nota trattazione di N. Irti, L'ordine giuridico del mercato, Bari, 2003, p. 10 ss., peraltro anticipata nella particolare considerazione del mercato come di un "luogo giuridico" da T. Padovani, Diritto penale della prevenzione e mercato finanziario, in Riv. it. dir. e proc. pen., 1995, p. 641.
  • 6) Nel segno della sostanziale continuità sul versante teleologico si possono prendere a riferimento i considerando nn. 3 - 6 della dir. 89/592/CEE, seguiti dai considerando nn. 2, 12, 13, 24, 34 e 43 della MAD, ed infine gli attuali considerando nn. 1, 3, 7, 18 della MAD 2 ed ai nn. 2, 4, 8, 23, 24, 31, 44, 47, 57 e 63 del MAR.
  • 7) Particolarmente calzanti anche nel limitato ambito qui esaminato sono le considerazioni di portata generale sul diritto penale economico svolte da A. Alessandri, Parte generale, in Manuale di diritto penale dell'impresa2,  (nt. 1), p. 24, a parere del quale "il bene giuridico, inteso nell'accezione di bene pre-esistente alla comminatoria penale (ossia non da questa creato), individuabile concretamente nella realtà sociale e chiaramente riferibile al singolo o a gruppi di soggetti (la vita, il patrimonio, l'incolumità), rischierebbe in queste nuove forme di modelli punitivi di rarefarsi fino a non distinguersi da finalità puramente regolatorie. Le figure di reato si piegherebbero alla punizione di mere inosservanze ad obblighi e il bene giuridico non sarebbe più limite critico o «selettore» […] all'interno del sistema punitivo, ma si identificherebbe con lo scopo della norma". E più oltre si legge che "sembra affiorare semmai un uso «fondante» del bene giuridico: il bene giuridico come espressione dell'esigenza dell'intervento della sanzione penale" (p. 27).
  • 8) I virgolettati presenti nella frase sono tratti da F. Consulich,  (nt. 1), p. 178 s. A riprova della centralità del mercato nella costruzione politica e giuridica europea, merita di essere ricordato come la MAD sia stata la prima direttiva a vincolare gli stati nell'individuazione del tipo di risposta sanzionatoria alle violazioni individuate.
  • 9) Tali dichiarazioni, ad ogni modo, non sono appannaggio esclusivo di MAR e MAD 2, costituendo viceversa un Leitmotiv dei preamboli di numerosissimi altri provvedimenti europei in ambito di mercati finanziari, come attestato da L. Enriques, S. Gilotta, Disclosure and Financial Market Regulation, in ECGI Working Paper Series in Law, n. 252/2014, p. 5, nt. 6, leggibile sul sito http://www.ssrn.com.
  • 10) Nella dottrina è osservazione diffusa quella per cui tali clausole rappresenterebbero "beni di natura indiscutibilmente generica, la cui esigenza di protezione affiorerebbe […] per fronteggiare nuove forme di aggressione o di insidie, rispetto alle quali sarebbe difficile, se non impossibile, rinvenire destinatari specifici della salvaguardia penale, ossia vittime in senso criminologico" (A. Alessandri, (nt. 7), p. 33; cuiadde: P. Severino,Sicurezza dei mercati finanziari: interessi tutelati e strumenti di tutela, inRiv. it. dir. proc. pen., 2014, II, p. 676 ss.; A.F. Tripodi,Informazioni, (nt. 1), p. 15 ss., 120 ss., ove anche per un'ampia elaborazione in chiave ricostruttiva della tutela degli interessi diffusi dei risparmiatori; Id.,Commento, (nt. 1), p. 2518 s.; Fr. Mucciarelli,Commento all'art. 184 t.u.f(nt. 1), p. 2320 ss.; Id.,L'insider trading (nt. 1), p. 928; Id.,Speculazione mobiliare(nt. 1), 6 ss.; C.E. Paliero,Il diritto liquido. Pensieri post-delmasiani sulla dialettica delle fonti penali, inRiv. it. dir. proc. pen., 2014, I, p. 1122 ss.; Id.,Nuove prospettive degli abusi di mercato?, inLa crisi finanziaria: banche, regolatori, sanzioni (Atti del Convegno. Courmayeur, 25-26 settembre 2009), Milano, 2010, p. 58 s.; E. Amati,Abusi di mercato, (nt. 1), p. 73 ss., spec. 78 s.; G. Ferrarini, (nt. 1), p. 46 ss., in cui si rinviene una rassegna ragionata di varie conclusioni raggiunte da studiosi statunitensi di analisi economica del diritto; A. Bartalena,Commento agli artt. 180-187 t.u.f.(nt. 1), p. 1991 s.; Id., Insider trading,inTrattatoColombo-Portale, (nt. 1), p. 235; T. Padovani, (nt. 5), p. 641 ss.; C. Pedrazzi, voceMercati finanziari (disciplina penale), inDig. disc. pen., VII, Torino, 1993, p. 652; A. Bartulli, voce Insider trading, (nt. 1), p. 117. Per una critica degli argomenti che legittimano l'intervento penale in ragione dell'esigenza di incrementare la fiducia degli investitori e, conseguentemente, accrescere la liquidità dei mercati, si rinvia alle fondate ed attuali considerazioni di E. Musco (nt. 1), p. 328 e di S. Seminara, Insider, (nt. 1), p. 81, che sottolinea il "valore altamente demagogico e forse ingannevole" di una legislazione in materia mobiliare "reclamizzata al fine di convincere il pubblico dell'integrità del mercato e della possibilità di compiere autonome valutazioni".
    Tenta viceversa un recupero della tutela del mercato, M.B. Magro, Manipolazioni, (nt. 1), p. 109 ss., inquadrandolo come "bene categoriale che si scompone in singoli interessi individuali, collegando i due piani collettivo ed individuale in termini di strumentalità del primo rispetto al secondo [...] così che l'offesa all'interesse superindividuale indivisibile coincide con quella di una pluralità di posizioni individuali, appartenenti ad una cerchia di persone, al corretto funzionamento del mercato". L'autrice fonda peraltro il suo pensiero sul (discusso) afflato promozionale della fiducia nei mercati presente nella normativa europea: "Se è pur vero che la parità informativa non è un ideale né raggiungibile né auspicabile, d'altra parte non è neppure appetibile un mercato popolato da operatori che agiscono a partire da un privilegio informativo […], in quanto questo deficit informativo inficia il sentimento di fiducia del pubblico verso l'istituzione mercato e verso le sue capacità di realizzazione del benessere collettivo" (p. 125).
  • 11) L'imposizione dell'obbligo di introdurre sanzioni penali per le fattispecie "più gravi" di abusi di mercato è fatta derivare dalle considerazioni presenti nel c.d. Rapporto De Larosiére in merito alla debolezza dei regimi sanzionatori di alcuni stati membri ed all'incentivo al forum shopping cui ciò poteva dar luogo (v. considerando 3 e 70 MAR e considerando 3 e 7 MAD 2). A dire il vero, sembra che siano stati altri e ben più sostanziosi moventi a spingere la recrudescenza repressiva sul versante penale, quali lo scandalo della manipolazione del Libor (espressamente citato nel considerando 7 MAD 2), rispetto al quale, tuttavia, la reazione, oltre che tardiva, pare decisamente spuntata, in quanto il Regno Unito, sede del maggior mercato finanziario europeo, ha deciso di non partecipare all'adozione della nuova direttiva (considerando 29 MAD 2). A ciò si può aggiungere l'attenzione (superficialmente) dimostrata nei confronti degli effetti distorsivi dell'operatività in derivati (considerando 10, 20, 43 MAR) e del trading algoritmico e ad alta frequenza (di cui si è già detto supra, sub nt. 3). Su quest'ultimo argomento nella nostra letteratura giuridica, v. G. Strampelli,  (nt. 1), p. 994 ss., ove anche per ampia documentazione.
  • 12) Si consideri sin d'ora l'opinione di A. Alessandri, Prime riflessioni sulla decisione della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo riguardo alla disciplina italiana degli abusi di mercato, in Giur. comm., 2014, I, p. 863 s., per il quale "resta pesante come un macigno il fatto che la Direttiva nell'imporre l'obbligo di adottare sanzioni penali descrive le possibili fattispecie in termini inaccettabilmente generici" (corsivo aggiunto), e di seguito aggiunge che "la genericità della formulazione offerta dalla Direttiva tradisce esemplarmente l'impostazione tecnocratica ed efficientista degli uffici di Bruxelles, troppo acriticamente accolta dal Parlamento". Altrettanto critica è la valutazione di P. Montalenti, Abusi di mercato e procedimento Consob: il caso Grande Stevens e la sentenza CEDU, in Giur. comm., 2015, I, p. 483, secondo cui "il legislatore europeo fa salva, nell'art. 30, la comminazione di sanzioni penali [...], ma non detta alcun criterio per distinguere le fattispecie amministrative dalle fattispecie di reato, salvo limitarsi al criterio, del tutto generico e indefinito, dei casi gravi".
  • 13) Oggi, infatti, la MAD 2 impone agli stati di sanzionare penalmente le fattispecie di cui agli artt. 3, 4 e 5, almeno nei casi più gravi ed in presenza di dolo, mentre il MAR impone l'inflizione di una varietà di sanzioni amministrative (art. 30) rispetto alle omologhe fattispecie da esso separatamente definite (artt. 8, 10, 12). L'introduzione di una sanzione amministrativa diviene, però, solo accessoria, ove sia già prevista una sanzione penale, così ribaltando il rapporto facoltà/obbligo introdotto con l'art. 14 MAD (l'osservazione è già corrente: ex multis, v. F. Viganò, Doppio binario sanzionatorio e ne bis idem: verso una diretta applicazione dell'art. 50 della Carta?, in Dir. pen. cont., 2014, n. 3-4, p. 231 s.; G.M. Flick, V. Napoleoni, Cumulo tra sanzioni penali e amministrative: doppio binario o binario morto?, in Riv. soc., 2014, p. 982 ss.; A. Alessandri, (nt. 12), p. 861 ss.).
  • 14) A livello istituzionale avrebbe dovuto quantomeno suggerire una certa cautela nell'impostazione della riforma della disciplina degli abusi di mercato il fatto che nel 2013 il premio Nobel per le scienze economiche sia stato assegnato sia al prof. Fama, padre della Efficient Capital Market Hypothesis, sia al prof. Shiller (una sintetica esposizione delle tesi ed indicazioni bibliografiche sono rinvenibili in Economic Sciences Prize Committee of the Royal Swedish Academy of Sciences, Understanding asset prices, 2013, p. 30 ss., 55; cui addealmeno R.J. Shiller, Irrational exuberance3, Princeton, 2015 e Id., G.A. Akerlof,Animal spirits, Princeton, 2009), uno dei più noti esponenti dellabehavioral finance (su cui v.infra,sub nt. 53), per più versi contrapposta alla corrente di pensiero facente capo al primo studioso. Per la formalizzazione dell'ECMH ed ulteriori riflessioni: E.F. Fama,Efficient capital markets: a review of theory and empirical work, inJ. Fin., Vol. 25, 1970, p. 383 ss.; Id.,Efficient capital markets: II, ivi, Vol. 46, 1991, p. 1575 ss.; Id.,Market efficiency, long-term returns, and behavioral finance, inJ. Fin.Econ., 1998, Vol. 49, p. 283 ss.. Un'illustrazione dei risultati paradossali (paralisi delle negoziazioni, "assottigliamento" del mercato) a cui questa teoria, nella sua formulazione ortodossa, può dare luogo, v. S.J. Grossman, J.E. Stiglitz,On the impossibility of informationally efficient markets, inAm.Econ. Rev., 1980, Vol. 70, p. 393 ss., i quali concludono: "The result that competitive equilibrium is incompatible with informationally efficient markets should be interpreted as meaning that speculative markets where prices reveal a lot of information will bevery thin because it will be composed of individuals with very similar beliefs" (corsivo aggiunto). Per un'attenta ricostruzione della forte influenza che l'ECMH ha avuto sulla dottrina giuridica statunitense, v. da ultima Y. Yadav,How algorithmic trading,  (nt. 3), p. 23 ss.; Ead., Beyond, (nt. 3), p. 9 ss., testo e note, nonché a p. 21 ss. per una sintesi delle critiche; cuiadde A. Brav, J.B. Heaton,Market indeterminacy, inJ. Corp. L., 2003, Vol. 28, p. 518 ss.. Per ulteriori descrizioni ed informazioni in lingua italiana, v. G. Strampelli, (nt. 1), p. 1018 s., testo e note; A. Perrone,Informazione al mercato e tutele dell'investitore, Milano, 2003, p. 4 ss.; P. Giudici,La responsabilità civile nel diritto dei mercati finanziari, Milano, 2008, p. 257, testo e nt. 123; V. Caridi,Danno e responsabilità da informazione al mercato finanziario, Milano, 2012, p. 6 ss., ove per una dettagliata disamina del tema della fiducia nei mercati finanziari e per la affermazione - pienamente condivisibile - secondo cui "anche quando attuato in una prospettiva prettamente giuridica, lo studio del rapporto tra informazione e mercato e, conseguentemente, della patologia di tale rapporto, non si è mai realmente emancipato dall'idea della piena razionalità degli agenti economici"; C. Angelici,La società per azioni. Principi e problemi, I, inTratt. dir. civ. comm., già diretto da A. Cicu, F. Messineo e L. Mengoni e continuato da P. Schlesinger, Milano, 2012, p. 522 ss. (con argomenti in parte anticipati ed in parte più analiticamente esposti in Id.,Su mercati finanziari, amministratori e responsabilità, inRiv. dir. comm., 2010, I, p. 1 ss.). Sin d'ora comunque si richiama l'avvertimento di F. Denozza,Mercato, razionalità degli agenti e disciplina dei contratti, inI contratti per l'impresa - I. Produzione, circolazione, gestione, garanzia, a cura di G. Gitti, M. Maugeri, M. Notari, Bologna, 2013, p. 91, a respingere "l'ingenua idea dell'esistenza di un mercato perfetto che si auto-invera automaticamente quando tutti gli interessati agiscono con perfetta razionalità. Non esiste un mercato ipostatizzato. Esistono invece tante possibilità di mercati diversi ciascuno con le sue caratteristiche e con la sua particolare configurazione dei ruoli dei diversi agenti".
    Oltre che sulle ripercussioni nei mercati finanziari, S. Gilotta, Trasparenza e riservatezza nella società quotata, Milano, 2012, p. 67 ss., 117 ss.; Id., Disclosure in securities markets and the firm's need for condentiality: theoretical framework and regulatory analysis, in Eur. Bus. Org. L.  Rev., 2012, Vol. 13, No. 1, p. 68, 78 ss., si sofferma sulle conseguenze paralizzanti sul piano concorrenziale dell'ipotetica imposizione di eccessivi obblighi di trasparenza informativa.
  • 15) Oggi inserito nel considerando 24 del MAR (ma curiosamente assente nella MAD 2): "La questione di sapere se una persona abbia violato il divieto di abuso di informazioni privilegiate o tentato di abusare di informazioni privilegiate dovrebbe essere analizzata alla luce delle finalità del presente regolamento, che è quella di tutelare l'integrità del mercato finanziario e rafforzare la fiducia degli investitori, la quale si fonda, a sua volta, sulla garanzia che gli investitori siano posti su un piano di paritàe tutelati dall'abuso di informazioni privilegiate". Stupisce la selettiva persistenza dell'originaria indicazione del legislatore comunitario, a suo tempo accolta nei lavori che hanno preceduto l'introduzione della l. 157/1991, prima disciplina italiana sull'abuso di informazioni privilegiate, e poi superata nelle successive riforme. Per una rassegna delle numerose e serrate critiche al c.d. market egalitarianismin ogni sua accezione, v. G. Strampelli,  (nt. 1), p. 1037 ss.; L. Enriques, S. Gilotta,  (nt. 9), p. 6 s., sostenendo che tale concezione sia stata superata dalle conclusioni raggiunte dalla Efficient Capital Market Hypothesis, su cui v. supra, subnt. 14; C. Di Noia, M. Gargantini, Issuers, (nt. 1), p. 528 ss.; Iid., The market abuse, (nt. 1), p. 796; M. Fratini, Diritto dei mercati finanziari, Bari, 2013, p. 344 s., sebbene poco prima si legga: "La trasparenza […], unita alla parità tra gli operatori(professionali e non), costituisce il pre-requisito fondamentale di corretto funzionamento del mercato" (corsivo aggiunto); Fr. Mucciarelli, Commento all'art. 184,  (nt. 1), p. 2323 s., che fa purtuttavia cenno alla funzione delle norme di garantire "la tendenziale parità informativa" di chi opera sul mercato (p. 2351); G. Gasparri, Commento all'art. 187-bis t.u.f., in Il testo unico della finanza, a cura di M. Fratini e G. Gasparri,  (nt. 1), p. 2434 ss.; E. Macrì, Informazioni privilegiate e disclosure2, Torino, 2010, p. 28 ss., ove anche per altri riferimenti; F. Sgubbi, A.F. Tripodi,  (nt. 1), p. 3, testo e nt. 12; Id., D. Fondaroli,  (nt. 1), p. 35; V. Napoleoni, voce Insider trading,  (nt. 1), p. 579; R. Zannotti,  (nt. 1), p. 403 s.; E. Venafro, Il nuovo oggetto di tutela della fattispecie di insider trading, in Dir. pen. e proc., 2007, p. 950 ss.; A.F. Tripodi, Commento agli artt. 180 - 187-quaterdecies,  (nt. 1), p. 2518; As. Di Amato,  (nt. 1), p. 91 s.; E. Ragni, Primi segnali di un'inversione di tendenza nell'esperienza applicativa del reato di insider trading (nota a Trib. Brescia, 25 giugno 2002), in Banca, borsa, tit. cred., 2003, II, p. 739, testo e nt. 17; A. Perrone,  (nt. 14), p. 155 s., testo e nt. 5; S. Seminara, Commento all'art. 180 t.u.f.,  (nt. 1), p. 811 (versione informatica); Id., La tutela,  (nt. 1), p. 621; Id., Gli interessi tutelati in rapporto ai soggetti attivi della fattispecie penale, in Il dovere di riservatezza,  (nt. 1), p. 355 s.; Id., Insider trading, (nt. 1), p. 30 ss., 73 ss., 80 ss.; A. Bartalena, Commento all'art. 180 t.u.f.,  (nt. 1), p. 1993; Id., Insider trading, in Trattato Colombo-Portale, (nt. 1), p. 230 s.; Id., L'abuso, (nt. 1), p. 9 s., 81 ss.; E. Rigotti,  (nt. 1), p. 1353 s., 1356; F. Maccabruni, (nt. 1), p. 604, 607 ss.; E. Musco, (nt. 1), p. 328 s.; P.L. Carbone,  (nt. 1), p. 59 ss.; Id., Tutela civile del mercato e insider trading. 2. Profili di comparazione, Padova, 1993, p. 166 ss.; G.L. Carriero, Informazione, mercato,  (nt. 1), p. 34 ss., 153 ss., 182 s.; Id., Insider trading e interessi meritevoli di tutela, in Il dovere di riservatezza,  (nt. 1), p. 261 ss.; A. Bartulli, Profili penali, (nt. 1), p. 997 s.; S. Barsella, Insider trading e obblighi di divulgazione delle informazioni sui mercati finanziari, in Quad. finanza CONSOB, Roma, 1990, 42 ss., spec. a 44; G. Rossi, L'informazione societaria al bivio, in Riv. soc., 1986, p. 1091 s.; R. Alessi, Market egalitarianism e insider trading, ivi, 1980, p. 945, 951 ss., il quale sottolinea la circostanza che negli USA già a partire dal caso Chiarella (Chiarella v. U.S., 100 S.Ct. 1108 (1980)) era stato abbandonato il principio della parità d'informazione quale criterio fondante e discretivo dell'illiceità dell'insider trading a favore dello sviluppo della c.d. misappropriation theory (su questa pronuncia si veda inoltre M. Ventoruzzo, (nt. 1), p. 5 ss., a cui si rinvia anche per alcune considerazioni in merito al ruolo dell'market egalitarianism nella normativa europea - p. 3, 17 ss. -; N. Linciano, A. Macchiati, (nt. 1), p. 47 ss.; S.M. Bainbridge, Regulating insider trading in the post-fiduciary duty era: equal access or property rights?, in Research Handbook on Insider Trading, ed. S.M. Bainbridge, Cheltenham-Northampton, 2013, p. 80 ss.). Si vedano anche R. Costi, Il mercato mobiliare8, Torino, 2013, p. 285; Id., L. Enriques (nt. 1), p. 229; S. Gilotta,Trasparenza,  (nt. 14), p. 100, testo e nt. 26, il quale, sviluppando intuizioni già presenti nelle opere da ultime citate, contesta l'assunto delmarket egalitarianism anche con riguardo alla funzione dell'informazione continua: "Ladisclosure mitiga la situazione di asimmetria informativa tra soggetti operanti all'esterno e soggetti operanti all'interno delle società, ma non contribuisce di per sé a creare una situazione di «parità reale» tra investitori, né a potenziare - se non in minima parte - la competitività dell'investitore-risparmiatore - quale soggetto operante in concorrenza sul libero mercato - rispetto agli operatori professionali"; in senso parzialmente diverso, C. Angelici,La società, (nt. 14), p. 534, nt. 52.

    Sul versante giurisprudenziale, comunque, s'incontrano plurimi riferimenti alla "parità informativa", alla "parità di condizioni conoscitive" o ad altre formule analoghe, generalmente accompagnati ad una tendenza espansiva della portata applicativa delle norme repressive: tra le altre, a livello europeo, occorre segnalare CGUE, 11 marzo 2015, C-628/13, punto 21, in relazione alla quale si vedano le riflessioni di L. Klöhn, Inside information without an incentive to trade? What's at stake in 'Lafonta v AMF', in Cap. Mark. L. J., 2015, p. 162 ss., formulate in relazione al quesito posto dalla Cour de cassation francese nel giudizio a quoe favorevoli alla soluzione opposta a quella cui poi è giunta la Corte del Lussemburgo (nella specie, consistente nell'irrilevanza ai fini del requisito della precisione di un'informazione privilegiata della prevedibilità del senso - al rialzo o al ribasso - in cui influirà sull'andamento delle negoziazioni); CGUE, 28 giugno 2012, C-19/11, punto 33, in Cap. Mark. L. J., 2013, p. 283 ss., con nota di H. Krause e M. Brellochs, nonché ampiamente commentata da A.F. Tripodi, op. ult. , p. 368 ss., e criticata anche da N. Moloney, EU securities and financial market regulation3, Oxford, 2014, p. 732 ss., nonostante l'autrice individui nell'eguaglianza informativa laratio dell'intervento in materia di abusi di mercato; CGUE, 23 dicembre 2009, C-45/08, punti 47-49, 61-62, inGiur. comm., 2011, II, p. 49 ss., con nota condivisibilmente critica di A.F. Tripodi (del quale si vedano anche le osservazioni in Id.,Informazioni,  (nt. 1), p. 163 ss.), cui si aggiungano le censure di L. Klöhn,The European insider trading regulation after the ECJ'sSpector Photo Group-decision, inEur. Comp. Fin. L. Rev., 2010,  p. 347 ss., spec. 357 ss.; CGUE, 10 maggio 2007, C-391/04, punti 37-39, anche quest'ultima ampiamente ricostruita e fondatamente contestata da A.F. Tripodi,Informazioni,  (nt. 1), p. 150 ss., 311 ss. Sul piano nazionale, v. Cass. pen., 20 gennaio 2010, n. 8588, inCass. pen., 2010, p. 3240 ss., inResp. civ., 2010, p. 621 ss., con nota di F.R. Fantetti, ed in Nuova giur. civ. comm., 2010, p. 1001 ss., con nota di T. Mauceri; App. Bologna, 29 ottobre 2013, inGiur. comm., 2015, II, p. 568, con nota di E. Reccia; App. Milano, 28 maggio 2012, inDir. pen. cont.- http://www.penalecontemporaneo.it; Trib. Milano, 5 marzo 2008, inGuida al dir., 2008, n. 42, p. 102 ss.; Trib. Milano, 23 gennaio 2007, inDir. e prat. soc., 2007, n. 14/15, p. 67 ss., con nota di M. Messina e S. Ricci; Trib. Siracusa, 10 aprile 1997, inBanca, borsa, tit. cred., 1998, II, p. 319 ss.

  • 16) Anche a questo riguardo MAR e MAD 2 non fanno affatto mistero della loro vocazione moralizzatrice ed esemplare in tal senso è il considerando 73 MAR, nel quale si legge che "la pubblicazione delle decisioni costituisce inoltre uno strumento importante per le autorità competenti per informare i partecipanti al mercato in merito alle condotte che configurano una violazione del presente regolamento e per promuovere una più ampiadiffusione di condotte correttetra gli stessi partecipanti" (corsivo aggiunto). Trova così ampia conferma l'orientamento dottrinario che variamente ha contestato la deriva qui evidenziata: R. Costi,Il mercato, (nt. 16), p. 286; Id.,Gli interessi tutelati, inIl dovere di riservatezza,  (nt. 1), p. 379 (impropriamente citato a sostegno dell'opposta concezione da G. Gasparri,Le sanzioni della Commissione Nazionale per le Società e la Borsa, inLe sanzioni delle autorità amministrative indipendenti, a cura di M. Fratini, Padova, 2011, p. 71); Id., L. Enriques,  (nt. 1), p. 230, il quale più volte è tornato sull'incriminazione dell'insider tradingdefinendola come una "«norma-manifesto», volta a convincere i risparmiatori del fatto che il mercato mobiliare è un mercato «pulito» e nel quale le contrattazioni avvengono «lealmente»"; R. Zannotti, (nt. 1), p. 15 ss., 404; A. Bartalena, Insider trading, inDig. disc. priv.,sez. comm., VII, (nt. 1), p. 403 s.; E. Musco, (nt. 1), p. 333 s.; G.M. Flick Insider trading:una tappa significativa - anche se controversa - nella lunga marcia verso la trasparenza, inRiv. soc., 1991, p. 980, 983 ss. (a 984 per i virgolettati) aveva parlato di "emblematicità", di "valenza essenzialmente promozionale e educativa" e di "significato essenzialmente eticizzante" o moralizzatore della sanzione penale (ed oggi anche amministrativa) dell'abuso di informazioni privilegiate; S. Seminara, Insider trading, (nt. 1), p. 135 ss., 354 ss., con particolare attenzione all' "intrinseca immoralità" dell'insider tradinged all'esigenza di evitare un "approccio esclusivamente moralistico" al momento della sua criminalizzazione per non "innescare pericolosi meccanismi di equiparazione, sul piano normativo, delle ipotesi più eterogenee".
    Anche sul versante economico si registrano opinioni ed evidenze contrastanti circa la portata della nocività per i mercati dell'insider trading e per un'efficace rassegna, v. N. Linciano, A. Macchiati, (nt. 1), p. 21 ss..
  • 17) La dottrina italiana, invero, in massima parte nemmeno si è posta il problema delle operazioni considerate nel testo (ma si v. E. Macrì, (nt. 15), p. 155 ss.), il cui inquadramento risulta peraltro piuttosto lineare, e viceversa ha affrontato per lo più con grande varietà di argomenti e di soluzioni le difficoltà presentate dalla risarcibilità dei danni subiti da chi ha contrattato nel mercato con l'insider (o, comunque, nel lasso di tempo in cui ha potuto agire avvalendosi dell'informazione privilegiata): V. Caridi, (nt. 14), p. 71 ss., 153 ss.; F. Sartori, Informazione economica e responsabilità civile, Padova, 2011, p. 269 ss.; P. Giudici,  (nt. 14), p. 250 ss., spec. 272 ss.; C. Alvisi, Abusi di mercato e tutele civili, in Contr. e impr. - Eur., 2007, 181 ss., 198 ss.; V. Napoleoni, Insider trading, (nt. 1), p. 2242 s., ove per la formulazione di diverse proposte de lege ferenda, tra cui quella poi effettivamente concretizzatasi di attribuire alla CONSOB il diritto di richiedere il risarcimento dei danni all'insider; F. Sgubbi, Il risparmio come oggetto di tutela penale, in Giur. comm., 2005, I, p. 347 s.; R. Costi, L. Enriques,  (nt. 1), p. 229; A. Perrone, (nt. 14), p. 156 ss., spec. 173 ss.; A. Bartalena, Insider trading, in Trattato Colombo-Portale, (nt. 1), p. 226, 230 ss.; Id., L'abuso, (nt. 1), p. 157 ss., 183 ss.; F. Maccabruni, (nt. 1), p. 614 ss.; P.L. Carbone, (nt. 1), p. 184 ss., 208 ss., 333 ss.; G.L. Carriero, Asimmetrie informative e insider trading: prospettive civilistiche di tutela, in Dir. banc. merc. fin., 1995, I, p. 534 ss.; Id., Informazione, mercato, (nt. 1), p. 183 ss.; P. Abbadessa, L'insider trading, (nt. 1), p. 751 ss.; Id., L'uso di informazioni, (nt. 1), p. 601 ss., spec. 607 ss., ove, traendo spunto dall'esperienza statunitense e dalla dottrina tedesca dell'epoca, si argomenta la possibilità di affiancare al rimedio risarcitorio un più incisivo rimedio di natura restitutoria ex art. 1713, comma 1, c.c., avente ad oggetto i profitti conseguiti dall'insider; P.G. Marchetti, Profili privatistici dell'insider trading, Ag. Gambino, La valutazione degli interessi protetti e le conseguenze giuridiche, e M. Nuzzo, Insider trading e tutele civilistiche, in Il dovere di riservatezza, (nt. 1), rispettivamente a p. 153 ss., 381 ss., 389 ss.; G. Santoro, Insider trading: profili civilistici, in Contr. e impr., 1992, p. 663 ss.. Si vedano anche le acute riflessioni di S. Seminara, Insider trading,  (nt. 1), p. 328 ss., spec. 339 ss.; R. Weigmann, voce Insider trading, in Enc. giur., XVII, Roma, 1989, p. 2 s.. In ambito europeo, circa gli svariati problemi di private enforcement posti da MAR e MAD 2, v. V.D. Tountopoulos, Market abuse and private enforcement, in Eur. Comp. Fin. L. Rev., 2014, p. 298 ss.. Oltre che dallo stesso MAR (laddove si inserisce incongruamente tra le sanzioni amministrative la cui inflizione può essere attribuita alle competenti autorità "la restituzione dei guadagni realizzati o delle perdite evitate grazie alla violazione, per quanto possano essere determinati": art. 30, par. 2, lett. b), su cui v. infra, sub nt. 75), la complessità dei problemi di individuazione dei soggetti lesi, nonché del pregiudizio da loro sofferto, della sua natura e quantificazione sono testimoniati dalle poche e sofferte sentenze sinora pubblicate che abbiano concesso il risarcimento su domanda di un investitore danneggiato: Trib. Milano, 5 marzo 2008,  (ma se ne veda anche il parziale annullamento effettuato da Cass. pen., 20 gennaio 2010, n. 8588, ); Trib. Milano, 14 febbraio 2004, in Foro it., 2004, I, c. 1581 ss., con nota di G.L. Carriero (a cui si rinvia per una critica concernente l'accertamento della sussistenza del nesso eziologico), nonché in Società, 2005, p. 110 ss., con nota di S. Giavazzi (ove per la sottolineatura che le particolari dinamiche del caso di specie abbiano influito sulla possibilità di raggiungere la condanna al risarcimento dei danni, rendendola per molti versi singolare e non ripetibile), poi confermata da Cass., 3 luglio 2014, n. 15224, in Soc., 2014, p. 1378 ss., con nota di P. Giudici.
  • 18) Leggendo congiuntamente MAR e MAD 2, si può allo stato ipotizzare che una condotta abusiva realizzata fuori mercato potrà semmai essere punitasolocon la sanzione amministrativa, non versandosi in una fattispecie "grave", ossia idonea a cagionare nocumento per l'integrità dei mercati e la fiducia degli investitori. Resta, però, l'interrogativo su come una simile condotta possa effettivamente ledere questi "beni" metaindividuali e non, invece e più propriamente, il solo patrimonio personale. Oltre a ciò, ci si chiede se, ed in quale misura, possa porsi un problema - essenzialmente politico, ma anche giuridico - di legittimazione della CONSOB ad intervenire su fenomeni che paiono decisamente estranei rispetto alle sue competenze e sicuramente eccentrici rispetto alle finalità cui dovrebbe essere orientato l'esercizio dei suoi poteri (art. 91 t.u.f., sul cui ruolo di principio generale si vedano le puntuali riflessioni di A. Perrone, (nt. 14), p. 41 ss.). Da ultimo, si profila un serio problema di ragionevolezza e fondatezza dell'opzione punitiva legata agli abusiextra mercatumcompiuti su strumenti finanziari: in cosa risiede ilquid plurische rende tali abusi bisognosi e meritevoli di sanzione rispetto ad "abusi" realizzati in relazione a qualsivoglia altro bene? Specularmente, perché non dovrebbe essere allora punito qualsiasi altro abuso insuscettibile di ripercussioni sui mercati finanziari (e non solo quelli che possano presentare tali effetti: art. 2, par. 2, MAR)?
    Valuta invece con favore la scelta così operata F. D'Alessandro, (nt. 1), p. 80.
  • 19) Ad esempio, già sotto la previgente disciplina ponevano la parità (cognitiva o di chances) tra i partecipanti al mercato al centro dell'apparato di tutela e ne facevano una chiave di lettura M.B. Magro, Manipolazioni,  (nt. 1), p. 122 ss., la quale afferma: "L'eguaglianza, la parità e correttezza delle informazioni costituiscono i primi elementi in cui si attualizza l'interesse dell'investitore e la sua tutela si sostanzia nella fissazione di inibizioni operative che gravano su coloro che possiedono vantaggi o privilegi informativi o nel divieto di immissione nel mercato di segnali informativi falsi" ed ancora: "L'obiettivo è realizzare un mercato in cui tutti possono accedere ad informazioni complete sui prezzi, sulle caratteristiche dei prodotti, su alcune vicende societarie, in modo da poter adottare le proprie decisioni di investimento" (corsivi aggiunti), nonché a p. 196 s.; S. Panagia, La tutela penale dei mercati finanziari. La fattispecie penale a rischio default, Torino, 2011, p. 27 ss.; F.R. Fantetti, La lesione dell'integrità del mercato finanziario non costituisce danno per l'ente pubblico di vigilanza (nota a Cass. pen., 20 gennaio 2010, n. 8588,  (nt. 15)), p. 624; G. Meo, (nt. 1), p. 302 s.; per gli influssi sulla giurisprudenza, v. supra, sub nt. 15. A livello europeo sembra comunque che tale impostazione esegetica non sia stata abbandonata, ed anzi essa continua ad essere autorevolmente riproposta da N. Moloney, (nt. 15), p. 701 ss., 721 s. Così pure in ambito nazionale si riafferma che "la giustificazione della repressione dell'abuso delle informazioni privilegiate è comunemente rinvenuta nei principi di «market egalitarism» o di «equal access» di matrice statunitense": M. Sepe, (nt. 1), p. 764.
  • 20) La citazione nel testo è di M. Libertini, voce Concorrenza, in Ann. Enc. dir., III, Milano, 2010, p. 223, ma si veda anche a p. 210 ss., sull'ordinamento statunitense, ed a p. 214 ss., sul pensiero ordoliberale.
  • 21) Ancora una volta si veda, per tutti, M. Libertini, (nt. 20), p. 218.
  • 22) Sebbene nella sentenza che rappresenta il chiaro punto di riferimento della trasposizione qui analizzata (CGUE, 23 dicembre 2009, C-45/08, ) l'iter interpretativo sviluppato si sforzi di sottolineare la compatibilità con i principi CEDU di una presunzione relativa in subjecta materia, è stato efficacemente argomentato che tale conciliabilità non possa affermarsi con facilità, in quanto "in un'ipotetica scala misuratrice del livello di «profondità» raggiunto dalla logica presuntiva sul piano dimostrativo (della sussistenza) dell'illecito penale, ci pare che lo schema elaborato dalla Corte di giustizia corrisponda all'indice più alto in quanto investe l'essenza dell'illecito, in un contesto peraltro di non proprio facile praticabilità della prova contraria" (così, A.F. Tripodi, Informazioni, (nt. 1), p. 183, il quale sviluppa ulteriormente il suo pensiero nelle pagine successive in costante raffronto con la giurisprudenza CEDU; cui adde M. Sepe,  (nt. 1), p. 773 s., nt. 17, con riguardo al considerando 18 ed all'art. 9 MAR; G. Gasparri,  (nt. 16), p. 115 s., 118 ss.; E. Amati, Abusi di mercato, (nt. 1), p. 68 s., sulle analoghe critiche sorte intorno alla formulazione dell'art. 2 l. 157/1991 ed ai cambiamenti avvenuti a seguito dell'entrata in vigore del t.u.f., e p. 136 ss. sull'inversione dell'onere probatorio provocata dalla presunzione introdotta dalla CGUE). A livello nazionale, ad ogni modo, App. Milano, 13 novembre 2013, in Giur. comm., 2015, II, p. 525 ss., con nota di S. Gilotta, si è mostrata condiscendente con l'accertamento presuntivo svolto dalla CONSOB in relazione al possesso delle informazioni privilegiate da parte di un insider secondario. Da una parte, ciò è indubbiamente legato alle particolarità del caso concreto (ed in special modo alla "rapace" condotta dell'agente) ed al fatto che il giudice dell'opposizione ritenesse di muoversi in una logica differente da quella del processo penale (sebbene in ciò sarebbe stato di lì a poco smentito dalla sentenza CEDU sul caso Grande Stevens, su cui si veda infra, sub nt. 60 ss. e testo corrispondente). Dall'altra, tuttavia, proprio questo tipo di incedere argomentativo ha messo in ombra l'aspetto critico su cui si vuol richiamare l'attenzione nel testo: la corte territoriale, invero, forse anche in assenza di una specifica censura sul punto, non si è posta il problema di ricostruire il centrale legame tra il possesso (presunto) dell'informazione ed il suo impiego.
  • 23) Il riferimento è alla già citata CGUE, 23 dicembre 2009, C-45/08, , le cui conclusioni al riguardo, è bene osservare, sono certamente vincolanti riguardo all'interpretazione della MAD, ma non perdono una fortissima valenza nomofilattica anche in relazione al MAR, che del resto ricalca pedissequamente il percorso tracciato dalla Corte. Sulla pronuncia citata ci si richiama ancora, per ogni necessario approfondimento, alle condivisibili argomentazioni di A.F. Tripodi, Informazioni, (nt. 1), p. 171 ss.
  • 24) Sia sufficiente in questa sede riportare due passaggi di CGUE, 23 dicembre 2009, C-45/08, , nei quali è possibile leggere che "il legislatore comunitario ha optato per un meccanismo di prevenzione e di sanzione amministrativa degli abusi di informazioni privilegiate la cui efficacia diminuirebbe se fosse subordinato alla ricerca sistematica di un elemento psicologico" (punto 37) e "il fatto che una persona di cui al secondo comma di tale disposizione che detiene informazioni privilegiate acquisisca o ceda, o cerchi di acquisire o cedere, per conto proprio o per conto terzi, direttamente o indirettamente, gli strumenti finanziari cui le informazioni si riferiscono comporta che tale persona ha «utilizzato tali informazioni» ai sensi di detta disposizione, fatto salvo il rispetto dei diritti della difesa e, in particolare, del diritto di poter confutare tale presunzione. La questione se detta persona abbia violato il divieto degli abusi di informazioni privilegiate deve essere analizzata alla luce della finalità di tale direttiva, la quale consiste nel tutelare l'integrità dei mercati finanziari e nel rafforzare la fiducia degli investitori, che riposa, in particolare, sulla garanzia che questi ultimi saranno posti su un piano di parità e tutelati contro l'utilizzazione illecita delle informazioni privilegiate" (punto 62) (corsivi aggiunti).
  • 25) Cfr. i punti 37, 47, 57-60 della sentenza citata nella nota precedente. In proposito si rinvia alle considerazioni di portata generale di R. Viganò, L'influenza delle norme sovranazionali nel giudizio di 'antigiuridicità' del fatto tipico, in Riv. it. dir. e proc. pen., 2011, p. 1062 ss., spec. 1064 ss.; Id., Recenti sviluppi in tema di rapporti tra diritto comunitario e diritto penale, in Dir. pen. e proc., 2005, p. 1437 s.; V. Manes, Metodo e limiti dell'interpretazione conforme alle fonti sovrannazionali in materia penale, 2012, p. 1 ss., spec. 29 ss., disponibile sul sito http://www.penalecontemporaneo.it, nonché per quanto concerne più da vicino la materia di cui ci si sta occupando: Fr. Mucciarelli, Commento all'art. 184 t.u.f., (nt. 1), p. 2321 s., testo e nt. 9; A.F. Tripodi, Informazioni, (nt. 1), p. 297 ss.; F. Sgubbi, A.F. Tripodi, (nt. 1), p. 22 ss.
  • 26) Un barlume di lucidità sembra affacciarsi cursoriamente dal considerando 29 MAR, laddove si avverte la necessità di "evitare di vietare inavvertitamente forme legittime di attività finanziaria" (come a suo tempo era accaduto anche nel punto 57 della sentenza CGUE, 23 dicembre 2009, C-45/08, ), ma è subito obliterato dall'impianto logico-sistematico orientato al generale livellamento di ogni privilegio informativo, che non lascia altra scelta, se non quella di ricavare una serie di deroghe al suo interno, con il rischio costante di omettere ipotesi che, da perfettamente lecite, finiscano per ritrovarsi improvvidamente bisognose di protezione.
  • 27) Questa è la lettura di A.F. Tripodi, Informazioni, (nt. 1), p. 298 ss., spec. 304 s., 326 ss. Va comunque avvertito che l'interpretazione corrente tende a legittimare anche fattispecie in cui, a rigore, non si presenta una correlazione tra il fine ultimo della decisione dell'agente e la sua condotta: l'ipotesi più frequente è quella dei rastrellamenti ante OPA, in cui ogni singola operazione d'acquisto non è certo fine a se stessa, ma è anzi orientata al raggiungimento di un risultato ulteriore. Sull'argomento, comunque, v. infra, sub par. 4. 
  • 28) Si valuti la migliore formulazione e collocazione della medesima regola all'interno della MAD: art. 2, par. 3.
  • 29) Si ritiene al riguardo che i riferimenti presenti nel regolamento non abbiano natura tassativa, ma siano prettamente esemplificativi e volti a richiamare l'attenzione su quelle operazioni che per la loro complessità e rilevanza, oltre al coinvolgimento di più società con la relativa platea di azionisti (e di potenziali investitori), presentano nella realtà dei traffici maggiori rischi di compimento di macroscopici abusi informativi.
  • 30) V. considerando 16 e 17, nonché artt. 7, par. 2 e 3, 17, par. 4, secondo periodo MAR. Sul problematicissimo rapporto tra insider trading, esigenze di riservatezza ed obbligo di disclosure nell'ambito delle fattispecie a formazione progressiva, si veda nella nostra dottrina, ex multis, C. Di Noia, M. Gargantini, Issuers,  (nt. 1), p. 495 ss., anche con riferimento critico a talune proposte avanzate in sede di elaborazione dell'attuale disciplina europea; Iid., The market abuse, (nt. 1), p. 798 ss.; A.F. Tripodi, Informazioni, (nt. 1), p. 337 ss.; S. Gilotta, Trasparenza e interesse societario al segreto: quale equilibrio?, in AGE, 2013, p. 271 ss.; Id., Commento all'art. 114 t.u.f., in Commentario t.u.f., a cura di F. Vella, II (nt. 1), p. 1161; Id., Trasparenza,  (nt. 14), p. 105 ss., nt. 37; S. Seminara, Disclose or abstain, (nt. 1), p. 350 ss.; E. Pederzini, Commento all'art. 114 t.u.f., (nt. 1), p. 980 ss.; P. Carrière, I profili informativi delle fasi propedeutiche di operazioni di M&A successivamente al recepimento della direttiva market abuse, in Riv. soc., 2006, p. 338 ss.; L. Picone, Trattative, due diligence ed obblighi informativi delle società quotate, in Banca, borsa, tit. cred., 2004, I, p. 240 ss.; P. Sfameni, Commento all'art. 114 t.u.f., in La disciplina delle società quotate (nt. 1), p. 522 ss.; F. Carbonetti, (nt. 1), p. 1014 ss.
  • 31) Sul cui legame e rapporti reciproci, in generale si rinvia a: G. Strampelli,  (nt. 1), p. 1057 ss., testo e note; Fr. Mucciarelli, Commento all'art. 184 t.u.f.,  (nt. 1), p. 2331 ss.; Id., L'abuso di informazioni privilegiate, (nt. 1), p. 1469; Id., L'informazione societaria: destinatari e limiti posti dalla normativa in materia diinsider trading, in Banca, borsa, tit. cred., 1999, I, 745 ss.; G. Gasparri,  (nt. 15), p. 2461 s.; F. Annunziata, La disciplina del mercato mobiliare7, Torino, 2014, p. 378 s., 385 s., 410; Id.,Commento all'art. 114 t.u.f., inIl testo unico della finanza, a cura di M. Fratini e G. Gasparri, II (nt. 1), p. 1500 ss.; Id.,Abusi di mercato e tutela del risparmio, Torino, 2005, p. 8 ss., testo e nt. 11; A.F. Tripodi,Informazioni, (nt. 1), p. 122 ss., 337 ss.; S. Gilotta,Commento all'art. 114 t.u.f.,  (nt. 30), p. 1154 ss.; A. Zanardo,Commento all'art. 115-bist.u.f., ivi, p. 1191 ss.; L. Foffani,Commento all'artt. 184 t.u.f., ivi, p. 1777 s.; Id.,Commento agli artt. 180 - 184 t.u.f., inComm. breve leggi pen. complementari, (nt. 1), 716 s.; M. Miedico, (nt. 1), p. 74, 77 s.; M. Sepe, (nt. 1), p. 1111 ss.; V. Napoleoni, voce Insider trading,  (nt. 1), p. 584 ss.; F. Sgubbi, A.F. Tripodi, (nt. 1), p. 4, 17 ss.; Iid., D. Fondaroli, (nt. 1), p. 14 ss., testo e note; S. Seminara, Disclose or abstain,  (nt. 1), p. 348 ss., 353 ss.; Id.,La tutela penale, (nt. 1), p. 621 s.; Id., Insider trading,  (nt. 1), p. 17 ss., 75 ss., 355 ss.; E. Pederzini,Commento agli artt. 114, 115-bise 181 t.u.f., inNuove leggi civ. (nt. 1), p. 978 ss., 986 ss., 994 ss., 1023 s., 1029; E. Venafro,  (nt. 4), p. 952 s., con particolare enfasi sulla funzione "protettiva" svolta dalle comminatorie penali ed amministrative nei confronti del "procedimento didisclosure" e della sua concreta attuazione da parte della CONSOB, enfasi che non pare di poter condividere perché, oltre all'imperfetta coincidenza della nozione di informazione privilegiata nei settori normativi considerati (di cui si dirà subito dopo), va aggiunto che l'esercizio delle funzioni di vigilanza da parte dell'autorità è autonomamente protetto (artt. 170-bis, 187-quinquiesdecies e 193 t.u.f.; per ulteriori rilievi, v. A.F. Tripodi,Informazioni,  (nt. 1), p. 124 s.; S. Seminara, Disclose or abstain, (nt. 1), p. 349); E. Amati,La disciplina,  (nt. 1), 209 ss.; P. Carrière, (nt. 30), p. 342 s., 347 ss.; L. Picone, (nt. 30), p. 245 ss.; G. Fanelli, Insider trading, informazione sul mercato ed aspetti sostanziali e processualpenalistici in materia, inRiv. pen., 2002, p. 7 ss.; M.L. Ermetes (nt. 1), 981 s.
    È tuttavia importante notare che l'ambito della trasparenza informativa e quello dell'insider trading, anche se condividono al vertice la nozione di "informazione privilegiata" (art. 7 MAR) e sono funzionali ad alimentare la fiducia degli investitori, a livello nazionale attualmente non possono dirsi sovrapponibili, né orientati agli stessi fini, il che concorre ad alimentare le frizioni e gli ostacoli esegetici di cui si occupano gli autori citati alla nota precedente. La discrasia identificativa e funzionale è da ultimo condivisibilmente messa in luce da E. Macrì,  (nt. 15), p. 24 ss., 68 ss. poiché:a)l'insieme di regole che concerne l'abuso di informazioni privilegiate non di per sé non assicura alcunsurplusconoscitivo a favore del pubblico, poiché non sancisce alcun obbligo di comunicazione in capo all'insider;b)il complesso delle informazioni privilegiate contemplato dall'art. 181 t.u.f., da un lato, ha una portata più ampia rispetto a quelle di cui è previsto un obbligo di comunicazione dall'art. 114 t.u.f. (nella prima disposizione sono considerate anche lemarket informations, le informazioni che attengano direttamente o indirettamente ad altri emittenti...), mentre, dall'altro, quest'ultimo impone la divulgazione di notizie che non costituiscono tecnicamente informazioni privilegiate (ad esempio, gli studi e le statistiche di cui all'art. 114, comma 11, t.u.f.);c)mentre l'obbligo di comunicazione al pubblico da parte dell'emittente verte su "conoscenze 'statiche', cioè già consolidatesi, in rapporto all'abuso di informazioni privilegiate vengono in rilievo anche conoscenze 'dinamiche'" (quest'ultimo rilievo appartiene a S. Seminara,op. ult., p. 349). Su questi aspetti, cfr. anche F. Annunziata,La disciplina, (nt. 31), p. 385 s.; R. Costi,Il mercato, (nt. 13), p. 285 s.; Id., L. Enriques,  (nt. 1), p. 229; F. Sgubbi, A.F. Tripodi, (nt. 1), p. 4; C. Di Noia, M. Gargantini,The market abuse, (nt. 1), p. 791 ss., 797 ss., nonché la comunicazione CONSOB, 28 marzo 2006, n. DME/6027054, al cui punto 5 si evidenzia che "le due nozioni di informazione privilegiata - nonostante l'identità di contenuto - non sono pienamente coincidenti in termini di funzione perseguita nelle diverse fattispecie relative alla identificazione dell'abuso e all'adempimento di obblighi informativi". Proprio questa comunicazione, unitamente alla previsione dell'art. 66, comma 1, reg. emittenti ("Gli obblighi di comunicazione previsti dall'articolo 114, comma 1, del Testo unico sono ottemperati quando, al verificarsi di un complesso di circostanze o di un evento, sebbene non ancora formalizzati, il pubblico sia stato informato senza indugio mediante apposito comunicato […]"), erano solitamente interpretate dalla dottrina giuscommercialistica ponendo il fuoco sull'art. 2, par. 2, dir. 2003/124/CE, su cui la disposizione regolamentare era ricalcata, e lasciando invece in ombra la norma generale dell'art. 1, par. 1, della medesima direttiva sulla ragionevole prevedibilità del verificarsi di un evento futuro, con l'esito di posticipare l'obbligo divulgativo rispetto all'insorgenza del divieto di abuso di informazioni privilegiate: v.infra,subnt. 37.
    Più in generale, per ulteriori approfondimenti e riferimenti, si rinvia a S. Gilotta, Trasparenza,  (nt. 14), p. 97 ss., 151 ss.; E. Pederzini,  (nt. 1), p. 981 ss., 990 ss., 994 ss.; F. Denozza, La nozione di informazione privilegiata tra "Shareholder Value" e "Socially Responsible Investing", in Giur. comm., 2005, I, p. 585 ss., spec. 590 ss.; Fr. Mucciarelli, L'informazione societaria, (nt. 31), p. 756 ss., 772 ss.; E. Rigotti, (nt. 1), p. 1356 s., nonché alle tuttora attuali osservazioni di C. Angelici, Note in tema di informazione societaria, in La riforma delle società quotate, a cura di F. Bonelli, E. Buonocore, F. Corsi, R. Costi, P. Ferro-Luzzi, A. Gambino, P.G. Jaeger, U. Patroni Griffi, Milano, 1998, p. 249 ss.
  • 32) Ed in effetti prima dell'adozione della MAD la Commissione aveva proposto in un documento di consultazione l'introduzione di differenti nozioni per i due ambiti, come ricordato da C. Di Noia, M. Gargantini, Issuers,  (nt. 1), p. 492, nt. 25, che, a loro volta, erano stati in precedenza tra i fautori di una simile scelta: Iid., The market abuse,  (nt. 1), p. 808 ss., con frequenti riferimenti al menzionato rapporto ESME.
  • 33) I quali, così come l'accessorio concetto di "tappa (o fase) intermedia", non solo non conoscono una definizione nel corpo del MAR, che pure non è avaro in tal senso, ma sono identificati attraverso il ricorso ad un lessico che definire atecnico sarebbe un eufemismo (v. infra, sub nt. 35).
  • 34) Ciononostante l'assimilazione non è comunque peregrina, per via del fatto che l'espressione giuridicamente puntuale "fattispecie a formazione progressiva" appare nella traduzione di CGUE, 28 giugno 2012, C-19/11, , la quale a sua volta rappresenta la matrice da cui sono stati ricavati i segmenti normativi in questione, come è accaduto anche con CGUE, 23 dicembre 2009, C-45/08, , secondo quanto si è avuto modo di esporre.
  • 35) Il considerando 17 MAR fa addirittura riferimento, tra l'altro, allo "stato delle negoziazioni contrattuali" o alle "condizioni contrattuali provvisoriamente convenute" (e v. le fondate contestazioni di P. Montalenti, «Disclosure» e riservatezza nei mercati finanziari: problemi aperti, in AGE, 2013, p. 253, formulate su un testo di proposta di regolamento di identico tenore), ed il dettato della disposizione risulta molto generico, dal momento che ci si è limitati a stabilire: "Nel caso di un processo prolungato che è inteso a concretizzare, o che determina, una particolare circostanza o un particolare evento, tale futura circostanza o futuro evento, nonché le tappe intermedie di detto processo che sono collegate alla concretizzazione o alla determinazione della circostanza o dell'evento futuri, possono essere considerate come informazioni aventi carattere preciso" (art. 7, par. 2, secondo periodo, MAR).
  • 36) Questa conclusione è peraltro fermamente respinta sullo stesso piano da A.F. Tripodi,Informazioni,  (nt. 1), p. 378 s., il quale ritiene che "l'imposizione della comunicazione al mercato di una notizia avente a oggetto un evento che acquisisce rilevanza in funzione di un altro e successivo evento, piuttosto che tutelare il corretto funzionamento del mercato, e dunque la sua integrità, [può] comportare incertezze e distorsioni in esso, incidenti in maniera negativa sulla stessa fiducia degli investitori"; nello stesso senso anche C. Di Noia, M. Gargantini,Issuers, (nt. 1), p. 503 e Iid.,The market abuse, (nt. 1), p. 793 s., testo e nt. 37 e 38, i quali evidenziano altresì il rischio che una divulgazione troppo anticipata possaex postessere riqualificata e perseguita dall'autorità come una condotta manipolatoria (ribadendo una condivisibile preoccupazione già emersa in ESME,Market abuse EU legal framework and its implementation by member states: a first evaluation, Bruxelles, 2007, p. 6, leggibile sul sito http://www.ec.europa.eu, tra i cui autori figurava anche lo stesso Di Noia); P. Montalenti, (nt. 12), p. 482, ove condivisibilmente si afferma che "il mercato ha bisogno di essere informato, non disinformato per eccesso di informazione" e si analizza la questione nell'ottica della stessa riferibilità all'emittente di studi interni (ed a questi si potrebbero equiparare anche quelli commissionati a terzi o i pareri richiesti a soggetti con particolari competenze) elaborati  in vista del compimento di operazioni di significativa importanza e la si esclude, salvo il caso in cui lo studio "attenga ad una definizione esecutiva di decisioni già adottate da organi o soggetti dotati di poteri decisionali"; in proposito si crede di poter puntualizzare che la realizzazione di studi o la richiesta di pareri o altre ricerche di per sé non rappresenti informazioni privilegiate, cosa che, viceversa, in presenza di tutti gli altri presupposti, potrebbe essere predicato in relazione ai loro contenuti. Proprio perciò:a)in sintonia con quanto afferma l'autorevole dottrina citata, tali informazioni dovranno essere divulgate solo nel momento in cui si inseriscano in una fase esecutiva di decisioni già adottate (con conseguente irrilevanza di fasi preliminari a carattere puramente istruttorio o esplorativo);b)le informazioni presentiinquesti studi potranno essere utilizzate esclusivamente in vista della realizzazione (o dell'abbandono) dell'operazione per cui essi sono stati richiesti, avendo cura di salvaguardarne la riservatezza;c)un loro sfruttamento per finalità aliene all'operazione pianificata potrebbe concretizzare un abuso di informazioni privilegiate, ma sul punto si v.infra,subpar. 4.
    Nella giurisprudenza nazionale successiva alla sentenza CGUE, 28 giugno 2012, C-19/11, , peraltro, si segnala App. Milano, 4 aprile 2013, in Soc., 2014, p. 697 ss., con nota di S. Lombardo, nella quale si è giunti alla conclusione che sussistesse il requisito della precisione delle informazioni utilizzate da un tippee in quanto consentivano di prevedere che il progetto di acquisizione cui inerivano si sarebbe realizzato con una "elevata probabilità"; la particolare fattispecie vagliata dalla corte territoriale, quindi, non ha reso necessario ricorrere al più elastico criterio valutativo elaborato dalla CGUE. Sembra disattendere le conclusioni del giudice europeo anche App. Milano, 11, dicembre 2014, in Soc., 2015, p. 1144 ss., con nota di E. Macrì, nella cui motivazione si legge che "ricorrendo gli altri requisiti, dovrà considerarsi sufficientemente specifica e di natura privilegiata l'informazione comunque 'operativa' ossia, in generale, idonea a permettere una ragionevole decisione d'investimento sul mercato finanziario" (corsivo aggiunto). Si veda anche App. Bologna, 29 ottobre 2013, , p. 27 (testo originale), che, richiamandosi all'indirizzo del giudice europeo, si è attestata sulla sufficienza di una "concreta possibilità di effettiva realizzazione" dell'operazione per determinare se l'informazione privilegiata nel caso di specie fosse precisa (salvo poi contraddittoriamente ed impropriamente affermare che il progetto dell'operazione era "in fase di concreta attuazione": p. 29 ss. del testo originale).
  • 37) Ossia, quando saràragionevolmente certoprevedere che tale evento o circostanza si verificherà, conformemente a quanto già oggi ritiene l'orientamento dottrinario dominante, il quale variamente esclude un'eccessiva anticipazione del momento pubblicitario: F. Annunziata,La disciplina, (nt. 31), p. 388 s.; Id.,Commento all'art. 114 t.u.f., (nt. 31), p. 1506 s.; E. Amati,Abusi di mercato, (nt. 1), p. 91 s., 95 ss.; E. Macrì, (nt. 15), p. 65 ss.; E. Pederzini, (nt. 1), p. 981; C. Di Noia, M. Gargantini,The market abuse, (nt. 1), p. 800 ss., in cui è riportato un panorama dei discordanti orientamenti applicativi di alcune autorità amministrative e si afferma: "Different practical interpretations of the EU framework represent a cost in cross-border activities and an obstacle to the creation of a single financial market", concludendo che "no substantial harmonisation has been reached at the EU level as far as issuers' duty to disclose inside information is concerned"; P. Carrière, (nt. 30), p. 364 ss.; G. Meo, (nt. 1), p. 306 s.; L. Picone, (nt. 30), p. 238 ss.; P. Sfameni, (nt. 30),loc. ult.; diversamente, A.F. Tripodi,Informazioni, (nt. 1), p. 352 s., conduce una lettura sistematica a favore dell'allineamento tra obbligo di pubblicità e sanzione, escludendo l'anticipazione dell'uno e dell'altra fino all'istante di effettiva verificazione dell'evento. Isolata pare essere l'opinione di M. Fratini,Diritto, (nt. 15), p. 457, il quale scrive: "L'obbligo di comunicazione al pubblico sorge non quando sia divenuto ragionevolmente prevedibile il verificarsi di un evento o di un complesso di circostanze […], ma quando l'evento o il complesso di circostanze si verifica concretamente".
    La stessa CONSOB pare attestata su posizioni prossime a quelle della corrente di pensiero maggioritaria: comunicazione del 28 marzo 2006, n. DME/6027054, punti 5, 19, 26 (anche se in quest'ultimo si legge un riferimento alla parità informativa). Corre ad ogni modo l'obbligo di segnalare che nella medesima comunicazione l'Autorità ha manifestato incongruentemente un atteggiamento ben più rigoroso a fronte di progetti di operazioni complesse, i cui contenuti dovrebbero essereintegralmenteoggetto di pubblicità prima della loro esecuzione (punti 39 - 41, ove si fa riferimento proprio a rastrellamenti ante OPA o finalizzati alla realizzazione di fusioni), senza tenere, però, pienamente in conto la ragionevole prevedibilità del loro esito e, soprattutto, degli ostacoli che la divulgazione stessa potrebbe cagionare.
    Infine una puntualizzazione è doverosa in merito alla disciplina nazionale dell'OPA ed ai suoi rapporti con gli obblighi di informazione continua, di cui la dottrina si è occupata maturando variamente la convinzione che l'unica informazione da comunicare sia quella relativa all'assunzione della decisione di lanciare l'offerta ex art. 102 t.u.f.: F.M. Mucciarelli, Le offerte pubbliche di acquisto e di scambio, in Tratt. dir. comm., fondato da V. Buonocore e diretto da R. Costi, Torino, 2014, p. 64 ss.; A.F. Tripodi, Informazioni, (nt. 1), p. 364 ss.; S. Lombardo, OPA, informazione privilegiata e insider di se stessi (nota a TAR Lazio, sez. Roma, 10 luglio 2012, n. 6257), in Soc., 2013, p. 53 ss. Diversa conclusione - sempre sulla scia di CGUE, 28 giugno 2012, C-19/11,  - è argomentata in App. Bologna, 29 ottobre 2013, , che si è inserita sulla vicenda di cui si era già occupato il TAR pronunciandosi in maniera diametralmente opposta: nella sentenza si legge che "l'informazione relativa al lancio dell'Opa può ritenersi precisa già nella fase intermedia e prima che sia definita in tutti i suoi elementi, dunque anche nella fase delle trattative, nel momento in cui vi siano circostanze tali da far ritenere fondata la prospettiva che l'operazione si realizzi" (p. 31, testo originale). Oltre ad altri elementi sui quali di seguito si tornerà, è doveroso sottolineare che questa pronuncia non sembra aver tenuto in alcun conto l'art. 3, par. 1, lett. e), dir. 2004/25/CE ("un offerente può annunciare un'offerta solo dopo essersi messo in condizione di poter far fronte pienamente ad ogni impegno di pagamento del corrispettivo in contanti"), proprio in merito ad una situazione in cui, invece, i ricorrenti avevano dimostrato - ed il giudice ne aveva persino preso atto: p. 32 del testo originale - di non disporre dei mezzi per far fronte agli impegni economici derivanti dal lancio dell'OPA nel pe­rio­do preso in considerazione. La circostanza è evidenziata anche nel commento a tale pronuncia (p. 573 ss.).
  • 38) Ciò è probabilmente in funzione della più immediata domanda di protezione che si presenta in relazione ai soci attuali rispetto all'indistinto insieme dei potenziali investitori, ed altresì coerente con l'intento di coinvolgere maggiormente l'azionariato nella vita delle società quotate espresso nei considerando 3 e 6 della dir. 2007/36/CE (c.d. dir. shareholders' rights), secondo cui, rispettivamente "i detentori di azioni con diritto di voto dovrebbero poter esercitare tali diritti, considerato che questi si riflettono nel prezzo corrisposto per l'acquisto delle azioni" e "dovrebbero poter votare con cognizione di causa nel corso dell'assemblea". Ulteriori spunti in E. Macrì, (nt. 15), p. 35 s., nt. 145 e p. 96 s.
  • 39) Ed in cui sovente la dottrina, pur con talune rilevanti eccezioni (Carrière,  (nt. 30), p. 353 ss.; S. Seminara, Disclose or abstain, (nt. 1), p. 350 ss.), tende ad individuare la soluzione al problema delladisclosurenelle fattispecie a formazione progressiva.
    Interessante la segnalazione di L.A. Bianchi, A. Picciau, Appunti sulla nuova regolamentazione dell'informazione continua, in AGE, 2013, p. 224 s., circa le distorsioni provocate dal timore di sanzioni e della fuga di notizie nella prassi decisionale degli emittenti.
  • 40) Nel senso auspicato sulla scorta dell'esperienza dell'ordinamento tedesco da S. Seminara, Disclose or abstain, (nt. 1), p. 352, prima che l'art. 66-bis reg. emittenti fosse modificato sovvertendo il previgente regime che imponeva la richiesta di autorizzazione preventiva alla CONSOB.
  • 41) Il MAR consente agli stati membri di prevedere che gli emittenti debbano informare l'autorità della ritardata disclosure soltanto dietro sua richiesta (art. 17, par. 4, terzo periodo, in fine).
  • 42) Vi sono vari ordini di obblighi, legati alle diverse fasi in cui si può idealmente scomporre il sondaggio: 1) fase iniziale: valutazione di eventuale natura privilegiata delle informazioni da parte di chi esegue il sondaggio ("disclosing market participant": DMP) e registrazione per iscritto di sue conclusioni al riguardo; 2) fase esecutiva: richiesta del consenso del ricevente alla trasmissione di informazioni privilegiate, avviso al ricevente in merito al divieto di utilizzare questo genere informazioni ed all'obbligo di mantenerle segrete, ulteriore registrazione di tutte le informazioni fornite e dell'identità dei soggetti contattati; 3) fase successiva al perfezionamento: conservazione delle registrazioni da parte del DMP per almeno cinque anni ed obbligo di fornirle all'autorità di vigilanza dietro sua richiesta.
  • 43) Forse anche a causa della particolare concentrazione dell'azionariato riscontrabile nel mercato del capitale di rischio in Italia, le condizioni di ammissibilità dellaselective disclosureed i suoi effetti sono stati recentemente oggetto di grande attenzione da parte dalla dottrina per quanto riguarda i flussi informativi tra amministratori e azionisti di riferimento, mentre è rimasto in ombra l'ambito elettivo segnato dall'articolato del MAR, che collega i sondaggi di mercato al "fine di valutare l'interesse dei potenziali investitori per una possibile operazione e le relative condizioni" (art. 11, par. 1), o alla realizzazione di un'OPA o di una fusione (art. 11, par. 2): cfr. G. Strampelli, (nt. 1), p. 1040 ss., che però individua una serie di notevoli limitazioni (p. 1053 ss.); L.A. Bianchi, A. Picciau, (nt. 39), p. 237 s., che si occupano degli incontri con operatori di mercato ed analisti finanziari; E. Macrì, (nt. 15), p. 92, spec. 96 s.; S. Gilotta,Trasparenza, (nt. 14), p. 165 ss.; Id.,Disclosure, (nt. 14), p. 85 ss., il quale si occupa tuttavia per lo più di comunicazioni selettive verso analisti finanziari (segnalandone gli aspetti positivi con una certa dose di ottimismo), limitandosi a sottolineare incidentalmente circa gli azionisti che vi sarebbe un rischio assai più elevato dimoral hazard; P. Montalenti, (nt. 12), p. 480 s.; Id., (nt. 35), p. 251 ss.; Id.,Società per azioni, corporate governance e mercati finanziari, Milano, 2011, p. 20 ss.; Id.,L'informazione nei gruppi societari, inLa società per azioni oggi: tradizione, attualità e prospettive, Milano, 2007, p. 312 ss. (pubblicato anche nell'opera precedentemente citata, a p. 255 ss., spec. 275 ss.); A. Giannelli, C. Mosca,Flussi informativi tra amministratori e soci nella società quotata, tra ambiguità ed esigenze di disciplina, relazione presentata al convegno "La protezione dei soggetti deboli tra equità ed efficienza", organizzato dall'Associazione "Orizzonti del Diritto Commerciale" e svoltosi a Roma il 10 e 11 febbraio 2012, p. 6 ss.; N. Linciano, A. Macchiati, (nt. 1), p. 34 s., 75, in cui riflessioni di portata più generale sul fenomeno.
    Peraltro, al di là dell'attrito della diffusione selettiva di informazioni con il combinato disposto delle norme degli artt. 92 e 114, comma 4, t.u.f., è il caso di aggiungere che essa si pone altresì in contrasto con i principi di corporate governance recentemente rielaborati dall'OCSE in collaborazione con il G20, nei quali in più ambiti è ribadito il "fundamental principle of equitable treatment" nei confronti degli azionisti e degli altri partecipanti al mercato (G20/OECD, Principles of corporate governance, 2015, p. 19 ss., 35, 41, leggibile sul sito http://www.oecd.org) ed è specificamente richiesto che i "channels for disseminating information should provide for equal, timely and cost-efficient access to relevant information by users" (p. 49). Analogamente, nell'ultima edizione (2015) del Codice di autodisciplina delle società quotate sul mercato gestito da Borsa Italiana s.p.a. (disponibile sul sito http://www.borsaitaliana.it) si raccomanda il rispetto delle previsioni in materia di informazioni privilegiate (artt. 1.C.1, lett. j), 9.C.2), e si esorta gli emittenti ad adottare "una procedura interna per la gestione, in forma sicura e riservata, delle informazioni che li riguardano, soprattutto quando si tratti di informazioni privilegiate. Tale procedura è anche volta a evitare che la loro divulgazione possa avvenire intempestivamente, o in forma selettiva […]"(p. 9). Qualche deroga al divieto di comunicazioni selettive è invece tollerata nei più risalenti Principles for ongoing disclosure and material development reporting by listed entities (2002) della IOSCO (reperibile sul sito http://www.iosco.org), nei quali si legge che "certain narrow exceptions may be permitted to this principle to allow communications with advisers and rating agencies or, in the ordinary course of business, communications with persons with whom the listed entity is negotiating, or intends to negotiate, a commercial, financial or investment transaction or representatives of its employees or trade unions acting on their behalf" (p. 6).
  • 44) Seguendo un altro rinvio esterno al MAR, si apprende che per PMI s'intendono quelle imprese che abbiano una capitalizzazione di borsa media inferiore a duecento milioni di euro sulla base delle quotazioni di fine anno dei tre precedenti anni civili (art. 4, par. 1, n. 13, MiFID 2).
  • 45) L'Italia peraltro risulta rispettare almeno parzialmente le nuove previsioni sull'estensione degli obblighi informativi, poiché già mediante il d.lgs. 101/2009 è stato previsto che gli emittenti strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni nei sistemi multilaterali di negoziazione sono assoggettati agli artt. 114 (tranne il comma 7) e 115 TUF (art. 116, comma 2-bis, TUF). Mancano, quindi, all'appello gli OTF.
  • 46) In ciò la disciplina italiana riportata nella nota precedente necessiterà di essere adeguata, ricomprendendo l'obbligo indicato e la medesima considerazione vale per il punto indicato di seguito nel testo.
  • 47) È doveroso precisare che non necessariamente tali emittenti sono tutti PMI, in quanto è sufficiente che almeno il 50% degli emittenti con titoli ammessi alla negoziazione lo sia al momento della registrazione del mercato di crescita e successivamente ogni anno civile (art. 33, comma 3, lett. a), MiFID 2). Con un singolare rovesciamento, quindi, anche emittenti che non sono PMI possono accedere al beneficio di modesta portata di cui si sta per dire. Non si tratta peraltro di una difficoltà che non possa essere ovviata a livello nazionale oppure della regolamentazione adottata dai gestori dei mercati di crescita, ma richiama comunque ancora una volta l'attenzione sui rischi che il frazionamento della normativa in più provvedimenti pone non solo sul piano dell'accessibilità e comprensibilità delle regole, bensì sull'aumento della difficoltà del loro coordinamento sistematico.
  • 48) Ciò è vero anche sul piano sanzionatorio, dal momento che non è previsto un apparato punitivo differenziato in cui si tenga conto del diverso peso delle PMI e degli effetti su MTF ed OTF delle violazioni compiute in seno ad essi. Anzi, potrebbe ad esempio paradossalmente giungersi all'applicazione di sanzioni proporzionalmente più severe in relazione a condotte verificatesi su MTF o OTF e caratterizzate da esiti quantitativamente meno rilevanti (rispetto all'entità degli scambi sui mercati regolamentati), qualora siano suscettibili di minare la loro integrità (arg. ex considerando nn. 11 e 12 MAD 2).
  • 49) Su cui si veda la comunicazione della Commissione del 25 giugno 2008 sullo Small Business Act - COM(2008) 394, espressamente richiamata nel considerando n. 6 del MAR. Si consideri inoltre la significativa quantificazione degli oneri amministrativi derivanti dai vari obblighi informativi in capo alle PMI recata dalla comunicazione della Commissione SEC(2011) 1217, p. 29 ss., ed il relativo allegato 10 (a p. 193 ss.).
  • 50) Per riferimenti sul punto, si rinvia a M.B. Magro,  (nt. 1), p. 41 ss., 69 ss.; V. Caridi,  (nt. 14), p. 7 ss., 20 ss., testo e note, il quale comunque correttamente segnala che i rigorosi assunti economici sono stati spesso "filtrati" ed attenuati nella loro recezione in ambito giuridico. Ad ogni modo, si può forse ipotizzare che le origini più remote della figura dell'investitore ragionevole possono essere tracciate a ritroso nell'influenza che gli studi statistici condotti da Adolphe Quetelet nel XIX secolo hanno avuto sugli studi sociali ed economici successivi; egli, vagliando un'enorme mole di dati statistici e ricorrendo in particolare frequentemente alle distribuzioni gaussiane, arrivò ad elaborare un concetto di "uomo medio", che con un autentico salto logico pose al centro di un'elaborazione ideale nella quale cercava di ricostruire e spiegare i fenomeni sociali sulla base di leggi fisiche (Sur l'homme et le développement de ses facultés, ou Essai de physique sociale, Paris, 1835, accessibile sul sito http://www.gallica.bnf.fr). Per altro verso, sebbene in queste righe non sia ovviamente possibile ricostruire accuratamente una storia del pensiero economico, la formalizzazione in termini matematici del concetto di scelta razionale è stata realizzata solo in J. von Neumann, O. Morgestern, Theory of games and economic behavior, Princeton, 1944, p. 8 ss., 31 ss., la cui opera ha posto le fondamenta per la teoria economica neoclassica e nella quale si ritrova un'eco della logica che guidò Quetelet laddove si legge: "The objection could be raised that it is not necessary to go into all these intricate details concerning the measurability of utility, since evidently the common individual, whose behavior one wants to describe, does not measure his utilities exactly but rather conducts his economic activities in a sphere of considerable haziness. The same is true, of course, for much of his conduct regarding light, heat, muscular effort, etc. But in order to build a science of physics these phenomena had to be measured. And subsequently the individual has come to use the results of such measurements directly or indirectly even in his everyday life. The same may obtain in economics at a future date. Once a fuller understanding of economic behavior has been achieved with the aid of a theory which makes use of this instrument, the life of the individual might be materially affected" (p. 20, corsivo aggiunto).
  • 51) Illuminanti sono le ponderate riflessioni declinate su più prospettive da A.F. Tripodi,Informazioni, (nt. 1), p. 242 ss., il quale tuttavia conclude che "la figura dell'investitore ragionevole rimane invero parametro dai risvolti equivoci". Cfr. altresì F. Denozza,Mercato, (nt. 14), p. 82 ss., ove si legge la condivisa considerazione per cui "la scelta di un soggetto razionale può essere indefinitamente rimodulata dall'acquisizione di nuove informazioni o di nuove possibilità di scelta. Non esiste alcun parametro che consenta di affermare a priori l'irrilevanza di una ulteriore informazione o di una ulteriore possibilità di scelta rispetto a tutte quelle disponibili in una situazione data" (p. 83) completata in nota 34 dalla chiosa: "Solo l'onniscienza garantisce la perfetta razionalità della scelta"; Id.,La nozione, (nt. 29), p. 591 ss.; A. Alessandri,Rassegna sugli abusi di mercato: la manipolazione del mercato, inGiur. comm., 2015, II, p. 421 ss., che con scetticismo ritiene: "L'investitore medio è una creazione puramente concettuale e astratta, mentre nella realtà del mercato esistono diversissime figure di attori, tra le quali predominano sempre  più gli operatori specializzati, dotati di un bagaglio tecnico e di una competenza che certamente non può essere definitamedia"; S. Giavazzi,L'abuso, (nt. 1), p. 716 s., la quale, per vero, ponendo l'accento sulla ragionevolezza dell'agente, non supera le criticate incertezza ed ambiguità della norma, ma traccia una figura dai contorni vieppiù sfuggenti, in quanto considera "ragionevole anche il singolo investitore, purché si tratti si un soggetto razionale, in grado cioè di elaborare correttamente e razionalmente le informazioni"; M.B. Magro, (nt. 1), p. 49, la quale opina nettamente che "tutti i soggetti del mercato impiegano euristiche che facilitano il compito decisionale, evitando l'ardua se non impossibile esplorazione dell'intero set informativo" e, poi: "In contrasto con la concezione secondo cui il comportamento umano è governato da meditate decisioni contenenti una valutazione in termini di costi e benefici, è possibile affermare che ruolo primario nel comportamento umano ha la dimensione emotiva ed affettiva" (p. 55 e v. anche a p. 70 ss.); E. Macrì,  (nt. 15), p. 75 ss.; C. Di Noia, M. Gargantini,Issuers, (nt. 1), p. 500 ss.; G. Gasparri,  (nt. 16), p. 102 ss.; R. Zannotti, (nt. 1), p. 415 ss., che denuncia fondati dubbi intorno al paradigma della razionalità dell'investitore; Fr. Mucciarelli,Commento all'art. 184 t.u.f., (nt. 1), p. 2339 ss.; E. Amati,Abusi di mercato,  (nt. 1), p. 24 ss., 103 s., ove si contesta la fondatezza dell'ispirazione economica della figura in esame e la difficoltà insita nella sua concreta identificazione; Id.,La disciplina,  (nt. 1), p. 208 s.; V. Caridi,  (nt. 14), p. 24 s.; F. Sgubbi, A.F. Tripodi,  (nt. 1), p. 20 s.; Iid., D. Fondaroli,  (nt. 1), p. 18 s.; V. Napoleoni, voce Insider trading,  (nt. 1), p. 589; As. Di Amato,  (nt. 1), p. 132; F. Sgubbi,  (nt. 17), p. 350 ss.. Perplesso, ma propenso a identificare l'"investitore ragionevole" in un investitore "quantomeno «preparato» o, meglio, «professionale»" è F. Annunziata,La disciplina,  (nt. 31), p. 390 (nonché Id.,Abusi di mercato, (nt. 31), p. 14 s.); Id.,Commento all'art. 114 t.u.f., (nt. 31), p. 1503 s.; orientato a prendere a riferimento l'investitore professionale è anche M. Sepe, (nt. 1), p. 776, nt. 23, mentre S. Seminara, Disclose or abstain, (nt. 1), p. 339 ss., in senso diverso e con argomentazione persuasiva conclude che "una volta stabilito che la nozione di informazione privilegiata postula, nel caso dell'insider trading, una valutazione oggettiva sulla sua concreta potenzialità di influenzare sensibilmente il prezzo del titolo, indipendentemente dall'opinione dell'agente, può ritenersi che in tale valutazione oggettiva sia assorbita la figura del ragionevole investitore, relegata così al ruolo di unamera iterazione" (corsivo aggiunto).
    Si vedano anche, seppure in altra ottica, i rilievi critici nei confronti del paradigma della razionalità nella teoria economica neoclassica (e della sua accettazione in ambito giuridico) di U. Minneci, Servizi di investimento e gradazione dei clienti, Milano, 2013, p. 15 s., testo e nt. 4, 39 ss., testo e note.
  • 52) Con un'evidente sfasatura rispetto alla definizione generale di informazione privilegiata (che da sola è già idonea ad influenzare l'andamento dei prezzi) prontamente denunciata dalla dottrina più attenta: ex multis, V. Napoleoni, op. loc. ult. ; Seminara, Disclose or abstain,  (nt. 1), p. 337 s. Non solo, nella soft law europea si può rinvenire una nozione di informazione privilegiata in cui il ruolo svolto dalla notizia è direttamente rilevante per determinare la reazione dell'investitore ragionevole: "Material information can also be defined as information that a reasonable investor would consider important in making an investment or voting decision" (G20/OECD, (nt. 43), p. 41). Si può altresì ricordare che altrove la figura dell'investitore è evocata spoglia di ogni qualificazione, come in IOSCO, (nt. 43), p. 4, ove si afferma: "Listed entities should have an ongoing disclosure obligation requiring disclosure of all information that would be material to an investor's investment decision".
  • 53) Su cui, per ulteriori riferimenti, v. G. Strampelli, (nt. 1), p. 1018, nt. 101 e 102, il quale però tende a minimizzare l'influsso sul generale andamento del mercato dei comportamenti irrazionali, assumendo che possa essere corretto dall'operatività degli investitori istituzionali (per vero, anch'essi tutt'altro che esenti da irrazionalità); Y. Yadav,Beyond, (nt. 3), p. 22 s., nt. 91 - 97; A.F. Tripodi,Informazioni, (nt. 1), p. 19 s., 256 s.; M.B. Magro, (nt. 1), p. 47 ss., ove per una ricca e meditata analisi critica della figura dell'investitore ragionevole attraverso una documentata disamina delle acquisizioni della finanza comportamentale; V. Caridi,  (nt. 14), p. 32 ss., 39 ss., il quale raggiunge per altra via conclusioni simili a quelle di Strampelli; S. Seminara, Disclose or abstain,  (nt. 1), p. 338 ss.; E. Amati,Abusi di mercato, (nt. 1), p. 25 ss., testo e nt. 82 - 86; E. Macrì, (nt. 15), p. 3 s.; E. Righini, Behavioural law and economics.Problemi dipolicy, assetti normativi e di vigilanza, Milano (Franco Angeli), 2012, p. 19 ss., per una ricostruzione delle principali risultati teorici e p. 110 ss., ove un quadro delle maggiori ripercussioni sul piano della regolamentazione della vigilanza sui mercati finanziari; N. Linciano,Errori cognitivi e instabilità delle preferenze nelle scelte di investimento dei risparmiatoriretail.Le indicazioni dipolicydella finanza comportamentale, inQuad. fin. CONSOB, 2012,passim; AA. VV.,La finanza comportamentale e le scelte di investimento dei risparmiatori. Le implicazioni per gli intermediari e le Autorità, a cura di N. Linciano, ivi, 2011,passim. Nella letteratura istituzionale, una meritevole esposizione di alcune nozioni di base della finanza comportamentale è presente in AA. VV.,Diritto ed economia del mercato, a cura di G. Lemme, Padova, 2014, p. 367 ss.. Più in generale, è di grande interesse anche il dibattito interdisciplinare ospitato sul numero 1/2012 della rivistaAGE, intitolatoFinanza comportamentale. Investitori a razionalità limitata, di cui si segnalano in particolare N. Rangone,Errori cognitivi e scelte di regolazione, ivi, p. 7 ss.; U. Morera, E. Marchisio,Finanza, mercati, clienti e regole ... ma soprattutto persone, ivi, p. 19 ss., ove anche per copiosi riferimenti; R. Caterina,Psicologia della decisione e tutela del consumatore, ivi, p. 67 ss.; N. Linciano,La consulenza finanziaria tra errori di comportamento e conflitti di interesse, ivi, p. 135 ss.. Si vedano anche U. Morera,Irrazionalità del contraente investitore e regole di tutela, inOltre il soggetto razionale. Fallimenti cognitivi e razionalità limitata nel diritto privato, Roma (Roma Tre-Press), 2014, p. 199 ss.; Id.,Legislatore razionaleversusinvestitore irrazionale: quando chi tutela non conosce il tutelato, inAGE, 2009, p. 77 ss.
    A livello europeo si segnala anche l'attenzione dedicata ai paradigmi dellabehavioral financeda parte di un autorevole giurista studioso dei mercati finanziari: E. Avgouleas,Governance of global financial markets: the law, the economics, the politics, Cambridge, 2013, p. 54 ss., 121 ss.; Id.,The Global Financial Crisis and the disclosure paradigm in European financial regulation: the case for reform, inEur.Comp. Fin. L. Rev., 2009, p. 445 ss.; Id.,Reforming investor protection regulation: the impact of cognitive biases, inEssays in the law and economics of regulation in honour of Anthony Ogus, eds. M. Faure, F. Stephen, Cambridge, 2008, p. 143 ss.
    Si veda infine anche N.N. Taleb, The black swan. The impact of the highly improbable2, 2010, passim, per un'interessante trattazione divulgativa sull'influsso dei limiti e dei meccanismi cognitivi (biases e heuristics) sulle capacità di previsione umane, specie nel settore finanziario (ove peraltro si segnala un massiccio fenomeno di herding nell'ambito delle previsioni degli analisti finanziari, i quali risultano commettere errori statisticamente più ampi rispetto alla differenza media intercorrente tra le altre previsioni individuali: p. 150 s., 390 s.).
  • 54) È a questo punto opportuno riportare le definizioni dell'art. 4, par. 1, nn. 39 e 40 MiFID 2, le quali, rispettivamente stabiliscono che la prima è quella forma di "negoziazione di strumenti finanziari in cui un algoritmo informatizzato determina automaticamente i parametri individuali degli ordini, come ad esempio se avviare l'ordine, i tempi, il prezzo o la quantità dell'ordine o come gestire l'ordine dopo la sua presentazione, con intervento umano minimo o nullo e non comprende i sistemi utilizzati unicamente per trasmettere ordini a una o più sedi di negoziazione, per trattare ordini che non comportano la determinazione di parametri di trading, per confermare ordini o per eseguire il trattamento post-negoziazione delle operazioni eseguite". La seconda, invece, consiste in "qualsiasi tecnica di negoziazione algoritmica caratterizzata da:a)infrastrutture volte a ridurre al minimo le latenze di rete e di altro genere, compresa almeno una delle strutture per l'inserimento algoritmico dell'ordine: co-ubicazione, hosting di prossimità o accesso elettronico diretto a velocità elevata;b)determinazione da parte del sistema dell'inizializzazione, generazione, trasmissione o esecuzione dell'ordine senza intervento umano per il singolo ordine o negoziazione, ec)elevato traffico infragiornaliero di messaggi consistenti in ordini, quotazioni o cancellazioni".
    Per ulteriori informazioni e notevoli spunti di riflessione sul trading algoritmico ad alta frequenza, v. Y. Yadav, How algorithmic trading, (nt. 3), p. 35 ss., 37 ss., per una rassegna di vantaggi e, soprattutto, di svantaggi e rischi; Ead., Beyond, (nt. 3), p. 24 ss.. spec. 29 ss., in cui si dubita che tali tecniche forniscano un effettivo contributo al miglioramento dell'efficienza informativa dei mercati finanziari e se ne passa in rassegna una serie di conseguenze negative (p. 36 ss.).
  • 55) Presunzione consacrata nella nota sentenza Basic Inc. v. Levinson, 485 U.S. 224 (1988) della Supreme Court statunitense rielaborando l'argomentazione svolta da una corte federale nella certification di una class action (Peil v. Speiser, 806 F.2d 1154 (CA3 1986), p. 1160 s., e già riscontrabile in Blackie v. Barracci, 524 F.2d 891 (9th Cir. 1975)) e secondo la quale "an investor who buys or sells stock at the price set by the market does so in reliance on the integrity of that price. Because most publicly available information is reflected in market price, an investor's reliance on any public material misrepresentations, therefore, may be presumed for purposes of a Rule 10b-5 action" (p. 247). Tale sentenza ha fin dalla sua apparizione - ed anche da prima, se si considera l'articolata opinione dissenziente sul punto formulata dal giudice White - suscitato una vasta mole di critiche che non è qui possibile ripercorrere e per le quali si rinvia, anche per ogni opportuno riferimento, a: P. Giudici, (nt. 14), p. 256 ss.; P.F. Mondini, I conflitti di interesse degli intermediari bancari nella prestazione di servizi di investimento. L'esperienza statunitense, Milano, 2008, p. 61 s.; A. Perrone, (nt. 14), p. 168 ss., 183 ss.; Y. Yadav, Beyond,  (nt. 3), p. 18 ss., testo e note; cui adde le persuasive critiche di carattere epistemologico mosse da A. Brav, J.B. Heaton, (nt. 14), p. 535 s.. Nonostante l'intenso dibattito sulla fondatezza e validità dell'ECMH la Supreme Court ha recentemente confermato la soluzione a suo tempo raggiunta in Basic Inc. v. Levinson nella sentenza Halliburton Co. v. Erica P. John Fund Inc., 134 S. Ct. 2398 (2014), sulla quale, senza alcuna pretesa di completezza, si segnalano i commenti di D.C. Langevoort, Judgment day for Fraud-on-the-Market: reflections on Amgen and the second coming of Halliburton, in Ariz. L. Rev., 2015, Vol. 57, No. 1, p. 38 ss., in cui si trovano anche i riferimenti ai suoi precedenti lavori critici sull'ECMH in ambito giuridico; J.E. Fisch, The trouble with Basic: price distortion after Halliburton, in Wash. Un. L. Rev., Vol. 90, No. 3, p. 896 ss.; M.B. Fox, Halliburton II: it all depends on what defendants need to show to establish no impact on price, in Bus. Lawyer, 2015, Vol. 70, No. 2, p. 437 ss.; L.A. Bebchuk, A. Ferrell, Rethinking Basic, ivi, 2014, Vol. 69, No. 3, p. 671 ss., ove si suggerisce altresì un approccio alternativo alla risoluzione delle class actions concernenti abusi di mercato negli USA prescindendo dall'adesione alla ECMH o alla behavioral finance; M.V. Sachs, Superstar judges as entrepreneurs: the untold story of Fraud-On-The-Market, in University of Georgia School of Law Research paper series, No. 2014-28, p. 3 ss., con un'interessante ricostruzione delle dinamiche degli eventi che hanno preceduto ed influenzato la sentenza Halliburton e del ruolo svolto dai giudici federali "superstar" Easterbrook e Posner nella riaffermazione della fraud on the market theory.
  • 56) L'informazione è riportata da Y. Yadav, How algorithmic trading, (nt. 3), p. 3, che in altra opera (Ead., Beyond, (nt. 3), p. 46 s.) nota acutamente: "For the most part, rationality and irrationality appear increasingly as quirks of programming, rather than analytical tools to describe and interpret market behavior. Fully automated trading means that rationality is, more or less, a matter of programming artifice. The algorithm behaves in a rational manner insofar as its programming reflects assumptions about how other traders are likely to behave and to transact on that basis. In short, algorithms imitate rational trading strategies in their own operations. […] HFT algorithms might only be interested in playing an intermediary role in the market, holding securities for only an infinitesimally short time. Here, algorithms may look to only very short term horizons and focus on the broad direction in which the market is likely to move. Rationality holds limited importance".
  • 57) V. anche C. Di Noia, M. Gargantini, Issuers, (nt. 1), p. 490, ove si afferma che "a new general regulation repealing the MAD would be slightly at odds with the Lamfalussy procedure's original intent for two reasons: on the one side, after a few years there would be radical change to the current level 1 measures; on the other side, the incorporation of the current level 2 measures into a level 1 regulation would dramatically reduce the flexibility of the whole regulatory architecture".
  • 58) Nel primo si legge che "l'abuso di informazioni privilegiate e la comunicazione illecita di informazioni privilegiate dovrebbero essere considerati gravi in casi come quelli in cui è di livello elevato l'impatto sull'integrità del mercato, il profitto effettivo o potenziale ritratto ovvero la perdita evitata, la misura del danno cagionato al mercato ovvero il valore complessivo degli strumenti finanziari negoziati. Altre circostanze di cui si potrebbe tenere conto sono, per esempio, quelle in cui un reato sia stato commesso nell'ambito di un'organizzazione criminale o in cui la persona abbia già commesso in passato reati di questo genere"; nel secondo, con inspiegabile asimmetria, invece, si statuisce che "la manipolazione del mercato dovrebbe essere considerata grave in casi come quelli in cui è di livello elevato l'impatto sull'integrità del mercato, il profitto effettivo o potenziale ritratto ovvero la perdita evitata, la misura del danno cagionato al mercato, dell'alterazione del valore dello strumento finanziario o del contratto a pronti su merci ovvero l'ammontare dei fondi utilizzati in origine oppure quando la manipolazione è commessa da soggetti impiegati o che lavorano all'interno del settore finanziario ovvero presso un'autorità di vigilanza o di regolamentazione".
    Sulla problematica individuazione del connotato di gravità della violazione, v. Fr. Mucciarelli, La nuova disciplina, (nt. 1), p. 12 ss., il quale afferma: "La Direttiva per vero s'incarica di individuare elementi suggestivi del criterio discretivo polarizzato sulla gravità, cercando così di fornire ai legislatori nazionali un parametro univoco per tale differenziazione, sebbene il risultato non sembri - almeno a prima vista - perspicuo e particolarmente efficiente rispetto allo scopo" (e si vedano anche i passaggi argomentativi a p. 21 ss. e 38, ove, similmente a quanto qui ritenuto, si perviene a paventare la mutazione da reati di pericolo a reati d'evento degli abusi di mercato (v. infra, nel testo). Di rilievo anche il dettagliato esame critico degli indici di gravità enumerati nella MAD 2 svolto a p. 36 ss. e del quale merita d'essere riportato qualche passaggio in relazione, ad esempio, al profitto potenziale ed alla perdita evitata, le quali "alludono a situazioni meramente congetturali, rispetto alle quali si potrà argomentare esclusivamente in via d'ipotesi sulla scorta di un accertamento basato su controvertibili simulazioni contabili, caratterizzate comunque da una componente d'incertezza indissolubilmente legata a valutazioni d'ordine probabilistico", nonché in ordine all'impatto di livello elevato sull'integrità del mercato, del quale "al di là di una componente fortemente evocativa, ne riesce ben difficile la riduzione nei termini precisi necessari per fondare un criterio selettivo di tanta importanza: il riferimento alla nozione di «integrità del mercato» rimanda a un universo di concetti variegati e di ardua traduzione in entità misurabili, come sarebbe necessario al cospetto di una disposizione che introduce una componente quantitativa […] come la specificazione «di livello elevato»".
  • 59) Il cui atteggiamento è ben sintetizzato da F. Viganò,  (nt. 13), p. 232, il quale scrive: "L'impressione - inutile nasconderlo - è che il legislatore dell'Unione abbia per lungo tempo, anche nella fase di preparazione degli strumenti normativi che stanno ora per entrare in vigore, sottovalutato i profili di frizione con ilne bis in idemcui si sarebbe esposto un meccanismo chiaramente strutturato attorno a un doppio binario procedurale e sanzionatorio, plasticamente espresso dalla scelta di disciplinare in due distinti e paralleli strumenti normativi (il regolamento e la direttiva) ciascuno dei due binari; e che poi lo stesso legislatore europeo, di fronte ai venti di guerra provenienti da Strasburgo - la sentenzaGrande Stevens, pubblicata all'inizio di marzo a direttiva e regolamento ormai approvati, era in effetti un epilogo largamente previsto anche nei mesi precedenti - abbia tentato di porre rimedio, riconoscendo agli Stati la possibilità … di non applicare affatto l'articolato sistema di sanzioni amministrative pure dettagliatamente disciplinate nel regolamento n. 596".
    Insomma, con i testi normativi ormai intangibili, si è preferito apportare degli sbrigativi "ritocchi" per prestare formale ossequio alla pronuncia CEDU, anziché rimettere mano alle opzioni di vertice già faticosamente raggiunte: ciò non potrà che nuocere alla realizzazione degli obiettivi di intensa armonizzazione di MAR e MAD 2, poiché ogni decisione sostanzialmente torna agli stati membri.
    Meno critico rispetto alle scelte di fondo operate dal legislatore europeo si mostra F. Mucciarelli, La nuova disciplina, (nt. 1), p. 15 ss., il quale opera un difficile tentativo di sistematizzazione dell'incerto materiale desumibile da MAR e MAD 2, concentrandosi specialmente sulle contraddizioni riscontrabili nel considerando n. 72 MAR, designato peraltro, forse incidentalmente, come "enunciato normativo", mentre ai considerando, a rigore, non potrebbe essere riconosciuta questa qualificazione (sul ruolo dei considerando, si veda supra, sub par. 2, in corrispondenza con le note 24 e 25).
  • 60) In questa sede non si può purtroppo dedicare il dovuto spazio alle notevoli e complesse problematiche sollevate dalla notissima sentenza CEDU, 4 marzo 2014 (casoGrande Stevens e altri c. Italia), per cui si rinvia alle riflessioni di P. Montalenti, (nt. 12), p. 483 ss., il quale, nel contestare duramente la legittimità del reg. sanzioni  della CONSOB (delibera del 19 dicembre 2013, n. 18750) sia rispetto alla citata sentenza CEDU, sia rispetto al diritto interno (art. 187-septies, comma 2, t.u.f.) dà altresì notizia degli sviluppi del caso Banca Intesa innanzi ai giudici amministrativi, ed in particolare della pronuncia del 26 marzo 2015, n. 1595 del Consiglio di Stato (della quale si vedano i punti 28 e 29) in cui si censura il difetto di contraddittorio riscontrabile in una versione antecedente del reg. sanzioni (del. 21 giugno 2005, n. 15086): ciò ha spinto la CONSOB ad apportare con del. 29 maggio 2015, n. 19158 una serie di modifiche al testo attuale, le quali, però, allo stato hanno attribuito soltanto una serie di facoltà "partecipative" in capo ai destinatari di lettere di addebito, tali da ripristinare solo su iniziativa di parte ed in maniera incompleta il rispetto del principio del contradditorio (che, quindi, presenta tuttora una valenza "debole"); B. Raganelli,Sanzioni Consob e tutela del contraddittorio procedimentale, inGiorn. dir. amm., 2015, p. 511 ss., la quale pure si occupa della pronuncia del Consiglio di Stato appena citata e con l'occasione espone alcune valutazioni critiche circa l'ultima versione del reg. sanzioni (p. 521 s.); G.M. Flick, V. Napoleoni,A un anno di distanza dall'affaire Grande Stevens:dalbis in idemall'e pluribus unum?, inRiv. soc., 2015, p. 868 ss., in cui ulteriori osservazioni sul giudizio amministrativo oggetto di attenzione negli scritti prima citati; Iid., (nt. 13), p. 953 ss., ove anche per ulteriori riferimenti bibliografici; G. Guizzi,La sentenza CEDU 4 marzo 2014 e il sistema delle potestà sanzionatorie delle autorità amministrative indipendenti: sensazioni di un civilista, inCorr. giur., 2014, p. 1321 ss., con particolare attenzione al rispetto del principio di imparzialità nei procedimenti innanzi alle autorità amministrative; B. Lavarini,Corte europea dei diritti umani ene bis in idem: la crisi del "doppio binario" sanzionatorio, inDir. pen. e proc., 2014, p. 82; F. D'Alessandro,Tutela dei mercati finanziari e rispetto dei diritti umani fondamentali, ivi, 2014, p. 614 ss., che coglie l'occasione della pronuncia della CEDU per esprimere una serie di severe critiche nei confronti del reg. sanzioni della CONSOB; Id., (nt. 1), p. 218 ss., 333 ss., e spec. 340 ss.; E. Desana,Procedimento CONSOB ene bis in idem: respinta l'istanza di rinvio, inGiur. it., 2014, p. 1642 ss.; V. Zagrebelsky,Le sanzioni Consob, l'equo processo e ilne bis in idemnella Cedu, ivi, p. 1196 ss.; F. Viganò,  (nt. 13), p. 220 ss.; M. Ventoruzzo,Abusi di mercato, sanzioni Consob e diritti umani: il caso Grande Stevens e altri c. Italia, inRiv. soc., 2014, p. 693 ss.; G. De Amicis, Ne bis in idem e"doppio binario" sanzionatorio: prime riflessioni sugli effetti della sentenza "Grande Stevens" nell'ordinamento italiano, inDir. pen. cont., 2014, n. 3-4, p. 202 ss., reperibile sul sito http://www. penalecontemporaneo.it; A.F. Tripodi,Abusi di mercato (ma non solo) e ne bis in idem: scelte sanzionatorie da ripensare?, inProc. pen. giust., 2014, n. 5, p. 102 ss.; Id.,Uno più uno (a Strasburgo) fa due. L'Italia condannata per violazione delne bis in idemin tema di manipolazione del mercato, 2014, p. 1 ss., disponibile sul sito http://www.penalecontemporaneo.it. Sul casoGrande Stevenssi veda anche la RelazioneConsiderazioni sul principio delne bis in idemnella recente giurisprudenza europea: la sentenza 4 marzo 2014, Grande Stevens e altri contro Italia(n. 35/2014), predisposta dall'Ufficio del Ruolo e del Massimario - Settore penale - della Corte di Cassazione (a firma di M. Brancaccio), consultabile sul sito http://www.cortedicassazione.it.
    Prima della pronuncia di questa sentenza, sul cumulo tra illecito penale ed amministrativo (ove coincidenti) e sui rapporti tra i rispettivi procedimenti in Italia, v. E. Amati,Abusi di mercato,  (nt. 1), p. 393 ss.; Id.,Commento agli artt. 184 e 187-bist.u.f., inNuove leggi civ., (nt. 1), p. 1049, 1064 s.; Id.,La disciplina, (nt. 1), p. 214 ss., 223 ss., 228 ss.; G. Gasparri, (nt. 15), p. 2432 ss.; Id., (nt. 16), p. 67 ss.; F. Bruno,Commento all'art. 187-bist.u.f., inCommentario t.u.f., a cura di Vella, II (nt. 1), p. 1800 ss.; R. Rordorf,Sanzioni amministrative e tutela dei diritti nei mercati finanziari, inSoc., 2010, p. 981 ss., spec. 987 ss., con attenzione anche ai profili di illegittimità delle procedure sanzionatorie della CONSOB (p. 991); Id.,Ruolo e poteri della Consob nella nuova disciplina del «market abuse», ivi, 2005, p. 813 ss., spec. 816 ss.; M.B. Magro,Manipolazioni, (nt. 1), p. 164 ss., che discute di "coacervo di disordinate disposizioni" e "irrazionalità sanzionatoria", e p. 179 ss., in cui contesta il cumulo di funzioni attribuite alla CONSOB; V. Napoleoni, voce Insider trading,  (nt. 1), 605 ss.; R. Zannotti, (nt. 1), p. 358, 401, 419 s., che muove svariati rimproveri al vigente apparato repressivo e parla di "livelli quasi 'terroristici' delle pene" e di "iperpenalizzazione degli abusi di mercato"; F. Sgubbi, A.F. Tripodi, (nt. 1), p. 5 ss., 10 ss.; A.F. Tripodi,Commento agli artt. 180 - 187-quaterdeciest.u.f.,  (nt. 1), p. 2556 ss.; L. Foffani,Commento agli artt. 180 - 184 t.u.f., (nt. 1), p. 714 s., ove anche per la sottolineatura che "la disciplina degli abusi di mercato [...] rappresenta oggi di gran lunga il settore più gravemente sanzionato di tutto il diritto penale dell'economia, in singolare e stridente contraddizione con la sorte (assai più «benevola» per gli autori degli illeciti) toccata invece nel corso della medesima XIV legislatura ad altri settori portanti [...] del diritto penale commerciale, come in particolare quello dei reati societari" (si veda anche a p. 718 e 721); C. Foladore,Il caso Unipol e la nuova disciplina dell'insider trading(nota a Trib. Milano, 25 ottobre 2006), inCorr. merito, 2007, p. 775 s.; C.E. Paliero,La riforma della tutela penale del risparmio: continuità e fratture nella politica criminale in materia economica, ivi, 2006, p. 615 ss.; Id.,"Market abuse" e legislazione penale: un connubio tormentato, ivi, 2005, p. 809 ss.; Fr. Mucciarelli,Primato della giurisdizione e diritto economico sanzionatorio: a proposito dimarket abuse, inDir. pen. e proc., 2006, p. 137 ss., 140 s.; Id.,L'abuso di informazioni privilegiate, (nt. 1), p. 1472 ss., il quale esprime dure censure sulle ultime riforme concernenti i reati in questione ed i poteri riconosciuti alla CONSOB, così come M. Miedico, (nt. 1), p. 100 ss.; R. Zannotti, (nt. 1), p. 331, 418 ss., 425 s.; A. Crespi,Le argomentazioni "en forme de poire" e i nuovi itinerari dellapecunia doloris, inRiv. soc., 2007, p. 1359 ss.; Id.,Aggiottaggio informativo, giurisdizioni «esclusive» e altre curiosità, ivi, 2006, p. 698 ss.; G. Lunghini,L'aggiotaggio (uso e consumo) e il ruolo della Consob, ivi, 2007, p. 482 ss.; S. Seminara, Disclose or abstain, (nt. 1), p. 364 s.; Id.,Disposizioni comuni, (nt. 1), p. 14 ss., 19; Id.,Commento agli artt. 185 - 187, inIl Testo Unico della Finanza, a cura di G.F. Campobasso, (nt. 1), p. 826 ss., 830 ss. (versione informatica); Id.,Il reato diinsider tradingtra obbligo di astensione e divieto di utilizzazione in borsa di informazioni riservate. Considerazioni su riforme ordite, abortite e partorite(nota a Trib. Siracusa, 10 aprile 1997), inBanca, borsa, tit. cred., 1998, II, p. 337 ss.; A. Alessandri,Attività d'impresa e responsabilità penali, inDiritto penale dell'impresa. Materiali per lo studio, a cura di A. Alessandri, Torino, 2007, p. 24, ove la dura critica frequentemente riportata secondo cui "il coacervo di disposizioni appare improvvisato, nel nome di una reazione repressiva quanto più energica  possibile, confidando che, mettendo in una sorta di competizione sanzione penale e amministrativa, almeno una delle due riesca a giungere al traguardo". In giurisprudenza, manifesta un atteggiamento critico Cass. pen., 3 maggio 2006, n. 15199, inSoc., 2007, p. 621 ss., con nota di M. Miedico, nonché inGiur. comm., 2007, II, p. 985 ss., con nota di E. Amati, nella cui motivazione si legge che "l'intero intervento sanzionatorio nella materia del c.d.market abuse, attuato dalla citata l. n. 62 del 2005, si caratterizza per una ricorrente replica di norme incriminatrici penali in identici illeciti amministrativi, come ad esempio per le previsioni in tema di abuso di informazioni privilegiate (d.lgs. n. 58 del 1998, artt. 184 e 187-bis), secondo una tecnica legislativa inconsueta, destinata a creare sicuramente notevoli problemi applicativi".
    Prima ancora dell'introduzione della l. 62/2005, N. Linciano, A. Macchiati, (nt. 1), p. 147 s., annotavano con grande equilibrio e lungimiranza: "Il mantenimento di un regime penale, accanto a quello amministrativo, non è peraltro scevro da profili problematici, di natura prevalentemente giuridica, che non possiamo non ricordare. Il regime sanzionatorio a «doppio binario», sebbene il cumulo di sanzioni sia legislativamente ipotizzabile e sia, in qualche misura, già presente nel settore dell'intermediazione finanziaria, introdurrebbe una deroga ai principi generali sanciti dalla legge sulle sanzioni penali (la 689/1981). In particolare, verrebbe meno il principio di specialità secondo il quale nel nostro ordinamento vale la regola del ne bis in idem anche nel rapporto tra reati e illeciti amministrativi. Né va taciuta la possibilità di contrasti di giudicati: l'apertura di un procedimento sanzionatorio amministrativo sarebbe, infatti, quasi sempre affiancata da una segnalazione all'autorità giudiziaria, per l'eventuale rilevanza penale dei medesimi fatti".
  • 61) Anche in ragione dei poco perspicui passaggi della sentenzaGrande Stevensin cui i giudici strasburghesi non hanno ritenuto l'incompatibilità con l'art. 6, par. 1, CEDU del procedimento sanzionatorio presso la CONSOB, poiché comunque seguito dal "controllo di un organo giudiziario dotato di piena giurisdizione"(punto 139), nelle sentenze del Cons. st., 26 marzo 2015, nn. 1595 e 1596 è stato sì sottolineato il deficit di contraddittorio e di imparzialità, ma si è escluso che via siano profili di diretto contrasto con le norme convenzionali, in quanto "la CEDU […] non impone che le sanzioni inflitte dalla Consob siano assistite, già nella fase amministrativa del procedimento sanzionatorio che precede la fase giurisdizionale, da garanzie assimilabili a quelle che valgono per le sanzioni penali in senso stretto". Purtuttavia, si è condivisibilmente rilevata la violazione delle norme di legge interne (artt. 187-septies, comma 2, e 195, comma 2, t.u.f.) che orientano l'esercizio dei poteri regolamentari delegati alla CONSOB, imponendole il rispetto dei "principi del contraddittorio, della conoscenza degli atti istruttori, della verbalizzazione nonché della distinzione tra funzioni istruttorie e funzioni decisori", così giungendo per altra via all'esito di pronunciare l'illegittimitàin parte quadel reg. sanzioni (nel testo applicabileratione temporis). Merita in ogni caso di essere sottolineato che il contenuto precettivo delle norme nazionali poste a termini di raffronto di quelle regolamentari è sostanzialmente sovrapponibile a quello dell'art. 6 CEDU. Per maggiori ragguagli sulla vicenda sottoposta al giudice amministrativo e talune valutazioni critiche, v. B. Raganelli,  (nt. 60), p. 512 ss., e 518; E. Desana,Il caso Banca Profilo e le statuizioni dei giudici amministrativi illegittimità del procedimento CONSOB: cronaca di una morte annunciata?, inGiur. it., 2015, p. 1434 ss.; Ead., (nt. 60), p. 1647 s.
    Non è tuttavia da escludere che la difformità dell'attuale assetto del procedimento sanzionatorio di fronte alla CONSOB rispetto alla garanzia di imparzialità non sia accertata in futuro, alla stregua di quanto accaduto nella sentenza CEDU, 11 settembre 2009 (caso Dubus S.A. c. France: punti 57 - 62) in relazione alla regolamentazione francese vigente all'epoca.
  • 62) Diverse altre proposte interpretative volte a correggere le storture dell'ordinamento interno sono già state formulate all'indomani della pronuncia dei giudici di Strasburgo, ma esse, a differenza della lettura qui tentata, sono volte in vario modo a scongiurare il verificarsi di una duplice condanna (penale ed amministrativa) per i medesimi fatti e non ad impedire, per quanto possibile, lo svolgimento parallelo dei relativi procedimenti: G.M. Flick, V. Napoleoni, (nt. 13), p. 953 ss.; F. D'Alessandro, Tutela, (nt. 60), p. 627 ss.; B. Raganelli, (nt. 60), p. 511 ss.; B. Lavarini, (nt. 60), p. 85 ss.; V. Zagrebelsky, (nt. 60), p. 1199 s.; F. Viganò, (nt. 13), p. 226 ss., 232 ss.; M. Ventoruzzo, Abusi,  (nt. 60) p. 720 ss.; G. De Amicis,  (nt. 60), p. 213 ss.; A.F. Tripodi, Abusi di mercato, (nt. 60), p. 106 ss.; Id., Uno più uno, (nt. 60), § 6.
  • 63) È appena il caso di sottolineare che la fase dell'accertamento, benché caratterizzata anche da passaggi valutativi di notevole complessità, deve essere contenuta in termini ragionevoli, secondo quanto condivisibilmente affermato da App. Milano, 4 aprile 2013, in Soc., 2014, p. 719 ss., con nota di E. Quaranta, che ha annullato un provvedimento sanzionatorio della CONSOB rilevandone "una condotta qualificata, nel complesso e quantomeno, da una inerzia non incolpevole". Si veda anche Cass., 2 dicembre 2011, n. 25836, in CED Cassazione. Già da tempo, comunque, la dottrina aveva segnalato l'eccessiva lunghezza dei termini per la durata del procedimento previsti nella regolamentazione CONSOB: S. Seminara, Disposizioni comuni, (nt. 1), p. 16.
  • 64) L'aspetto letterale della lettura proposta si incentra sulla circostanza che l'art. 187-decies, comma 2, t.u.f. prevede variamente la trasmissione al pubblico ministero della "documentazione raccolta" o, più generalmente, degli "atti" e non di loro copie. Su questo versante non sembra quindi destituito di fondamento dedursi che la documentazione raccolta o prodotta durante la fase di accertamento debba essere integralmente trasmessa in originale.
    Sul piano sistematico, poi, la soluzione tratteggiata nel testo è confortata dal fatto che il sintagma "trasmissione degli atti" è utilizzato dal legislatore in tutte le situazioni in cui l'autorità vincolata si spoglia o deve spogliarsi del procedimento intrapreso (e si vedano, ad es.: artt. 9-bis, comma 1, e 9-ter, comma 2, l. fall.; artt. 20, 22, comma 3, 23, 24, 33-sexies, 33-septies, 33-octies, 54, 54-bis, 54-quater, 67, 307, comma 4, 568, comma 5, 604, 625, 625-ter, comma 3, 672, comma 2, c.p.p.).
    Il "travaso" dal procedimento amministrativo al processo penale, comunque, dev'essere scevro da automatismi ed al riguardo bisogna ricordare, come correttamente fa G. Lunghini,  (nt. 60), p. 488 ss., tutta una serie di importanti profili problematici riguardanti l'acquisibilità al fascicolo dibattimentale della relazione del Presidente della CONSOB e degli atti ad essa allegati, nonché le condizioni di utilizzabilità delle audizioni personali ex art. 187-octies, comma 3, lett. c), t.u.f.
  • 65) Cfr. E. Desana, Procedimento CONSOB,  (nt. 60), p. 1644; A.F. Tripodi, Abusi di mercato,  (nt. 60), p. 107; Id., F. Sgubbi, D. Fondaroli,  (nt. 1), p. 240 s.; M. Ventoruzzo, Abusi,  (nt. 60) p. 704; S. Giavazzi, L'abuso,  (nt. 1), p. 762; M. Fratini, Commento agli artt. 187-duodecies e 187-terdecies t.u.f., in Il testo unico della finanza, a cura di M. Fratini e G. Gasparri, III,  (nt. 1), p. 2575 s.; F. Consulich,  (nt. 1), p. 398 ss.; E. Amati, Abusi di mercato,  (nt. 1), p. 297 e 402, nt. 28; L.D. Cerqua, voce Reati di aggiotaggio, in Dig. disc. pen., agg. ****, Torino, 2008, p. 903; L. Terzi, Rilievi critici in tema di manipolazione del mercato, in Riv. pen., 2008, p. 1107; S. Seminara, Disposizioni comuni,  (nt. 1), p. 17 s. In questo senso in giurisprudenza, App. Torino, 23 gennaio 2008, in Soc., 2008, p. 1013 ss., con nota di F. Sporta Caputi. Ma si veda l'inciso al riguardo dell'art. 24 l. 689/1981 presente in Zagrebelsky,  (nt. 60), p. 1200.
  • 66) A favore di quanto si sostiene, merita di essere ricordato il passaggio di Cass. pen., 8 maggio 1968, n. 977 (citata e condivisa da Cass. SU, 13 novembre 2000, n. 20, in Cass. pen., 2001, p. 1747 ss., con nota di L. Norcio) secondo cui "l'attrazione di competenza al giudice penale si verifica nei casi di connessione teleologica e strumentale e nel caso di coincidenza, totale o parziale, dell'attività non costituente reato con quella costituente reato" (corsivi aggiunti). Sul punto F. D'Alessandro, Tutela,  (nt. 60), p. 630, ritiene invece che, stanti le peculiari clausole di riserva contenute negli esordi degli artt. 187-bis e 187-ter t.u.f. ("salve  le  sanzioni  penali  quando  il  fatto  costituisce  reato"), per ottenere un risultato come quello descritto sarebbe necessario un "intervento normativo, volto a delineare un meccanismo di coordinamento tra la Consob e la Procura della Repubblica, che accordi in ogni caso la preferenza, nell'attuale quadro normativo che riconosce ancora valore al principio dell'obbligatorietà dell'azione penale, all'azione repressiva dell'organo giudiziario". 
  • 67) L'indicazione esegetica qui enunciata è inoltre suscettibile di disinnescare la disciplina del cumulo sanzionatorio par différence tra pene pecuniarie e sanzioni amministrative pecuniarie recata dall'art. 187-terdecies t.u.f. senza entrare formalmente in contrasto con essa. Invero, in tale disposizione implicitamente si presuppone la contestuale pendenza dei procedimenti sanzionatori penale ed amministrativo e si intende amplificare al massimo grado l'intensità della risposta punitiva. Conseguenza di quanto argomentato nel testo è la concreta impossibilità del verificarsi delle condizioni in cui essa potrebbe spiegare i suoi effetti (ossia l'irrogazione della sanzione amministrativa da parte della CONSOB seguita dall'applicazione della pena pecuniaria "supplementare" da parte del giudice). Sebbene sia stato condivisibilmente segnalato il rischio di pervenire per tramite di un'interpretazione convenzionalmente conforme ad una sostanziale disapplicazione dell'art. 187-terdecies t.u.f. (così, A.F. Tripodi, Abusi di mercato,  (nt. 60), p. 107, nt. 16), il problema è altrove: all'indomani della sentenza sul caso Grande Stevens, la disposizione citata presenta vari ed importanti profili di incostituzionalità e di incompatibilità con il ne bis in idem processuale e sostanziale che ne raccomanderebbero in ogni caso la soppressione (oltre all'autore appena citato, in tal senso si pronuncia anche F. D'Alessandro, Tutela,  (nt. 60), loc. ult. ).
  • 68) Analogamente anche G.M. Flick, V. Napoleoni, A un anno,  (nt. 60), p. 885, i quali considerano che "quando uno stesso illecito resti punibile tanto con sanzioni penali che con sanzioni amministrative, inflitte tramite percorsi procedurali distinti, il divieto «dilatato» del bis in idem equivale difatti, in pratica, alla codificazione della regola «vince chi arriva prima». Col risultato che il trattamento sanzionatorio del medesimo illecito finisce per essere determinato da un fattore casuale (ma, in buona misura, anche «pilotabile» dall'interessato o dalla controparte pubblica tramite i meccanismi di impugnazione): sarà penale o amministrativo a seconda di quale, tra i due procedimenti sanzionatori, sia giunto per primo al traguardo della decisione definitiva. Tramite un simile congegno, d'altra parte, la previsione di sanzioni (formalmente) extrapenali in funzione «di rinforzo» rispetto a quelle di natura criminale rischia di trasformarsi, con eterogenesi dei fini, in un fattore di «esonero» da queste ultime". Questi autori rilevano inoltre l'intrinseca disfunzionalità di un simile esito, che finirebbe "per rendere in larga parte inutile lo stesso doppio «dispiegamento di forze»" (p. 887); su quest'ultimo argomento ab inconvenienti va comunque ribadito che il "doppio dispiegamento di forze" non era certo necessario e di sicuro dovrà essere in larga misura smantellato, data la sua incompatibilità con la CEDU e, anche se più sfumatamente, con il MAR.
  • 69) Senza la benché minima pretesa di completezza, si segnalano, da ultimi: Fr. Mucciarelli, La nuova disciplina,  (nt. 1), p. 31 ss.; A. Alessandri, Rassegna,  (nt. 51), p. 445 ss.; F. D'Alessandro,  (nt. 1), p. 170 ss., 205 ss.; F. Sgubbi, A.F. Tripodi, D. Fondaroli,  (nt. 1), p. 158 ss.; E. Amati, Abusi di mercato,  (nt. 1), p. 291 ss.; M.B. Magro, Manipolazioni,  (nt. 1), p. 245 ss., 269 ss.. In giurisprudenza si segnala sul punto l'argomentazione concernente i tratti distintivi tra gli illeciti di manipolazione di mercato ed il principio di specialità operata da Cass. pen., 3 maggio 2006, n. 15199, , sulla quale si vedano altresì le osservazioni presenti nella Relazione n. 35/2014,  (nt. 60) p. 24 s., cui adde Cass. pen., 20 giugno 2012, n. 40393, in Cass. pen., 2013, p. 1944 ss., con nota di L. Ludovici.
  • 70) Come auspicano pure B. Lavarini,  (nt. 60), p. 86; A.F. Tripodi, Abusi di mercato,  (nt. 60), p. 107 s., nt. 17; E. Amati, Abusi di mercato,  (nt. 1), p. 432 ss.. Cfr. anche Fr. Mucciarelli, La nuova disciplina,  (nt. 1), p. 20 s., nonché p. 29 ss., il quale fondatamente lamenta i "vasti ambiti di piena sovrapposizione" tra le fattispecie definite nel MAR e quelle tracciate nella MAD 2, e ciononostante individua una serie di indici che, pur nella denunciata contraddittorietà ed atecnicità dei testi normativi europei, depongono nel senso di tracciare "un apparato unitario, articolato secondo un gradualismo sanzionatorio" (p. 27); l'autorevole studioso si sofferma inoltre con particolare attenzione anche sui rapporti tra MAR e MAD 2, tracciando un interessante ed in larga parte condivisibile ricostruzione delle ragioni della preminenza del primo sulla seconda, purtuttavia destinata a divenire il veicolo (indiretto) per la diffusione dell'assetto più compiutamente definito nel testo regolamentare.
  • 71) Così, N. Linciano, A. Macchiati,  (nt. 1), p. 8.
  • 72) Ci si riferisce a S. Seminara,Disposizioni comuni,  (nt. 1), p. 18 s., richiamato anche da F. Sgubbi, A.F. Tripodi, D. Fondaroli,  (nt. 1), p. 253 e da G. Lunghini,  (nt. 60), p. 492 e 498, il quale ultimo peraltro segnala come in Francia il "Conseil Constitutionnell ha ritenuto la contrarietà alla Costituzione di tale legge [n.d.a.: si tratta dellaloi2 agosto 1989, n. 89-531 "relative à la sécurité et à la transparence du marché financier"] nella parte in cui attribuiva alla COB la facoltà di intervenire ed esercitare tutti i diritti della parte civile nel processo penale per reati relativi ai medesimi fatti sanzionabili in via amministrativa considerando che altrimenti si determinerebbe uno squilibrio della parità delle parti e una vulnerazione dei diritti della difesa". La pronuncia citata è la n. 89-260 DC del 28 luglio 1989.
    Non si può mancare di ricordare anche il pensiero fortemente critico di A. Crespi, Le argomentazioni,  (nt. 60), p. 1360 ss., che taccia di "assurdità" e addirittura di "immoralità" l'art. 187-undecies t.u.f., rilevando inoltre in tono canzonatorio che "al legislatore dev'essere invero sembrata cosa poco feconda mantenere, confinandola in una sorta di sterile limbo giudiziale, una situazione di conflitto di interessi, per sfacciata che fosse, senza provvedere appunto a locupletarla ricorrendo assai disinvoltamente al promettente strumento del risarcimento (o «riparazione» che dir si voglia: la sostanza delle cose non cambia) di un danno indeterminato, e pure indeterminabile sì, ma proprio per questo affidato al - va da sé - saggio apprezzamento della giurisdizione ordinaria".
  • 73) È appena il caso di puntualizzare che allo stato nulla impedisce che la Commissione, in quando danneggiata, per così dire, ex lege, possa azionare autonomamente le sue pretese in sede civile. Per altro verso, vi è una certa concordanza in dottrina nel ritenere lo strumento accordato alla CONSOB dall'art. 187-undecies, comma 2, t.u.f. una sorta di sanzione privata, più che un vero e proprio risarcimento dei danni, in quanto le condotte illecite ledono, appunto, l'integrità del mercato, e non certo quella dell'autorità: il danno, in altre parole, non è patito dall'ente cui la legge riconosce il diritto di chiedere una "riparazione". Così: F.R. Fantetti,  (nt. 19), p. 626 ss.; T. Mauceri, Abusi di mercato e responsabilità civile: danni all'integrità del mercato e danni non patrimoniali agli enti lucrativi lesi dal reato (nota a Cass. pen., 20 gennaio 2010, n. 8588,  (nt. 15)), p. 1001 ss., il quale, pur nel tentativo di recuperarne un ruolo latu sensu risarcitorio, condivisibilmente rileva che i parametri cui la "riparazione" in questione è agganciata sono riconducibili più al giudizio sulla gravità del reato (art. 133 c.p. e artt. 184, comma 3, 185, comma 2, 187-bis, comma 5 e 187-ter, comma 5, t.u.f.: così pure F. Sgubbi, A.F. Tripodi, D. Fondaroli,  (nt. 1), p. 245), che non al lessico usuale della responsabilità per danni e che perciò tale rimedio corre il serio rischio di rappresentare una ridondante duplicazione delle multe e delle sanzioni amministrative pecuniarie, esprimendo quindi fondati dubbi di costituzionalità e conformità alla MAD della disposizione italiana; R. Rordorf, Ruolo e poteri,  (nt. 60), p. 818. Per tale ragione, in giurisprudenza si è affermato che il diritto previsto nell'art. 187-undecies, comma 2, t.u.f. rappresenti un novum e che non può essere utilizzato per fatti anteriori alla sua entrata in vigore: Cass. pen., 20 gennaio 2010, n. 8588, , nella quale opportunamente si precisa che la discrasia "tra il soggetto titolare del diritto leso (il mercato) e la titolarità all'indennizzo conseguente alla lesione, CONSOB […] priva di serietà la verifica circa la misura del quantum, oggetto di condanna, frutto d'un computo equitativo".
  • 74) Dissimilmente da quanto attualmente previsto, ad esempio, per la Banca d'Italia, per cui i proventi derivanti dall'applicazione delle sanzioni di propria competenza devono essere devoluti al bilancio dello Stato: art. 145, comma 9, ult. periodo, t.u.b., come introdotto dall'art. 1, comma 53, lett.m), d.lgs. 72/2015. Il discorso si può ripetere anche per la sanzioni amministrative pecuniarie irrogate dall'Autorità Garante per la Concorrenza ed il Mercato, salva la limitata eccezione per le sanzioni comminate ai sensi del Codice del consumo e del d.lgs. 145/07 nel periodo dall'1 gennaio 2009 al 31 dicembre 2012 fino all'importo di 50.000 euro (l'art. 9, comma 1, secondo periodo, d.l. 207/2008 - soppresso dall'art. 5-bis, comma 2, letterad), d.l. 1/2012 - prevedeva che fino alla concorrenza di tale importo per ciascuna sanzione, la somma andasse versata direttamente su un conto di tesoreria intestato all'AGCM, mentre la parte eccedente tale importo dovesse essere corrisposta all'erario). A metà strada, si colloca, invece, il Garante per la protezione dei dati personali, i proventi delle cui sanzioni sono "nella misura del cinquanta per cento del totale annuo, sono riassegnati al fondo di cui all'articolo 156, comma 10, e sono utilizzati unicamente per l'esercizio dei compiti di cui agli articoli 154, comma 1, letterah), e 158" (art. 166 d.lgs. 196/2003).
    Viceversa, similmente alla CONSOB, anche l'IVASS è la destinataria del pagamento delle sanzioni amministrative pecuniarie da essa comminate (art. 328, comma 3, d.lgs. 209/2005; art. 15, commi 4 e 5, reg. IVASS 1/2013), eccettuate quelle sul cui importo grava il vincolo di destinazione a favore del Fondo di garanzia delle vittime della strada, gestito dalla Consap s.p.a. (art. 328, comma 4, d.lgs. 209/2005).
  • 75) Non valgono a supplire il silenzio del legislatore europeo le previsioni dell'art. 23, par. 2, lett.i)o dell'art. 30, par. 2, lett.b), MAR (su quest'ultima disposizione, v. V.D. Tountopoulos,  (nt. 17), p. 317 ss.). Nel primo caso, con riferimento all'enumerazione dei poteri di "controllo e indagine" riconosciuti alle autorità amministrative, si identifica quello di procedere al sequestro o al "congelamento" dei beni. La vaghezza di tale ultimo termine - impiegato in tutte le versioni linguistiche del MAR, tranne in quella tedesca, in cui si adopera un più puntuale "Beschlagnahme" - impedisce di enuclearne un significato intellegibile per il nostro ordinamento, o, se non altro, una portata distinguibile da quella del sequestro, unica misura autenticamente esercitabile nell'ambito di una fase di "controllo e indagine". Per quanto concerne l'art. 30, par. 2, lett.b), MAR, viceversa, si è già detto (v.supra,subnt. 17) del dubbio inerente alla collocazione tra le sanzioni amministrative della "restituzione dei guadagni realizzati o delle perdite evitate grazie alla violazione, per quanto possano essere determinati": tale misura, che in nessun caso può essere accostata alla confisca nostrana, è equivalente aldisgorgementdi matrice anglosassone (tant'è che nel testo inglese del MAR appare questo termine al posto di "restituzione"), che in quegli ordinamenti è unremedy(sia pure a vocazione "para-sanzionatoria") e non unpunishment. Si pensi che anche laSECstatunitense, cui è riconosciuta la possibilità di ricorrere a tale strumento nell'ambito dei propri poteri amministrativi (15U.S. Codesec. 78u-2), nella stragrande maggioranza dei casi preferisce richiedere ildisgorgement of profitsmediante un'apposita azione civile instaurata presso il competente tribunale distrettuale federale e per tale via negli ultimi anni ha conseguito importi ampiamente superiori a quelli incamerati attraverso le sanzioni pecuniarie (in proposito, v. R.G. Ryan,The equity façade of SEC disgorgement, inHarv. Bus. L. Rev. online, 2013, Vol. 4, p. 1 ss., leggibile sul sito http://www.hblr.org, il quale articola una serrata critica su più fronti della qualifica diequitable remedydeldisgorgementazionabile amministrativamente e giudiziariamente dallaSECe s'interroga altresì sulla sua costituzionalità). LaSEC, però, a differenza di quanto previsto per le autorità amministrative europee dal MAR, è tenuta a ridistribuire le somme così ottenute in favore dei soggetti pregiudicati dalle violazioni (15U.S. Codesec. 7246(a): "If, in any judicial or administrative action brought by the Commission under the securities laws, the Commission obtains a civil penalty against any person for a violation of such laws, or such person agrees, in settlement of any such action, to such civil penalty, the amount of such civil penalty shall, on the motion or at the direction of the Commission, be added to and become part of a disgorgement fund or other fund established for the benefit of the victims of such violation", nonché 17Code of Federal Regulationssecs. 201.1100 - 201.1106, contenenti le regole più dettagliate su "fair fund and disgorgement plans" dellaSEC). Si segnala, inoltre, che laFCAbritannica non dispone deldisgorgementquale autonoma sanzione amministrativa, ma lo contempla come uno dei criteri di calcolo per la quantificazione delle sanzioni pecuniarie (DEPP6.5, 6.5A, 6.5B, 6.5C,FCA Handbook), la cui misura non è definita nella legge, ma rimessa all'autorità stessa (secs. 123 e 124Financial Services and Markets Act 2000).
    Sia consentita un'ultima divagazione circa la metamorfosi che il disgorgement ha subito nella sua emersione nel diritto europeo dei mercati finanziari: l'art. 30, par. 2, lett. b), MAR tramuta questo rimedio civilistico quasi-punitive azionabile dal danneggiato - cfr. nel nostro ordinamento gli artt. 125, comma 3, c.p.i. e 158, comma 2, l. 633/1941, attuativi dell'art. 13, par. 1, lett. a), dir. 2004/48/CE - in una sanzione amministrativa pecuniaria ad esclusivo appannaggio dell'autorità competente, che si cumula a quelle esistenti in stridente contrasto con il divieto di ne bis in idem (si consideri al riguardo quanto deciso nell'ambito del diritto della concorrenza dalle corti inglesi: Devenish Nutrition Ltd v Sanofi-Aventis SA [2007] EWHC 2394 (Ch), al cui punto 52 si legge: "The principle of non bis in idem precludes the award of exemplary damages in a case in which the defendants have already been fined (or had fines imposed and then reduced or commuted) by the European Commission"; 2 Travel Group PLC v Cardiff City Transport Services Ltd [2012] CAT 19, in cui la soluzione adottata dal primo giudice è estesa anche alle sanzioni applicate dalle autorità nazionali: punto 497). Al riguardo, si crede che sarebbe forse stato più opportuno concedere l'accesso al disgorgement ai singoli investitori pregiudicati e non alle autorità amministrative, rimettendo ai primi un efficace strumento di ristoro di danni di ardua quantificazione (peraltro non inedito: cfr. art. 449 código das sociedades comerciais portoghese, in cui è riconosciuto ai danneggiati un indennizzo "equivalente ao montante da vantagem patrimonial realizada") e mitigando così il profilo di contrasto con il ne bis in idem. Da ultimo, va ricordato che all'esito della spoliazione dei profitti in capo ai responsabili manca la fase redistributiva verso i danneggiati e pertanto il risultato è quello di un ulteriore arricchimento dell'autorità di vigilanza, che assorbirà e preserverà nel proprio patrimonio quanto ricavato (e questo ragionamento potrebbe essere ripetuto con gli opportuni adattamenti anche per la confisca ex 187-sexies t.u.f.). Così anche V.D. Tountopoulos,  (nt. 17), p. 319, il quale nelle pagine successive critica inoltre la mancanza in MAR e MAD 2 di ogni riferimento al rapporto tra le sanzioni penali ed amministrative ivi previste e l'esperibilità di forme di tutela private. Più diffusamente nella nostra letteratura, circa il rapporto tra public e private enforcement nei mercati finanziari, v. E. Macrì,  (nt. 15), p. 99 ss.; P. Giudici,  (nt. 14), p. 39 ss., 77 ss., 100 ss., 292 ss.
  • 76) Sul punto, non ci si può che riportare alle condivisibili preoccupazioni già espresse in altra stagione da A. Crespi, Le argomentazioni,  (nt. 60), p. 1368 s., e volte a recuperare dei vincoli all'impiego da parte della CONSOB delle somme conseguite all'esito della condanna agli effetti civili nel processo penale. Sulla sorte degli importi liquidati a titolo riparatorio, si veda anche Trib. Milano, 27 marzo 2006, in Riv. dir. soc., 2007, p. 96 ss., spec. 104, con nota di E. Di Lazzaro e D. Spedicati.
  • 77) Si rende peraltro ormai indispensabile un profondo ripensamento del ruolo svolto dalle autorità amministrative indipendenti nell'ambito delle procedure sanzionatorie affidate ad esse, specie alla luce dell'ormai consolidato inquadramento della Corte EDU che le assimila a "tribunali" (ai sensi dell'art. 6, comma 1, CEDU) con conseguente applicazione di tutte le garanzie nazionali e sovranazionali: CEDU, 4 marzo 2014,  (punti 132 ss.); CEDU, 27 settembre 2011 (caso A. Menarini Diagnostics s.r.l. c. Italia: punti 40 - 44); CEDU, 11 settembre 2009,  (punto 38); CEDU, 27 agosto 2002 (caso Didier c. France: punto 3); CEDU, 26 settembre 2000 (caso Guisset c. France: punto 59).
  • 78) Ancora una volta giova ripercorrere le osservazioni al vetriolo di A. Crespi,Le argomentazioni,  (nt. 60), p. 1363 s., per il quale "prospettare quindi una frustrazione delle finalità dell'ente quante volte venga leso l'interesse tutelato dalla legge è un palese e poco decoroso artificio, tanto più sconcertante se indirizzato a giustificare la richiesta di adeguati comfort pecuniari per un'attività esplicata nell'esercizio delle proprie pubbliche funzioni. Un danno, oltre tutto - come par di capire dalla norma in esame - che non sarebbe neppure menomamente lenito dall'eventuale successo per la punizione del colpevole", cui si aggiunge: "Unico soggetto abilitato ad addolorarsi per la «frustrazione dei propri  fini  istituzionali», nonché per la caduta del proprio tasso di efficienza, è la Consob. L'Addolorata per antonomasia".
    La situazione che si viene a creare a seguito della costituzione come parte civile della CONSOB nel procedimento penale è peraltro foriera di ulteriori difficoltà, quale, ad esempio, la sua incompatibilità rispetto alla nomina quale CTU, come ricordato anche da N. Linciano, A. Macchiati,  (nt. 1), p. 149.
  • 79) Da ultimi, C. Di Noia, M. Gargantini, Issuers,  (nt. 1), p. 520 s., avevano auspicato che il considerando 30 ed anche il 29 MAD fossero trasfusi nel testo del MAR.
  • 80) Calzanti si rivelano le riflessioni di carattere generale svolte da F. Denozza, Norme, principi e clausole generali nel diritto commerciale: un'analisi funzionale, relazione presentata a Roma il 16 luglio 2010 per introdurre il convegno "Le clausole generali nel diritto commerciale e industriale" (svoltosi a Roma, 11 e 12 febbraio 2011), reperibile sul sito http://www.orizzontideldirittocommerciale.net, p. 7: "A me sembra che esista anche un problema che attiene invece al livello di precisione raggiunto nella determinazione delle valutazioni, cioè, in sostanza, degli interessi da proteggere. In questo secondo ambito il problema appare ancora più articolato e complesso, perché non credo si riproduca qui quel chiaro accoppiamento tra tipi di fattispecie e tipi di regole (chiare definizioni-rules / elementi di incertezza-standards) [...]. Voglio dire, cioè, che quando è in gioco la definizione non dei fatti ma delle valutazioni e degli interessi da proteggere, non è affatto detto che valutazioni chiaramente definite si traducano in rules mentre vaghezze e ambiguità si traducano in standards. Può darsi che questa seconda ipotesi (ambiguità nella definizione degli interessi protetti) richieda invece il ricorso ad analitici sistemi di rules". Sulle problematiche ripercussioni dello standard della parità di accesso alle informazioni utilizzato nella sentenza CGUE, 23 dicembre 2009, C-45/08, , v. L. Klöhn, The European,  (nt. 15), p. 358 ss., ove anche per ulteriori riferimenti in nt. 42.
  • 81) Discorso a parte meriterebbe di essere fatto almeno per le operazioni poste in essere dall'emittente sulle proprie azioni: sia sufficiente per ora sottolineare che anche a prescindere dalla valutazione sull'abuso di qualsivoglia posizione informativamente privilegiata e dalla finalità perseguita, la decisione concernente il riacquisto può porre plurimi rischi di ingiuste sperequazioni tra gli azionisti. Proprio per tale motivo, al di là dei limiti e delle condizioni di ispirazione europea al riguardo dell'esecuzione di tali operazioni (considerando 11 e 12, art. 5 MAR), si sottolinea l'importanza dell'introduzione della clausola sulla parità di trattamento ex art. 132, comma 1, t.u.f., a sua volta munito di specifica sanzione penale (art. 172 t.u.f.). Su questa disposizione, v. R. Ghetti, Commento all'art. 132 t.u.f., in Commentario t.u.f.,  (nt. 1), p. 1434 s., 1439 ss.; F. Carbonetti, Commento all'art. 132 t.u.f., in Il testo unico della finanza, a cura di M. Fratini e G. Gasparri, II,  (nt. 1), p. 1800 s.; Id., Commento all'art. 132 t.u.f., in Commentario al Testo Unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, a cura di G. Alpa e F. Capriglione, II (nt. 1), p. 1209 ss.; Id., Acquisto di azioni proprie e insider trading, in Il dovere di riservatezza,  (nt. 1), p. 231 ss., spec. 243 ss.; Id., Acquisto di azioni proprie,  (nt. 1), p. 1012 ss., spec. 1020 s.; C. Di Noia, M. Gargantini, The market abuse,  (nt. 1), p. 824 ss.; R. Santagata, Commento all'art. 132 t.u.f., in Il Testo Unico della Finanza, a cura di G.F. Campobasso,  (nt. 1), p. 606, 608 s. (versione informatica); S. Seminara, Commento all'art. 172 t.u.f., ivi, p. 794 s. (versione informatica). L'importanza del problema era già stata avvertita ed attentamente affrontata da Fr. Mucciarelli, Speculazione,  (nt. 1), p. 86 ss., anche se in questa sede non è affrontato l'argomento della parità di trattamento dei soci; G.L. Carriero, Informazione, mercato,  (nt. 1), p. 126 ss.; P.L. Carbone,  (nt. 1), p. 139 ss., spec. 143 s.
  • 82) Sebbene sia senz'altro lecita un'inferenza inversa, ossia che "il soggetto può assumere quella decisione, poi utilizzata nei mercati finanziari, proprio perché titolare di quella qualifica": A.F. Tripodi, Informazioni,  (nt. 1), p. 291, il quale da tale considerazione prende le mosse per elaborare una teoria che ammette cautamente la liceità dell'insider di se stesso.
  • 83) Di cui si preoccupa indirettamente il considerando 15, quando suggerisce che le informazioni (rectius, le conoscenze)a posteriori"non dovrebbero essere usate per intervenire nei confronti di quanti abbiano tratto conclusioni ragionevoli da informazioni precedentemente in loro possesso": precisazione apparentemente inutile, ma non in un sistema normativo guidato dalmarket egalitarianism, nel quale anche aver anticipato i movimenti delle negoziazioni grazie alle proprie capacità o ai mezzi a propria disposizione potrebbe essere valutato come un sintomo di sfruttamento di informazioniprice sensitive, che in realtà erano pubbliche.
    La considerazione in merito ai pericoli insiti nell'estremizzazione del market egalitarianism/equal access è presente anche in sistemi giuridici certamente non caratterizzati da questo approccio teleologico, ed al riguardo, e plurimis, v. S.M. Bainbridge,  (nt. 15), p. 90 ss., che afferma: "Equality of access results in standards that inevitably chill important functions by market makers and analysts that contribute significantly to the efficiency of the capital markets. Taken to its logical extreme, moreover, equal access would forbid traders from trading on the basis of their own intentions" (corsivo aggiunto).
  • 84) Su quest'aspetto che richiederebbe di essere oggetto di studio specifico, si rinvia alle riflessioni di S. Gilotta, Trasparenza,  (nt. 14), p. 9 ss., spec. nt. 17 e 18; Id., Disclosure,  (nt. 14), p. 50 s., testo e nt. 9; N. Linciano, A. Macchiati,  (nt. 1), p. 17 ss., 55 ss., 156 ss.; P.L. Carbone,  (nt. 1), p. 84 ss., 105 s., 210 ss., testo e note, 228 ss., 296 ss.; G.L. Carriero, Informazione, mercato (nt. 1), p. 127 s., 218 ss.; R. Pardolesi, C. Motti, «L'idea è mia!»: lusinghe e misfatti dell'economics of information, in Dir. inform., 1990, p. 345 ss., spec. 348 s.; A. Bartalena, L'abuso,  (nt. 1), p. 15 ss.. Cui adde lo spunto critico di R. Costi, Gli interessi tutelati, in Il dovere di riservatezza,  (nt. 1), p. 379. Il dibattito è viceversa acceso negli USA, ove tra tanti, anche per gli opportuni riferimenti, si ricorda S.M. Bainbridge,  (nt. 15), p. 91 ss., sintetizzando idee già esposte più diffusamente altrove; Id., Insider trading, in Encyclopedia of Law and Economics, eds. B. Bouckaert, G. De Geest, Cheltenham-Northampton, 2000, p. 791 ss., leggibile su http://encyclo.findlaw.com; J.C. Coffee Jr., Introduction: mapping the future of insider trading law: of boundaries, gaps and strategies, in Col. Bus. L. Rev., 2013, No. 2, p. 299 ss., in cui l'autore tenta un suggestivo innesto della dottrina di common law della lost property sulle informazioni privilegiate, derivandone in primo luogo che l'estraneo che ne viene a conoscenza avrebbe l'obbligo di astenersi dalle negoziazioni e di non dar luogo ad ulteriori episodi di tipping o tuyautage, e, in second luogo, che l'estraneo, ove violasse tali divieti, sarebbe vincolato da un constructive (o implied) trust a restituire i profitti ottenuti al titolare, individuato nell'emittente; Z. Goshen, G. Parchomovsky, On insider trading, markets, and "negative" property rights in information, in VA. L. Rev., 2001, Vol. 87, No. 7, p. 1233 ss., 1266 ss.; J.R. Macey, From fairness to contract: the new direction of the rules against insider trading, in Hofstra L. Rev., 1984, Vol. 13, No. 1, p. 24 ss., 30 ss.; Id., G.P. Miller, Good finance, bad economics: an analysis of the fraud-on-the-market theory, in Stan. L. Rev., 1990, Vol. 42, No. 4, p. 1063 ss.; F.H. Easterbrook, Insider trading, secret agents, evidentiary privileges, and the product of information, in Sup. Court R., 1981, p. 309 ss. Contraria all'opzione interpretativa incentrata sull'individuazione di un diritto di proprietà sull'informazione è R.S. Karmel, Outsider trading on confidential information - a breach in-search of a duty, in Cardozo L. Rev., Vol. 20, No. 1, p. 112 s.; Ead., The relationship between mandatory disclosure and prohibitions against insider trading: why a property rights theory of inside information is untenable, in Brooklyn L. Rev., 1993, Vol. 59, No. 1, p. 168 ss.
  • 85) Per un'analisi concernente l'attività di questi soggetti alla luce dell'art. 114, comma 8, t.u.f. e delle relative norme attuative, si vedano F. Annunziata, Abusi di mercato,  (nt. 31), p. 53 ss.; Id., Commento all'art. 114 t.u.f.,  (nt. 31), p. 1518 s.; E. Pederzini, Commento all'art. 114 t.u.f.,  (nt. 1), p. 990 ss..
  • 86) Al riguardo si segnala la distinzione tra corporate information e analytical information di matrice dottrinaria statunitense e riproposta da P.L. Carbone,  (nt. 1), p. 232 ss., 243 ss., secondo cui solo la seconda categoria di informazioni è liberamente appropriabile e disponibile per la società che ha come oggetto della propria attività d'impresa proprio l'analisi di dati finanziari, mentre la prima categoria (limitatamente alle informazioni designate come material dall'autore: ossia quelle notizie "sulle strategie, sulla vita, sulla produzione dei beni") non costituirebbe un "prodotto finito dell'attività d'impresa" e, essendo naturalmente destinata alla diffusione sul mercato, non potrebbe essere liberamente disponibile per l'impresa interessata. Cfr. anche le diverse impostazioni di Fr. Mucciarelli, Speculazione,  (nt. 1), p. 113 ss.; G.L. Carriero, Informazione, mercato,  (nt. 1), p. 218 ss.; L. Di Brina, Il divieto di insider trading, in Il dovere di riservatezza,  (nt. 1), p. 433 ss.; S. Seminara, Insider trading,  (nt. 1), p. 178 ss., spec. 181 ss..
  • 87) Cfr. Fr. Mucciarelli, Commento all'art. 184 t.u.f.,  (nt. 1), p. 2325 ss.; F. Sgubbi, A.F. Tripodi,  (nt. 1), p. 22 ss.; Iid., D. Fondaroli,  (nt. 1), p. 52 ss.; V. Napoleoni, voce Insider trading,  (nt. 1), p. 583, anche se con accenti critici; A.F. Tripodi,  (nt. 1), p. 2531, 2538 ss.; L. Di Brina,  (nt. 85), p. 430 ss., 442 ss..
  • 88) Non pare quindi che le correnti di pensiero per cui l'informazione va identificata in una "trasmissione intersoggettiva" (L. Di Brina,  (nt. 85), p. 430, ripreso anche da E. Amati, Abusi di mercato,  (nt. 1), p. 119 s.) o che identificano il suo aspetto rilevante nell'estraneità del dato al patrimonio conoscitivo del percettore (Fr. Mucciarelli, Commento all'art. 184 t.u.f.,  (nt. 1), p. 2326) siano alternative ed inconciliabili: entrambe sembrano piuttosto frutto dell'osservazione da diversi punti di vista del medesimo fenomeno e si crede che possano essere utilmente inscritte nella definizione che si è suggerito nel testo. Diversamente, A.F. Tripodi, Informazioni,  (nt. 1), p. 328 ss.; Id., Commento agli artt. 180 - 187-quaterdecies t.u.f.,  (nt. 1), p. 2540 s., il quale, rielaborando alcune riflessioni di S. Seminara (Insider trading e gruppi di società, in Riv. pen., 1998, p. 546, in cui si sostiene che la società che abbia maturato un proposito operativo possa incontrare dei limiti nella sua messa in atto, in quanto ove tale intenzione debba essere oggetto di comunicazione alla CONSOB, essa, per così dire, si "oggettivizza" acquisendo la natura di informazione, in ragione della sua alterità rispetto alla sua fonte originaria, e fa così insorgere temporaneamente in capo alla società i divieti operativi previsti; Id., Disclose or abstain,  (nt. 1), p. 348 s., nt. 33) e con l'apprezzabile intento di salvaguardare il principio di materialità giunge tuttavia ad esiti che non pare di poter condividere: "Quando il dato interno si «oggettiva» in virtù di un processo di «esternazione», realizzato attraverso l'atto comunicativo, può considerarsi «finzionisticamente» soddisfatto il requisito della diversità tra la fonte dell'informazione ed il soggetto che la utilizza, in quanto costui, una volta comunicata ad altri la notizia prodotta, utilizzerà la medesima come qualsiasi altro dato conoscitivo esterno rispetto a sé" (corsivo aggiunto). In particolare, si crede che esso sia viziato dall'esempio prescelto per la sua dimostrazione, ovvero quello di un amministratore apprezzato dal mercato che decide di dimettersi e vende i propri titoli prima di comunicare la propria volontà alla società d'appartenenza allo scopo di evitare il ribasso delle quotazioni. Se tuttavia egli rende note ad un collega la sua intenzione di dimettersi, l'informazione privilegiata ed il relativo apparato di divieti e sanzioni si possono profilare, casomai, per quest'ultimo, né si coglie perché al primo dovrebbe "di rimbalzo" risultare inibita la vendita delle proprie azioni, a meno che, come si vedrà (infra, sub par. 5), tale complessiva operazione non costituisca il momento preparatorio o esecutivo di una più articolata attività delittuosa.
  • 89) Il riferimento all'ottenimento dell'informazione era presente nell'abrogato art. 2, comma 1, l. 157/1991 ed in proposito rilevava F. Galgano,  (nt. 1), p. 639, che "ciò che si «ottiene» è quanto in precedenza non si ha, cioè la conoscenza di eventi o propositi altrui". Per un commento sull'irrilevanza dell'eliminazione nella norma vigente del participio "ottenuta", presente nell'art. 2, comma 1, l. 157/1991, v. F. Sgubbi, A.F. Tripodi,  (nt. 1), p. 23 s.; A.F. Tripodi, Commento agli artt. 180 - 187-quaterdecies t.u.f.,  (nt. 1), p. 2540.
  • 90) Quanto detto vale, si ribadisce, solo per quanto riguarda le persone fisiche, presentandosi invece problemi di natura evidentemente diversa se il discorso viene svolto in relazione a soggetti giuridici. In merito a questi ultimi, come noto, il procedimento formativo della volontà dell'ente si può scomporre in una sequenza complessa e variamente articolata di fasi prodromiche e preparatorie più o meno formalizzate e di deliberazioni conseguentemente assunte da organi con competenze e poteri eterogenei, ma sul punto si rinvia a quanto esposto supra, sub par. 2. Inoltre, l'acquisizione e l'imputazione della conoscenza al loro interno sono situazioni che presentano aspetti problematici non risolvibili ricorrendo all'analogia con i principi concernenti le persone fisiche (sul punto si rinvia all'ampio studio di M. Campobasso, L'imputazione di conoscenza nelle società, Milano, 2002, p. 127 ss., 312 ss., 377 ss., nonché a 24 ss., 100 ss., per alcune considerazioni critiche sui chinese walls; cui adde, E. Macrì,  (nt. 15), p. 34 ss., 83 s.; A. Zoppini, Imputazione dell'illecito penale e «responsabilità amministrativa» nella teoria della persona giuridica, in Riv. soc., 2005, p. 1314 ss., spec. 1321 ss.; differentemente, G. Meo,  (nt. 1), p. 307 s.). Si avverte comunque che ai quesiti che qui ci si limita a porre si potrà dare una risposta solo attraverso gli argomenti che si presenteranno più oltre nel testo in corrispondenza della nt. 89 e nel par. 5.
  • 91) Timori espressi con particolare incisività da E. Musco,  (nt. 1), p. 336, che rispetto agli insiders societari rappresentava il concreto rischio di "scivolare verso un reato «di autore», legato semplicemente all'effettuazione di un'operazione borsistica da parte di determinati soggetti".
  • 92) Cosa che invece non è avvenuta nella vicenda di cui si è occupata App. Bologna, 29 ottobre 2013, , nella cui trama argomentativa emerge una certa superficialità nel restringere i casi di utilizzazione lecita di informazioni privilegiate ai safe harbour a quelli espressamente previsti (e per smentire questa conclusione basterebbe confrontarla con il considerando 12 MAR, in cui si legge che "la negoziazione di azioni proprie nell'ambito di programmi di riacquisto di azioni proprie e la stabilizzazione di uno strumento finanziario che non beneficerebbero delle esenzioni a norma del presente regolamento non dovrebbero essere considerate abusi di mercato"). Completamente destituita di fondamento ed ampiamente controvertibile appare, poi, la distinzione - suggerita dalla difesa della CONSOB ed accolta nel ragionamento della corte - tra rastrellamenti ante OPA finalizzata a conseguire il controllo di una società e rastrellamenti ante OPA volta al suo delisting, in quanto la seconda non sarebbe "funzionale all'efficienza ed alla trasparenza del mercato societario" nella misura in cui "il gruppo di controllo della società non si pone su un piano di parità rispetto ai terzi ed è in possesso di un'informazione di cui si può avvalere sul mercato a proprio vantaggio". Oltre all'assoluta mancanza di indici normativi su cui fondare una simile distinzione, l'asserzione per cui solo le operazioni che non provochino la fuoriuscita dal mercato finanziario sono funzionali alla sua efficienza e trasparenza rappresenta una sorprendente lettura a senso unico del principio di cui all'art. 91 t.u.f., che, a volerne estremizzare la portata, renderebbe le società ed i loro soci di riferimento prigionieri del mercato stesso. Con tutt'altro equilibrio, invece, TAR Lazio, sez. Roma, 10 luglio 2012, n. 6257, , aveva osservato che non è comprensibile "il significato della distinzione, proposta dalle difese CONSOB, tra rastrellamenti ammessi - finalizzati ad acquisire il controllo della società - e vietati, cui sarebbe riconducibile quello in esame". Le prospettazioni cui fa cenno il giudice amministrativo, peraltro, non sembrano neppure collimare con i convincimenti in passato espressi da una componente del collegio difensivo della CONSOB, la quale, pur propugnando una lettura restrittiva del considerando 30 MAD, riteneva che dovessero inscriversi nel principio da esso espresso proprio il "rastrellamento di titoli effettuato per il lancio di un'OPA, ovvero una rilevante operazione su strumenti finanziari che sia di per sé idonea ad incidere sensibilmente sul prezzo degli stessi titoli" (così, M.L. Ermetes,  (nt. 1), p. 987).
  • 93) Anche il complesso di talune norme attinenti l'informazione societaria denota la speciale attenzione posta nell'identificazione dei soggetti che possono accedere alle informazioni privilegiate (attraverso la loro iscrizione in appositi registri tenuti dagli emittenti: considerando 58 ss. e art. 18 MAR, art. 115-bis t.u.f., artt. 152-bis - 152-quinquies reg. emittenti, com. CONSOB, 28 marzo 2006, n. DME/6027054, parte VI) e nell'evidenziazione delle operazioni che taluni di loro possono effettuare (c.d. internal dealing: art. 19 MAR, art. 114, comma 7, t.u.f., artt. 152-sexies - 152-octies reg. emittenti, com. CONSOB, 28 marzo 2006, n. DME/6027054, parte VII) al triplice e combinato scopo di rendere più visibili al mercato le loro scelte di investimento, dissuaderli dall'indebito sfruttamento delle informazioni che hanno acquisito, ed agevolare le indagini delle autorità competenti in merito alla commissione di abusi di mercato.
  • 94) Cfr. le concordi opinioni di Fr. Mucciarelli, Commento all'art. 184 t.u.f.,  (nt. 1), p. 2349 ss.; F. Sgubbi, A.F. Tripodi,  (nt. 1), p. 4 ss.; Iid., D. Fondaroli,  (nt. 1), p. 36 ss., 55 ss.
  • 95) Non a caso Fr. Mucciarelli, Speculazione,  (nt. 1), p. 65, parla di "rapporto «privilegiato»", riferendo questo attributo all'elemento della fattispecie che più direttamente d'ogni altro rappresenta il presupposto genetico della posizione di vantaggio informativo.
  • 96) Vale la pena precisare che la ricorrenza del presupposto oggettivo del rapporto qualificato con l'emittente ricorre altresì nella norma dell'art. 187-bis t.u.f., con cui è stato introdotto l'illecito amministrativo di abuso di informazioni privilegiate. Inoltre, per quanto riguarda le condotte poste in essere dai c.d. secondary insiders ed oggi sanzionate dall'art. 187-bis, comma 4, t.u.f., si concorda con l'autorevole opinione secondo cui, nonostante la disposizione si concentri sull'individuazione dello stato soggettivo dell'agente e non menzioni le modalità d'acquisizione dell'informazione, queste ultime non siano del tutto indifferenti, poiché "essere a conoscenza del carattere privilegiato di una parte dell'informazione implica la diretta conoscenza dell'origine dell'informazione o quantomeno la consapevolezza della provenienza di quella informazione da un insider" (il virgolettato appartiene a G. Ferrarini,  (nt. 1), p. 56; cui adde S. Gilotta, L'insider trading "secondario" (nota a App. Milano, 13 novembre 2013),  (nt. 22), p. 535 s.). Ma in senso contrario, v. App. Milano, 13 novembre 2013, 
  • 97) Rischio già avvertito in tempi non recentissimi anche dalla sensibilità di studiosi facenti entrambi capo all'epoca alla CONSOB: N. Linciano, A. Macchiati,  (nt. 1), p. 32 s., i quali anzi avvertivano che "l'ambiguità degli effetti dell'insider trading dovrebbe scoraggiare la ricerca di soluzioni del tipo «o tutto o niente», ossia di soluzioni basate o su un'inibizione totale ovvero sull'assenza di divieti; il controllo invece dovrebbe essere parziale, ossia strutturato in maniera tale da permettere un «modesto» utilizzo di informazioni riservate".
  • 98) L'inquadramento in tal senso risale già a Fr. Mucciarelli, Speculazione,  (nt. 1), p. 162 ss.
  • 99) Molti autori pongono l'accento su tale qualificazione della fattispecie oggi descritta parallelamente (anche se non simmetricamente) dagli artt. 184 e 187-bis t.u.f.: Fr. Mucciarelli, Commento all'art. 184 t.u.f.,  (nt. 1), p. 2357 s., e 2360 s., che opportunamente sottolinea la notevole anticipazione dell'intervento della sanzione penale che si realizza nelle condotte di tipping e di tuyautage, alla cui base vi sarebbe una "esigenza di ridurre il novero dei soggetti in condizione di privilegio informativo" (su quest'ultimo punto, cfr. M.L. Ermetes,  (nt. 1), p. 985, 987); Id., Speculazione,  (nt. 1), p. 62 ss., 134 s., ove comunque è svalutato il momento dell'abuso funzionale riprendendo l'opinione di C. Pedrazzi; V. Napoleo­ni, voce Insider trading,  (nt. 1), p. 596; A.F. Tripodi, Informazioni,  (nt. 1), p. 186 ss., spec. 194, 200; Id., Commento agli artt. 180 - 187-quaterdecies t.u.f.,  (nt. 1), p. 2518, 2526 ss., il quale fungibilmente parla di "sfruttamento indebito del vantaggio conoscitivo" e di "ingiustificato approfittamento di una posizione di privilegio informativo"; F. Sgubbi, A.F. Tripodi,  (nt. 1), p. 4, 7, in cui si trova inoltre questa rilevante sottolineatura: "Il mercato è tutelato da qualsivoglia condotta di sfruttamento di vantaggio informativo privo di merito, ma la reazione sanzionatoria si diversifica a seconda della «significatività» del fenomeno lesivo"; Iid., D. Fondaroli,  (nt. 1), p. 7; E. Pederzini, Commento all'art. 181 t.u.f.,  (nt. 1), p. 1025; A. Bartalena, voce Insider trading, in Dig. disc. priv., sez. comm., agg. *,  (nt. 1), p. 408 ss.; Id., Commento agli artt. 180-187 t.u.f.,  (nt. 1), p. 1988 ss.; Id., Insider trading, in Trattato Colombo-Portale,  (nt. 1), p. 220 s., 233, 317; Id., L'abuso,  (nt. 1), p. 12 ss., 92 ss.; S. Seminara, Il reato di insider trading,  (nt. 5), p. 328; Id., Insider trading,  (nt. 1), p. 141 ss., 152 ss., 170 ss., 315 ss.; M. Rigotti,  (nt. 1), p. 1354, 1365 s.; G.L. Carriero, Informazione, mercato,  (nt. 1), p. 6 s.; A. Bartulli, voce Insider trading,  (nt. 1), p. 112, 117; Id., Profili penali,  (nt. 1), p. 999.
  • 100) Fermo restando che l'accertamento non può che essere condotto su base casistica, qualche esempio può essere illuminante: il dirigente di una società bancaria che conosca le condizioni economico-finanziarie di una società quotata con cui sussiste un'apertura di credito "in sofferenza" può utilizzare tale informazione soltanto per concorrere all'assunzione delle opportune decisioni al riguardo del rapporto e non per speculare sull'andamento dei titoli di quella società; l'amministratore delegato di una società che sia al corrente dell'imminente soccombenza in un giudizio che ha ad oggetto un ingente risarcimento danni non può realizzare operazioni finalizzate a lucrare dal previsto ribasso, ma deve adoperarsi per attenuare le conseguenze negative (interne e di mercato) dell'atteso depauperamento patrimoniale; il socio che abbia avuto accesso a notizie sul prossimo lancio di un'OPA da parte della società cui appartiene nei confronti di un'emittente quotata non può rastrellare azioni della società "bersaglio" per approfittare personalmente del prevedibile rialzo delle quotazioni, ma potrà soltanto beneficiare degli effetti dell'acquisizione una volta ultimata (come visto nel caso dell'art. 9, par. 4, MAR). Ciò che si vuole evidenziare è che nei casi qui proposti il comune denominatore dei comportamenti proibiti è l'inconciliabilità dei moventi personali (come rispecchiati dalle azioni compiute) rispetto al bisogno o interesse dell'ente che l'informazione privilegiata è volta a soddisfare. Cfr. E. Amati, Commento all'art. 184 t.u.f.,  (nt. 60), p. 1050, che esclude dall'ambito di applicabilità delle previsioni sull'insider trading "coloro che posseggono l'informazione sulla società in forza della stessa gestione societaria e che utilizzano la notizia in vista dell'utilità dell'organismo medesimo"; S. Gilotta, L'insider trading "secondario",  (nt. 95), p. 535, il quale osserva incidentalmente che per l'insider l'informazione "non rappresenta il frutto di un investimento a ciò finalizzato, ma il byproduct di un'attività avente tutt'altre finalità" (ultimo corsivo aggiunto).
  • 101) Più precisamente, il conseguimento di un profitto non è un elemento della fattispecie incriminata, ma può essere apprezzato dal giudice ex art. 184, comma 3, t.u.f. in vista di un inasprimento della condanna di carattere pecuniario. Su tale aspetto è particolarmente incisiva la riflessione, oggi ancor più attuale, di A. Alessandri, Attività,  (nt. 60), p. 11 s., il quale in proposito afferma che "la pena pecuniaria modulata in questi termini rischia, però, di incarnare o simboleggiare forti desideri di punizioni esemplari, dal momento che si corre il pericolo di perdere di vista che la dimensione economica, in certi casi, è del tutto casuale e sovente non apprezzabilmente espressiva del disvalore del fatto e, in esso, della colpevolezza. Collegare, ad esempio, la pena pecuniaria all'entità del profitto, significa dimensionare la risposta punitiva su un carattere nient'affatto necessario, ma soprattutto accidentale: l'operazione può arrecare profitti o perdite, modesti o ingenti, per dinamiche del tutto estranee al reo. Non solo per fortuna o sfortuna, o per effetto delle reazioni del mercato: soprattutto per il gioco di entità che appartengono all'impresa, non al dominio del reo".
  • 102) Segnalava opportunamente l'inconsistenza di una simile impostazione Carriero, Informazione, mercato,  (nt. 1), p. 127 ss.
  • 103) Preferibilmente identificati nel modo più oggettivo possibile.
  • 104) Questa è l'opinione di Fr. Mucciarelli, Commento all'art. 184 t.u.f.,  (nt. 1), p. 2365, espressa all'esito di un ragionato confronto tra vari possibili scenari ricompresi nelle norme citate per evidenziarne il tratto comune. Cfr. anche V. Napoleoni, voce Insider trading,  (nt. 1), p. 598 s.; A.F. Tripodi Commento agli artt. 180 - 187-quaterdecies t.u.f.,  (nt. 1), p. 2542.
  • 105) Ciò testimonia la graduale ibridazione normativa delle finalità societarie ed imprenditoriali con gli interessi speculativi tipici dei mercati finanziari presagita da Angelici,  (nt. 31), p. 265.
  • 106) O, se si preferisce, immeritatamente, scontando tuttavia quest'ultima connotazione uno sbilanciamento verso componenti valutative di carattere etico, che si possono comunque scongiurare adoperando il genere di verifica proposto.
  • 107) Manifesta un orientamento ovviamente contrario alla soluzione argomentata nel testo chi sostiene che la disciplina sugli abusi di mercato sia market oriented, concludendo pertanto che l'eventuale mancanza di un legame con la fonte dell'informazione sia irrilevante: Moloney,  (nt. 15), p. 723 s..
  • 108) Sempre che essa sia lecita e legittima, naturalmente, poiché in caso contrario è doveroso per i componenti dell'organo competente rifiutarsi di darle seguito. Per altro verso, se decidessero ugualmente di eseguirla, allora essi resteranno personalmente responsabili per i danni arrecati al soggetto giuridico cui appartengono ed ai terzi e potranno essere inoltre revocati dal loro incarico. In proposito, v. per tutti P. Abbadessa, La gestione dell'impresa nella società per azioni. Profili organizzativi, Milano, 1975, p. 61 ss..
  • 109) Concordi sul punto sono le osservazioni di F. Sgubbi, A.F. Tripodi,  (nt. 1), p. 24; E. Amati, Commento all'art. 184 t.u.f.,  (nt. 48), p. 1050. Peraltro, già in merito all'art. 2, par. 2, dir. 89/592/CEE P. Casella, Alcune osservazioni in tema di «insider trading», in Giur. comm., 1989, I, p. 842, si pronunciava a favore di "limitare il divieto di operare al caso in cui l'insider (comprendendo nel termine anche i tippees) operi nell'interesse proprio o di un terzo, ma escludendo ogni divieto nel caso in cui agisca nella sua veste organica, nell'interesse della società"; nello stesso senso anche C. Pedrazzi, Riflessioni,  (nt. 1), p. 1666, il quale puntualizza che "l'efficacia preclusiva della notizia di una deliberazione non ancora resa pubblica non si estende alla società interessata (meglio: a chiunque operi per suo conto)" (corsivo aggiunto).
  • 110) Su altra scala e con altre finalità è comunque possibile individuare una fattispecie dalla logica affine a quella descritta nel testo leggendo la parte finale del considerando 13 MAR: "l'esenzione applicabile alla politica monetaria, dei cambi o di gestione del debito pubblico non dovrebbe estendersi ai casi in cui tali organismi pubblici effettuano operazioni, inoltrano ordini o tengono condotte diversi da quelli finalizzati a tali politiche o ai casi in cui persone impiegate da tali organismi effettuano operazioni, inoltrano ordini o tengono condotte per conto proprio". Lo stesso vale per l'ambito della politica climatica, per la PAC e per la PCP (considerando 20 e 21 MAR).
  • 111) Coerentemente con la logica che qui si segue, l'ente è viceversa esente dalla responsabilità amministrativa se riesce a fornire la prova della riferibilità delle operazioni ai soggetti nel cui interesse sono state svolte (arg. ex art. 9, par. 1, lett. a), MAR, e art. 187-quinquies, comma 3, t.u.f.): alla base dell'esonero da responsabilità vi è, cioè, ancora una volta lo sviamento di un'informazione dalle sue finalità per poter soddisfare interessi particolari e non imputabili all'ente nel suo insieme. Sulla responsabilità amministrativa dell'ente per il compimento di abusi di mercato, v. F. Bruno, Commento all'art. 187-quinquies t.u.f., in Commentario t.u.f., a cura di Vella,  (nt. 1), p. 1819 ss.; M. Fratini, Commento all'art. 187-quinquies t.u.f., in Il testo unico della finanza, a cura di M. Fratini e G. Gasparri, III,  (nt. 1), p. 2518 ss.; F. Santi, La responsabilità delle "persone giuridiche" per illeciti penali e per illeciti amministrativi di abuso di informazioni privilegiate e di manipolazione di mercato, in Banca, borsa, tit. cred., 2006, I, p. 81 ss.; S. Seminara, Disposizioni comuni,  (nt. 1), p. 13 ss.
  • 112) V. supra, sub par. 2.
  • 113) Ordine che, ricorrendone i presupposti, dev'essere considerato come un'informazione privilegiata in capo all'intermediario.
  • 114) Cfr. Fr. Mucciarelli, Commento all'art. 184 t.u.f.,  (nt. 1), p. 2349; Id., L'abuso,  (nt. 1), p. 1468; G. Gasparri,  (nt. 15), p. 2460 s.; F. Sgubbi, A.F. Tripodi,  (nt. 1), p. 22; V. Napoleoni, voce Insider trading,  (nt. 1), p. 591; E. Pederzini, Commento all'art. 181 t.u.f.,  (nt. 1), p. 1036 ss.; A. Bartalena, Insider trading (nt. 1), p. 246.
  • 115) In proposito, si può rinviare alle trattazioni degli autori citati supra, sub nt. 81, cui adde, sullo specifico argomento dei safe harbours, M. Ragno, Gli «abusi di mercato», in Banche e mercati finanziari, a cura di F. Vella, Torino, 2012, p. 466 ss.; Fr. Mucciarelli, Commento all'art. 184 t.u.f.,  (nt. 1), p. 2376 s.; G. Gasparri,  (nt. 15), p. 2474 s.; F. Sgubbi, A.F. Tripodi,  (nt. 1), p. 39 s.; Iid., D. Fondaroli,  (nt. 1), p. 25 ss.; V. Napoleoni, voce Insider trading,  (nt. 1), p. 601; A.F. Tripodi,  (nt. 1), p. 2543; As. Di Amato,  (nt. 1), p. 96 s.; M. Rondinelli, Commento all'art. 183 t.u.f.,  (nt. 1), p. 1042 ss.; S. Seminara, Disposizioni comuni,  (nt. 1), p. 11.
  • 116) In merito alla quale, v. Fr. Mucciarelli, Commento all'art. 184 t.u.f.,  (nt. 1), p. 2368 s.; Id., L'abuso,  (nt. 1), p. 1472; G. Gasparri,  (nt. 15), p. 2442 ss.; Id.,  (nt. 16), p. 79 ss.; A.F. Tripodi, Informazioni,  (nt. 1), p. 273 ss.; Id., Commento agli artt. 180 - 187-quaterdecies t.u.f.,  (nt. 1), p. 2530 s., 2541 s.; S. Seminara, Disclose or abstain, , (nt. 1), p. 357 ss.; F. Sgubbi, A.F. Tripodi,  (nt. 1), p. 7 s., 24 s.; Iid., D. Fondaroli,  (nt. 1), p. 51 s.; V. Napoleoni, voce Insider trading,  (nt. 1), p. 594; R. Zannotti,  (nt. 1), p. 407 ss.; E. Amati, Commento all'art. 184 t.u.f.,  (nt. 1), p. 1055.
  • 117) Opportunamente si precisa, comunque, che il termine "preparazione" adoperato nelle disposizioni del t.u.f. va interpretato "come organizzazione o predisposizione di mezzi che abbia raggiunto uno stato tale da rendere la verificazione dell'evento ragionevolmente prevedibile" (così S. Seminara, Disclose or abstain,  (nt. 1), p. 360; cui adde G. Gasparri,  (nt. 15), p. 2444; Id.,  (nt. 16), p. 82 s.), affinché non si possa giungere a ritenere punibile in violazione del principio nemo cogitationis poena patitur anche la sola ideazione del piano criminoso, che di per sé non può neppure aspirare ad essere configurata quale tentativo.
  • 118) A scanso di equivoci, si ribadisce ulteriormente che la trasmissione della notizia deve avvenire nell'ambito di una situazione di privilegiata prossimità - di natura istituzionale o anche professionale/lavorativa - tra la sua fonte e l'"iniziato" suscettibile di mettere quest'ultimo in grado di utilizzarla in una condizione di prevedibile insensibilità ai rischi ricavando un profitto parassitario. Cfr. G. Gasparri,  (nt. 16), p. 71 s.
  • 119) La citazione, a cui si è soltanto aggiunto il corsivo, appartiene a Carriero, Informazione, mercato,  (nt. 1), p. 164 s.
  • 120) Al riguardo si veda l'interessante saggio di G. Ferrarini, I costi dell'informazione societaria per le PMI: mercati alternativi, «crowdfunding» e mercati privati, in AGE, 2013, n. 1, p. 207 ss, nonché le osservazioni di L. Enriques, S. Gilotta,  (nt. 9), p. 29 s.
  • 121) Su quest'ordinanza, si veda la notizia ed i rilievi critici di M. Scoletta, Il doppio binario sanzionatorio del market abuse al cospetto della Corte costituzionale per violazione del diritto fondamentale al ne bis in idem, in Dir. pen. cont., 2014, disponibile sul sito http://www.penalecontemporaneo.it. Per ulteriori considerazioni critiche, anche sulla seconda ordinanza, v. G.M. Flick, V. Napoleoni, A un anno,  (nt. 60), p. 875 ss.
  • 122) L'art. 11, comma 1, lett. m), l. 114/2015 impone al legislatore delegato di "evitare la duplicazione o il cumulo di sanzioni penali e sanzioni amministrative per uno stesso fatto illecito, attraverso la distinzione delle fattispecie o attraverso previsioni che consentano l'applicazione della sola sanzione più grave ovvero che impongano all'autorità giudiziaria o alla CONSOB di tenere conto, al momento dell'irrogazione delle sanzioni di propria competenza, delle misure punitive già irrogate". In merito si osserva l'intrinseca contraddittorietà della previsione citata che intenderebbe evitare "la duplicazione o il cumulo di sanzioni", ma nella sua seconda parte, con l'opzione dell'applicazione della sola sanzione più grave e quella della condanna per l'eccedenza, finisce per consentire anche una sostanziale preservazione dello status quo così perpetuando la possibilità di concomitante svolgimento dei due procedimenti punitivi per il medesimo fatto. Di conseguenza, pare il caso di ribadire che solo una seria opera di distinzione dei reati dagli illeciti amministrativi, così come indica anche la prima parte della norma, consentirà di evitare il bis in idem.
  • 123) Espressa da F. Viganò,  (nt. 13), p. 232 ss., ma non pacifica nella dottrina richiamata supra, sub nt. 60. Contrari, da ultimi, a interpretazioni convenzionalmente orientate, in un'ottica per lo più restrittiva delle potenziali ripercussioni della sentenza Grande Stevens, sono G.M. Flick, V. Napoleoni, A un anno,  (nt. 60), p. 873 s., 902 ss., in quanto, richiamandosi all'orientamento espresso in Corte cost., 14 gennaio 2015, n. 49, ritengono che non si possa registrare un consolidamento ermeneutico della Corte EDU in materia.
  • 124) Per vero, si è già avuto riscontro di una simile evenienza, seppure in ambito diverso da quello dell'applicazione delle sanzioni relative a fatti di abuso di mercato, con la sentenza del Trib. Brindisi, sent. 17 ottobre 2014, in cui è stata dichiarata l'improcedibilità dell'azione penale ex art 649 c.p.p. nei confronti di un imputato che, per il medesimo fatto, aveva già subito una sanzione definita come disciplinare dall'ordinamento penitenziario italiano, e pur tuttavia qualificabile secondo il giudice come penale alla luce dei parametri elaborati dalla CEDU. Sul punto, v. la segnalazione di S. Finocchiaro, Improcedibilità per bis in idem a fronte di sanzioni formalmente 'disciplinari': l'art. 649 c.p.p. interpretato alla luce della sentenza Grande Stevens, in Dir. pen. cont., 2014, leggibile sul sito http://www.penalecontemporaneo.it; il commento con alcuni condivisibili rilievi critici di M.L. Di Bitonto, Una singolare applicazione dell'art. 649 c.p.p., in Dir. pen e proc., 2015, p. 441 ss., e, infine, G.M. Flick, V. Napoleoni, A un anno,  (nt. 60), p. 881 ss.
  • 125) Su cui, da ultimo, v. P. Montalenti,  (nt. 12), p. 489 s.