Ignorantia legis excusat legislatori?

aut Gaetano Molica

Download pdf []
parole chiave: [ Liberalizzazione ] [ interpretazione ] [ qualità della produzione normativa ]

A seguito dei provvedimenti di liberalizzazione adottati dal legislatore italiano tra il 2011 e il 2012, la L. n. 128/2011 - c.d. legge Levi sul prezzo di rivendita dei libri -, prevedendo la fissazione di un prezzo minimo di rivendita dei libri, sembrava essere stata colpita dalle disposizioni abrogatrici in essi contenute. Sorprendentemente, essa è stata oggetto di una novella, contenuta nell'art. 4, quarto comma bis, D.L. n. 91/2013[1], che ha aggiunto, all'art. 2, quinto comma, una lettera g-bis).

Che sorte riconoscere ad una disposizione che pretende di riformare una precedente legge abrogata?

Esponendo il quadro normativo anteriore alla novella del 2013 e analizzando una serie di provvedimenti cautelari adottati da diverse corti italiane che avevano ampiamente concluso per l'intervenuta abrogazione della normativa sul prezzo dei libri, il presente scritto cercherà di capire come conciliare l'intervenuta abrogazione con la più recente novella legislativa.



[1] D.L. 8 agosto 2013, n. 91, recantedisposizioni urgenti per la tutela, la valorizzazione e il rilancio dei beni e delle attività culturali e del turismo, convertito in legge, con modificazioni, dalla L. 7 ottobre 2013, n. 112, in G.U. 8 ottobre 2013, n. 236.

keywords: [ liberalization ] [ juridical interpretation ] [ better regulation ]

Following the liberalization measures adopted, between 2011 and 2012, by the Italian legislator, the Law no. 128/2011 seemed to have been repealed by the provisions contained in the mentioned measures. Surprisingly, it has been amended by art. 4, sub. 4 - bis, D. L. n . 91/2013, which added to the art. 2, sub. 5, a letter g - bis).

Exposing the regulatory framework before the 2013 reform and analyzing a series of judgments passed by various Italian courts that had considered the Law. No. 128/2011 repealed, the paper will try to figure out how to combine the repeal with the latest legislative developments.

 

1. Premessa

L'ipertrofia, la complessità e la scarsa coerenza del tessuto normativo italiano[1] rappresentano problemi cronici, dei quali lo stesso legislatore ha ormai preso consapevolezza e sui quali ha deciso - non sempre in modo impeccabile - di intervenire[2].

Tuttavia, a dispetto dei tentativi di sfrondare una "selva[tanto]oscura", il legislatore si dimostra spesso incapace di rinunciare alla c.d.  microlegislazione -id est, l'adozione di pacchetti normativi volti a rispondere alle più disparate esigenze del momento - facendo così rientrare dalla finestra ciò che poco prima era stato fatto uscire dalla porta. Il risultato è una matassa inestricabile di disposizioni che risultano tra di loro faticosamente coordinabili.

Senonché, alle volte, l'accennato fenomeno di parcellizzazione normativa - da tempo chiosato con appellativi poco gratificanti, quali "schizofrenia normativa"[3] - rischia di rendere il lavoro interpretativo un vero e proprio rompicampo, la cui soluzione stenta a palesarsi anche ai più convinti occamisti. Tutto ciò chiama in causa, dunque, i tradizionali criteri di soluzione delle antinomie, spingendo gli studiosi[4] a chiedersi se il canone della coerenza dell'ordinamento possa giustificare interpretazioni che forzino i "naturali" limiti applicativi dei summenzionati criteri.

L'oggetto del presente contributo costituisce, a parere di chi scrive, paradigmatico esempio di quanto sin qui considerato.

Come meglio si spiegherà oltre, la L. n. 128/2011 - c.d. legge Levi sul prezzo di rivendita dei libri - che in un primo momento sembrava caduta sotto la scure della sequela di provvedimenti di liberalizzazione adottati tra il 2011 e il 2012, è stata invece sorprendentemente oggetto di una novella, contenuta nell'art. 4, quarto comma bis, D.L. n. 91/2013[5], che ha aggiunto, all'art. 2, quinto comma, una lettera g-bis).

Esponendo il quadro normativo anteriore alla novella del 2013 e analizzando una serie di provvedimenti cautelari adottati da diverse corti italiane che avevano ampiamente concluso per l'intervenuta abrogazione della normativa sul prezzo dei libri, si cercherà di capire come conciliare tale abrogazione con la più recente novella legislativa.


 

2. La Legge Levi e la sua abrogazione.

Con la L. n. 128/2011 - meglio nota come legge Levi, dal nome del proponente - il legislatore confermava e completava una disciplina restrittiva della libertà dei venditori al dettaglio di fissare il prezzo di vendita al pubblico dei libri, già introdotta, in via sostanzialmente sperimentale, con l'art. 11 della, L. n. 62/2001, affermando un limite massimo di sconto del 15% sul prezzo di copertina liberamente fissato, a monte, dall'editore o dall'importatore[6].

            Il riferito regime, da un lato, veniva esteso alle vendite per corrispondenza "anche nel caso in cui abbia luogo mediante attività dicommercio elettronico"[7] e, dall'altro, veniva derogato, prevedendosi, per specifiche categorie di soggetti, la possibilità di operare sconti fino al 20%[8].

            Infine, la legge consentiva agli editori - non ai distributori - di realizzare una volta l'anno, ma ad esclusione del mese di dicembre, campagne promozionali con sconti superiori al 15%, purché non maggiori di ¼ rispetto al prezzo di copertina[9].

            Al di là delle ragioni adducibili a giustificazione di una simile politica di fissazione del prezzo[10] - la cui discussione, che non interessa solamente l'Italia, all'evidenza non rientra nell'economia del presente contributo -, ciò che realmente rileva è la struttura precettiva della normativa in esame; dalla lettura del testo normativo, invero, si evince agevolmente come questo contenga una sola disposizione dotata di autonoma precettività - tale essendo quella che fissa il limite massimo allo sconto praticabile dai dettaglianti -, mentre le residue previsioni si giustificano in relazione a tale principio cardine. In sostanza, posta la regola generale per la quale il rivenditore non può praticare sconti superiori al 15% sul prezzo di copertina dei libri, la legge introduce deroghe soggettive e la possibilità riconosciuta agli editori di dar vita a promozioni durante le quali è ammesso uno sconto maggiore.

            Un solo precetto, dunque, che integra un'ipotesi di limitazione alla libertà dei distributori di utilizzare tutte le potenzialità offerte, in termini di competitività, dallaprice competition. In altre parole, la fissazione di un prezzo minimo di rivendita.

Orbene, l'eliminazione delle restrizioni alla libertà delle imprese di determinare la propria condotta sul mercato è stata al centro della politica di liberalizzazione intrapresa dal legislatore italiano sul finire del 2011 e perseguita, in modo non propriamente organico, attraverso diversi pacchetti normativi. Più nel dettaglio, ci si riferisce a:

a) l'art. 3, commi ottavo e nono, D.L. n. 138/2011[11] che, nell'abrogare, con decorrenza dal dicembre del 2011, "le restrizioni in materia di accesso ed esercizio delle attività economiche previste dall'ordinamento vigente", ricomprendeva espressamente tra queste "l'imposizione di prezzi minimi o commissioni per la fornitura di beni o servizi, indipendentemente dalla determinazione, diretta o indiretta, mediante l'applicazione di un coefficiente di profitto o di altro calcolo su base percentuale";

b) l'art. 34, terzo comma, del decreto c.d. Salva Italia[12] che, con una certa ridondanza, abroga le disposizioni che prevedono "l'imposizione di prezzi minimi o commissioni per la fornitura di beni o servizi", ad esclusione di quelle previste per le professioni, il trasporto di persone mediante autoservizi pubblici non di linea, i servizi finanziari come definiti dall' art. 4 del decreto legislativo 26 marzo 2010, n. 59 e i servizi di comunicazione come definiti dall' art. 5 del decreto legislativo 26 marzo 2010, n. 59;

c) l'art. 1, lett. b), del decreto c.d. Cresci Italia[13], allorché prevede l'abrogazione di tutte le anteriori disposizioni che "impediscono, limitano o condizionano l'offerta di prodotti e servizi al consumatore, nel tempo nello spazio o nelle modalità, ovvero alterano le condizioni di piena concorrenza fra gli operatori economici oppure limitano o condizionano le tutele dei consumatori nei loro confronti".

            Prima facie, la politica di resale price maintenancelibraria di cui alla legge Levi sembrerebbe rientrare nella nozione di "restrizione di prezzo" o, più in generale, di limitazione dell'offerta. Tuttavia, una tale conclusione sconta l'incertezza derivante dalle particolari modalità con le quali è stata disposta l'abrogazione delle disposizioni riconducibili a tale categoria. Infatti, il descritto intervento abrogativo integra un'ipotesi di abrogazione espressa c.d. innominata[!4], mediante la quale, il legislatore, pur abrogando espressamente le norme incompatibili, non specifica l'oggetto dell'effetto abrogativo. Ne consegue, come autorevolmente osservato[15], che, con tale tecnica, il legislatore si limita a delegare agli operatori giuridici il compito di decidere se e quali norme siano in contrasto con la nuova legge e siano da considerarsi abrogate. Pertanto, l'operatività concreta dell'effetto abrogativo dipende dall'attività dei giudici e dall'affermazione di un consolidato orientamento giurisprudenziale che concluda per la definitiva abrogazione di una data norma anteriore.

            Pare, allora, opportuno volgere lo sguardo alla posizione della giurisprudenza già pronunciatasi sulla questione.


 

3. L’impatto delle liberalizzazioni secondo l’interpretazione di talune corti

Che i decreti di liberalizzazione or ora richiamati avessero in qualche modo cambiato le carte in tavola, pur in un clima di apparente indifferenza per la novità[16], non è circostanza passata inosservata agli operatori della grande distribuzione organizzata (GDO). Nell'estate del 2013, infatti, forse indotte dall'incertezza in merito all'abrogazione della legge Levi[17], alcune catene di supermercati avevano dato vita ad una campagna promozionale avente ad oggetto la proposta di acquisto di libri di testo scolastici a prezzo di copertina, ma con il riconoscimento contestuale all'acquirente di un buono-sconto pari al 20% del prezzo del libro, da utilizzarsi per l'acquisto di beni diversi.

L'iniziativa, non gradita a numerosi librai indipendenti, essenzialmente perché da loro non replicabile, veniva contestata dinnanzi a diverse corti italiane, nell'obiettivo di ottenerne in via cautelare l'inibizione e la rimozione della campagna pubblicitaria posta in essere per reclamizzarla. Secondo i ricorrenti, una simile proposta commerciale equivaleva, infatti, ad un'elusione dell'art. 2, secondo comma, L. n. 128/2011.

            Al contrario, per i resistenti, la circostanza che i libri di testo fossero venduti a prezzo di copertina escludeva qualsiasi tipo di violazione della richiamata normativa, posto che, in seguito all'acquisto, il cliente avrebbe ricevuto soltanto un buono-sconto (concettualmente differente dallo sconto praticato sul prezzo del libro), da utilizzare su beni diversi dai libri; in ogni caso, dinanzi alle corti, gli operatori della GDO hanno speso l'argomento che la normativa invocata dalle ricorrenti doveva ritenersi abrogata dall'art. 3, D.L. n. 138/2011 e dall'art. 1, D.L. n. 1/2012.

            I provvedimenti resi sulle domande così proposte, pur variamente argomentando in merito alla configurabilità di una violazione della Legge Levi[18], concludevano pressocché tutti, con differente profondità di motivazione, per l'intervenuta abrogazione della normativa invocata dai ricorrenti[19].

Essenzialmente, tre sono gli ordini di rilievi operati dai giudici.

In primo luogo -  osservano i giudici - pur non comparendo nei decreti di liberalizzazione la nozione di "limitazione allo sconto", nondimeno questa deve ritenersi coperta dall'effetto abrogativo. Invero, il D.L. n. 138/2011 qualificava come "restrizione all'attività di impresa" l'imposizione di prezzi minimi, anche attuata attraverso l'applicazione di un coefficiente di profitto o di calcolo su base percentuale e, sebbene l'espressione non sia stata ripetuta nel D.L. n. 201/2011, si può ritenere pacifico che una limitazione agli sconti rientri nella nozione di imposizione di un prezzo minimo; e poiché questa è la modalità di determinazione del prezzo minimo prevista dalla legge Levi, essa deve ritenersi ricompresa nella previsione normativa. In ogni caso, la limitazione dello sconto praticabile dai dettaglianti costituisce sicuramente una conformazione normativa dell'offerta, così facendo ricadere l'art. 2, L. n. 128/2011 nella più generale norma abrogatrice di cui all'art. 1, D.L. n. 1/2012.

            In secondo luogo, poi, l'effetto abrogativo non può essere escluso facendo leva sul criterio di specialità, nel senso di ritenere la legge Levispecialisrispetto alla portata generale delle norme di abrogazionede quibus. Una soluzione di questo tipo, infatti, renderebbe nella sostanza inapplicabili i decreti di liberalizzazione posto che, per il loro carattere "necessariamente" generale, qualsiasi norma anteriore di settore finirebbe per essere speciale.

In terzo ed ultimo luogo, i riferiti provvedimenti di liberalizzazione contengono precise clausole di salvaguardia che non contemplano il settore librario, con la conseguenza che questo non può ritenersi sottratto al loro campo applicativo. In particolare, secondo i giudici, non può trovare applicazione l'eccezione prevista dall'art. 3, primo comma, lett. d), D.L. n. 138/2011, nella parte in cui fa riferimento alla salvaguardia delle disposizioni indispensabili per la protezione "del paesaggio e del patrimonio culturale"; e ciò in quanto il concetto di "patrimonio culturale" non può essere identificato nella tutela del canale delle librerie indipendenti, consistendo il riferito patrimonio - con definizione poco precisa - nel complesso "dei beni materiali e non materiali peculiari di una collettività o di una nazione"[20]. E anche ove si volesse, con una forzatura interpretativa, far rientrare la legge Levi nell'eccezione indicata, si condurrebbe un'operazione ermeneutica espressamente vietata dai provvedimenti di liberalizzazione e segnatamente dall'art. 3, settimo comma, D.L. n. 138/2011, ove si prevede che "le disposizioni relative all'introduzione di restrizioni all'accesso e all'esercizio delle attività economiche devono essere oggetto di interpretazione restrittiva".

4. Qualche parola sulla posizione della giurisprudenza. Il dibattito e la novella operata dall’art. 4, co. 4-bis, D.L. n. 91/2013

Il processo logico-argomentativo sopra esposto sembra senz'altro condivisibile.

            Chi scrive, infatti, non vede spazio per un'interpretazione dei sopravvenuti decreti di liberalizzazione che riesca a salvaguardare le disposizioni della legge Levi. Si è detto supra[21] come l'abrogazione espressa c.d. innominata, poiché non identifica il proprio oggetto, non si riferisce a disposizioni legislative, ma soltanto a norme; di conseguenza, nella loro consueta attività interpretativa, i giudici dovranno individuare quale tra le diverse norme ricavabili da una certa disposizione contraddica lalex abrogans.

            Orbene, nel caso di specie, le disposizioni della L. n. 128/2011 contengono una norma principale - quella che fissa il limite massimo agli sconti - e una serie di norme corollario che ampliano o restringono l'ambito di applicazione di questo principio fondamentale. Una volta accertato che l'art. 2, limitando lo sconto imposto ai dettaglianti, introduce, per i medesimi, una restrizione all'attività di impresa, non pare che vi siano margini per estrapolare da tale disposizione ulteriori norme compatibili con la successiva svolta liberalizzatrice; ma, soprattutto, non pare che, una volta venuto meno il limite massimo agli sconti, si possano comunque ritenere vigenti le ulteriori disposizioni della legge Levi, stante il descritto rapporto di pregiudizialità logica della regola principale rispetto ad esse.

La legge Levi, dunque, è interamente travolta dall'effetto abrogativo promanante dai provvedimenti di liberalizzazione.

            Questa conclusione, poi, trova ulteriore conferma alla luce di una interpretazione sistematica che, benché non espressa nei provvedimenti richiamati, sembra comunque convincente ove si adotti una prospettiva che tenga conto dell'evoluzione dell'ordinamento. Giova, infatti, porre mente alla circostanza secondo la quale - come pure accennato - i singoli provvedimenti di liberalizzazione costituiscono, almeno nelle intenzioni del legislatore, parti di un più ampio disegno normativo diretto a stimolare l'iniziativa economica delle imprese, sul presupposto che un più intenso livello di competitività possa, da un lato, allineare l'ordinamento italiano ai precetti dell'Unione Europea in subiecta materiae, dall'altro, possa spingere l'Italia fuori dalle secche della recessione economica attraverso l'innesco di un processo di crescita economica[22].

            Se questo è, dunque, l'obiettivo del legislatore, un approccio teleologico alla questione rinsalda la conclusione cui sono pervenuti i giudici. È evidente, infatti, come la disciplina di cui alla legge Levi strida fortemente con il percorso intrapreso dal legislatore, con la conseguenza che, se il settore librario non viene espressamente fatto salvo attraverso apposite eccezioni normative - e non è dato rilevarne -, non è illogico aderire alla ricostruzione offerta dai giudici e ritenere le disposizioni sul prezzo dei libri cadute sotto la falce delle liberalizzazioni.

            Rimane, tuttavia, il dato in sé: quella appena esposta non costituisce abrogazione espressa nominata e, per conseguenza, la norma è espunta dall'ordinamento fin tanto che i giudici continueranno a ritenerla tale.

            Per tale ragione, mentre una autorevole voce istituzionale sottolineava l'opportunità, a tutela della certezza del diritto, di un'esplicita abrogazione nominativa della legge Levi[23], altri, con dichiarazioni lapidarie, ne sentenziavano l'abrogazione[24], senza margini di dubbio.

            Come osservato in uno dei pochissimi scritti sull'argomento, rimanevano silenti, almeno sul punto dell'abrogazione, gli editori e i librai indipendenti[25], forse (ma questa idea è di chi scrive) attratti dall'idea di poter sfruttare la descritta situazione di incertezza per far passare, in via di fatto, la soluzione della perdurante vigenza della legge Levi, nonostante i descritti mutamenti normativi. D'altro canto, come ancora è stato rilevato dallo stesso autore, dagli avversari della legge Levi non è mai giunta una chiara rivendicazione a poter operare come se, appunto, questa non fosse più in vigore. I provvedimenti giudiziari sopra ricordati sono, piuttosto, testimonianza di un conflitto a bassa intensità, giocato come se, invece, la legge Levi fosse in vigore e, semmai, la si volesse eludere.

E' in questo clima di reticenzabipartisanche, nell'agosto del 2013, avviene qualcosa di veramente singolare.

Il legislatore era impegnato nella conversione del D.L. n. 91/2013, un provvedimento diretto, attraverso microinterventi, alla "valorizzazione e il rilancio dei beni e delle attività culturali e del turismo". Il disegno di legge di conversione non prevedeva alcuna disposizione dedicata al settore del commercio al dettaglio dei libri ma, tra le tante cose, si occupava di stimolare lo sviluppo delle risorse di biblioteche ed archivi nazionali[26]. Orbene, durante l'esame in prima lettura al Senato, veniva proposto un emendamento[27] - di cui non c'è traccia di discussione nelle cronache parlamentari -  confermato anche in seconda lettura dalla Camera dei Deputati[28]. L'emendamento in esame ha inserito un comma 4-bis, all'art. 4 del D.L. n. 91/2013, avente ad oggetto le disposizioni della legge Levi. In primo luogo, la novella introduce la lett. g-bis), all'art. 2, quinto comma, della L. n. 128/2011[29], prevedendo una nuova eccezione rispetto alla regola generale del limite massimo agli sconti del 15%[30]; in secondo luogo, abroga nominativamente l'art. 2, quarto comma, lett. b) della medesima legge.

Il disegno complessivo perseguito con la novella in discorso rientra nelle descritte finalità del D.L. n. 91/2013: sul tacito presupposto della perdurante vigenza della legge Levi e nell'obiettivo di potenziare le risorse bibliotecarie degli istituti culturali italiani, i libri venduti a tale enti possono essere scontati senza limiti rispetto al prezzo di copertina ove, prima di tale novella, era ammesso uno sconto massimo del 20%. Il lodevole obiettivo, tuttavia, cozza con il paradosso del risultato, essendo stata modificata una legge che in molti avevano ritenuto abrogata (e che, per le ragioni esposte supra, non avrebbe potuto ritenersi vigente)[31]

Il legislatore, tuttavia, pare dimostrarsi di diverso avviso, anche se lo fa del tutto implicitamente.

Come maneggiare, allora, una disposizione apparentemente senza oggetto, come la novella di una legge abrogata?

5. Un possibile profilo di illegittimità costituzionale

La sensazione di "disagio giuridico" che scaturisce dalla novella in discorso spinge, in primo luogo, a chiedersi quale sia la sorte di un prodotto normativo apparentemente senza oggetto.

Si tratterebbe, infatti, di un provvedimento inidoneo a produrre qualsiasi effetto giuridico, incidendo su una disposizione che, in quanto abrogata, deve considerarsi espunta dall'ordinamento.

            Tale osservazione consente di richiamare un corposissimo filone di indagine, prevalentemente giusfilosofico, che, a partire dal Ranelletti[32], si è interrogato sulla possibilità di accertare lanullità di una legge che, pur apparendo tale, in realtà non lo sia a causa di vizi talmente gravi da non permettere la sussumibilità dell'atto in concreto adottato nello nozione astratta di "legge".

            Senza voler ripercorre un dibattito certo profondo[33], soprattutto per qualità e raffinatezza delle posizioni, basti qui dire che, nelle più recenti teorizzazioni, il vizio di nullità della legge ricorrerebbe in due casi.

            In una prima classe di casi, che corre sul piano dei requisiti formali della legge, una disposizione sarebbe nulla/inesistente ogniqualvolta sia stata adottata in totale dispregio delle regole preposte alla disciplina del processo legislativo, come, ad esempio, una modifica costituzionale attuata con legge ordinaria[34].   

            Un altro gruppo di cause di nullità, stavolta di matrice sostanziale, sarebbe ravvisabile "per ragioni di contenuto materiale, quando si tratti della negazione delle regole fondamentali che realizzano la trama essenziale del sistema costituzionale"[35].

            In entrambi i casi, si sostiene che il giudice, trovandosi dinnanzi ad una non-legge, non avrebbe alcun obbligo di applicarla, non appartenendo la medesima all'ordinamento giuridico.

            Orbene, non c'è dubbio che, per le caratteristiche del nostro ordinamento, le teorie in discorso siano di difficile applicazione pratica. Differentemente da quanto avviene per gli atti amministrativi, il giudice non ha alcun potere decisionale in merito all'applicazione di una norma di legge che egli assuma viziata, dovendo, se tale è la sua convinzione, rivolgersi alla Corte Costituzionale, attraverso la proposizione di una questione di legittimità costituzionale.

             Quanto appena detto, però, non esclude che da tali teorie sia possibile trarre un utile suggerimento per la questione affrontata nel presente scritto.

A parere di chi scrive, infatti, l'impossibilità di ascrivere una disposizione nella nozione astratta di "legge" coinvolge la compatibilità di tale prodotto normativo con le norme della Costituzione dedicate alla produzione legislativa. In altri termini, una legge che non possa essere definita tale confligge con gli artt. 70 e ss. Cost., non solo qualora venissero violate le procedure di produzione normativa, ma anche qualora la disposizione adottata, pur rispettando formalmente tali regole, sia inidonea, nella sostanza, ad assolvere alla sua funzione, cioè sia incapace di produrre diritto.

Il caso che ci occupa, dunque, parrebbe rientrare in questa ipotesi, posto che una legge che pretendesse di modificare una disposizione anteriore abrogata sarebbe insuscettibile di trovare materiale applicazione.

E, pur tuttavia, quella appena formulata non può considerarsi una conclusione, dato che, in attesa del potenziale giudizio di legittimità costituzionale, l'art. 4, quarto commabis, D.L. n. 91/2013 deve considerarsi formalmente appartenente all'ordinamento.

Pertanto, si impone la ricerca di una soluzione pratica che funga da guida per gli operatori giuridici nel caso concreto.

6. Le fondamenta di un approccio ricostruttivo al problema

Un buon punto di partenza potrebbe essere l'individuazione di ciò che la novella sicuramente non è, onde sperare di avvicinarsi, per sottrazione, alla soluzione.

L'analisi - è bene precisarlo - deve essere condotta avendo riguardo a tutti gli elementi rilevanti che accompagnano la quaestio iurise che, ad una breve ricognizione, sembrano essere: la salvaguardia dell'effetto caducatorio accertato e prodottosi a seguito dei decreti di liberalizzazione e la necessaria individuazione di un effetto utile della novella del 2013.

Tenendo a mente questo obiettivo, potrebbe, prima facie, volgersi lo sguardo al diritto comunitario, nel senso di fare appello alla giurisprudenza europea occupatasi di scrutinare la sorte delle disposizioni nazionali in contrasto con i principi comunitari in materia di concorrenza. Si potrebbe, invero, ritenere che la legge Levi - introducendo ex legeun'ipotesi di resale price maintenance- si risolva in una misura pubblicistica suscettibile di restringere la concorrenza, svilendo l'effetto utile della norma di cui all'art. 101 Tfue, e, pertanto, possa essere disapplicata ad opera di qualsiasi operatore giuridico degli Stati membri[36]. Tuttavia, nella materia libraria, la stessa giurisprudenza comunitaria, chiamata a valutare la compatibilità della normativa francese sul prezzo unico dei libri con il diritto europeo della concorrenza, ha preferito vestire i panni di Ponzio Pilato, essenzialmente demandando agli Stati membri la scelta - politica - in merito all'an e al quodomodo di un intervento nella materia considerata, purché la disciplina interna non arrechi ostacolo o nocumento alla libera circolazione delle merci nel territorio dell'Unione[37].

Posto, allora, che il diritto dell'Unione non offre, nel caso esaminato, utili appigli per dirimere il nodo interpretativo, non resta che guardare agli strumenti offerti dal diritto nazionale.

            Tenendo a mente questo dato, la vicenda in esame potrebbe essere ricondotta,prima facie, nello schema della reviviscenza della norma abrogata.

            In entrambi i casi, infatti, una norma abrogata torna a produrre effettipro futuro, senza efficacia retroattiva.

A ben vedere, tuttavia, tale conclusione ermeneutica deve ritenersi non praticabile. Pur essendo ampiamente dibattuti i presupposti del ricorso alla reviviscenza[38], l'ipotesi tipica generalmente ammessa da dottrina e giurisprudenza è quella della c.d. "doppia abrogazione espressa"[39]: essa ricorre allorquando il legislatore, senza dettare alcuna disciplina, abroghi espressamente una disposizione anteriore meramente abrogatice. In una ipotesi di questo tipo, infatti, si ritiene che l'unico significato possibile della norma abrogante non potrebbe che essere rintracciato nella volontà del legislatore di far riacquistare efficacia alla norma originariamente abrogata.

            Orbene, l'ipotesi appena esposta trova fondamento nella necessità di sopperire ad un vuoto normativo determinato dall'abrogazione di una disposizione meramente abrogatrice attraverso il richiamo della disciplina originariamente vigente. Ipotesi, dunque, ben diversa da quella che, in questo scritto, si sta affrontando.

Questa conclusione, poi, trova ulteriore conferma nei più recenti arresti della Corte Costituzionale in materia[40]. I giudici della Consulta, infatti, hanno ristretto notevolmente gli ambiti applicativi dell'istituto della reviviscenza[41], circoscrivendolo ad ipotesi assolutamente eccezionali, quale ad esempio l'ipotesi di annullamento di norma espressamente abrogatrice da parte del giudice costituzionale.

            Pertanto, la sussunzione della novella della disposizione abrogata nello schema della reviviscenza normativa deve escludersi.

            Altra strada, poi, potrebbe essere quella di qualificare l'art. 4, quarto commabis, D.L. n. 91/2013 come disposizione di interpretazione autentica, nel senso di ritenere che, per suo tramite, il legislatore abbia voluto specificare l'ambito di applicazione dei decreti di liberalizzazione, sottraendo dal loro effetto abrogativo le disposizioni della legge Levi.

            Anche tale soluzione, tuttavia, non pare accoglibile.           

            Attraverso una legge di interpretazione autentica, infatti, il legislatore interviene esplicitamentea comporre un contrasto sul significato da attribuire ad una data disposizione, indicando una precisa soluzione interpretativa la quale, generalmente, produce effetto retroattivo[42].

             A prescindere, infatti, dall'effetto retroattivo, il quale può, secondo recenti orientamenti della giurisprudenza costituzionale[43], essere limitato anche in via pretoria, la novella di cui al D.L. n. 91/2013 non presenta quei caratteri formali che generalmente si richiedono ad una legge di interpretazione autentica: primo fra tutti, l'espressa manifestazione di volontà del legislatore di isolare, tra diverse opzioni, un preciso significato della disposizione interpretata.

            Anche questa strada, dunque, appare senza via d'uscita.

            Una diversa e ulteriore opzione - basata sul postulato del legislatore razionale - potrebbe consistere nel riconoscimento di un potere normativo implicito in capo al legislatore, in virtù del quale, attraverso la novella di una legge abrogata, venga implicitamente richiamato,pro futuro, il contenuto delle medesime disposizioni abrogate. In altri termini, l'idea riguarderebbe la praticabilità di una tecnica di redazione normativa che, in luogo di un testo di legge che riportasse l'intero articolato dell'abrogata legge Levi, opterebbe per un richiamo implicito a detta disciplina, indicando espressamente solo ciò che, rispetto al passato, si intede aggiornare.

            Oltre a comportare un sostanziale aggiramento delle norme in materia di produzione legislativa, essenzialmente perché, a stretto rigore, non sarebbe rintracciabile una volontà esplicita del Parlamento in ordine alla reintroduzione della legge Levi, bisogna rilevare come il tentativo di conclusione testé illustrato impatti frontalmente contro uno dei capisaldi dello Stato di diritto. In particolare, si allude al principio - rintracciabile tra le pieghe del combinato disposto degli artt. 23, 25 e 97 Cost. - in virtù del quale, per gli individui, «tutto ciò che non è espressamente vietato è (dalla legge) implicitamente permesso» (principio di libertà); fa da pendant il principio di legalità amministrativa, per il quale alla P.A. «tutto ciò che non è (dalla legge) espressamente autorizzato è implicitamente vietato»[44].

            A tal proposito, la legge Levi qualifica come illecita la condotta dei rivenditori che pratichino sconti superiori al 15% rispetto al prezzo di copertina fissato dall'editore, ponendo a presidio di tale regola di condotta una sanzione amministrativa pecuniaria compresa tra €. 516,46 e €. 3098.74[45] la cui irrogazione è demandata ai Comuni. Da ciò, allora, deriva che la medesima condotta, divenuta lecita a seguito dell'abrogazione disposta con i decreti del 2013, per essere nuovamente ricondotta nell'area dell'illecito, seppur amministrativo, deve essere prevista come tale da un atto normativo espresso, che limiti l'azione individuale e che, contemporaneamente, preveda il relativo regime sanzionatorio[46]. In mancanza, non è dato rilevare i presupposti minimi per poter limitare la sfera di libertà del singolo e,a fortiori, per invaderne la relativa sfera patrimoniale con provvedimenti sanzionatori.

            Infine, chi scrive intende espressamente rifiutare un percorso ermeneutico solo in apparenza calzante: si potrebbe, infatti, ritenere che il legislatore, attraverso la novella, abbia implicitamente inteso comunicare che, con i decreti di liberalizzazione, egliplus dixit quam voluit.

            Per quanto, infatti, tale soluzione possa sembrare attraente - essenzialmente perché percepita come metabolizzata dall'ordinamento e, quindi, ermenuticamente sicura -, in realtà si tradurrebbe in un'indebita scorciatoia, volta ad evitare di affrontare logicamente un problema spinoso come quello qui considerato.

Il rifiuto di un tale approccio, tuttavia, non si fonda esclusivamente su una petizione di principio.

            La logica delplus dixit quam voluit, infatti, regge fintantoché il legislatore abbia, solo estemporaneamente, sostenuto più di quanto realmente volesse dire. In altri termini, tale soluzione è accettabile di fronte ad una singola svista legislativa e non, invece, quando il principio espresso trova conferma in diversi e successivi atti normativi. Nel caso qui considerato, infatti, l'abrogazione di tutte le restrizioni alla libertà commerciale delle imprese è prevista da ben tre diversi atti normativi, il che vale,ex se,ad escludere che si possa parlare di una mera svista quale quella postulata dalla tecnica ermeneutica delplus dixit quam voluit.

7. Una proposta di ricostruzione

Terminata lapars destruens, si può tentare, adesso, un approccio ricostrutivo.

            A parere di chi scrive, la soluzione può essere ricercata avendo riguardo agli effetti che la novella del 2013 è in grado di produrre, in termini di innovatività dell'ordinamento.

            Come visto, in estrema sintesi, con il D.L. n. 91/2013, il legislatore ha inteso rimuovere ogni limite agli sconti nella rivendita di libri alle biblioteche e agli archivi nazionali, sull'erroneo presupposto che vigesse una normativa restrittiva in materia. Il legislatore, dunque, intendeva favorire tale settore, con una manovra espansiva che consentisse agli operatori delle biblioteche di reperire risorse a prezzi più bassi rispetto alla generalità dei consociati.

            Orbene, data la descritta situazione e appurata l'intervenuta abrogazione della legge Levi, il risultato cui si è in fatto pervenuti non è altro che la riproposizione di un principio di libertà nell'attività di impresa che era già stato sancito con i decreti di liberalizzazione del 2011/12. In altri termini, l'art. 4, quarto commabis, D.L. n. 91/2013 si riduce a una ridondanza normativa, posto che, eliminando i limiti agli sconti in favore del settore bibliotecario, non produce nuovo diritto, nella misura in cui ogni tetto agli sconti - e non solo per i bibliotecari - era già caduto con i provvedimenti di liberalizzazione.

            L'analisi potrebbe, allora, ritenersi conclusa, essendo stata trovata una soddisfacente soluzione interpretativa che non rimette in discussione l'effetto abrogativo promanante dai decreti di liberalizzazione. Tuttavia, l'indagine non sarebbe veramente completa ove non si considerasse la seguente diversa ipotesi:quid iurisnell'eventualità in cui legislatore, invece di agire nel senso descritto, avesse introdotto una nuova regola giuridica?

            Si immagini che, con l'art. 4, quarto commabis, D.L. n. 91/2013, il legislatore avesse previsto una mitigazione del limite allo sconto, senza però abolirlo, ad esempio consentendo che, in favore del settore bibliotecario, potesse essere praticato uno sconto fino al 40% del prezzo di copertina dei libri. Nell'ipotesi considerata, infatti, vi sarebbe stata produzione di nuovo diritto, posto che, in un quadro di generale liberalizzazione del settore, il legislatore avrebbe (con il reale intento di mitigare)  limitato lo sconto praticabile alle biblioteche e agli archivi nazionali.

            Nell'accennato scenario, tuttavia, la ricerca di un effetto utile da ricavare dalla descritta disposizione condurrebbe ad esiti irrazionali e ingiustificatamente discriminatori.

Infatti, in ragione dell'intervenuta liberalizzazione del prezzo al dettaglio dei libri, la previsione di un limite di sconto del 40% per i bibliotecari si tradurrebbe in una limitazione selettiva priva di giustificazione e, comunque, irragionevole rispetto all'obiettivo di stimolare l'arricchimento delle risorse degli enti culturali del paese. Difficilmente, dunque, un provvedimento di questo tipo potrebbe resistere ad un giudizio di legittimità costituzionale condotto alla luce del principio di ragionevolezzaexart. 3 Cost.

Ove, invece, si desse prevalenza alla circostanza per la quale il legislatore, con l'ipotetica nuova disposizione, avesse inteso modificare l'abrogata legge Levi, non vi sarebbe altra strada all'infuori del giudizio di legittimità costituzionale per violazione degli artt. 70 e ss. Cost.

Come si è avuto modo di sottolineare, infatti, la legge Levi non è suscettibile di interpretazioni che la sottraggano all'abrogazione disposta con i provvedimenti di liberalizzazione. Contestualmente, si è sottolineato come, al di fuori della norma che limita lo sconto praticabile al 15%, tutte le altre previsioni ivi contenute costituiscono corollari dipendenti dalla norma principale. In tale circostanza, allora, dinnanzi all'ipotetica nuova regola che ampliasse lo sconto al 40% per precise categorie di soggetti, attraverso una deroga alla legge Levi sul presupposto della sua vigenza e senza riprodurne la disposizione che fissa al 15% lo sconto massimo generalmente praticabile, un giudice che fosse chiamato a darvi applicazione non potrebbe materialmente procedervi perché mancherebbe il riferimento normativo idoneo a fungere da base cui concretamente riferire la portata innovativa dell'ipotetica novella. Essa, infatti, non sarebbe autonomamente applicabile, mancando il riferimento costituito dalla regola generale del tetto del 15% agli sconti.

In tale ipotesi, oltre al rischio di cadere nel dimenticatoio per manifesta inutilità, una disposizione di questo tipo non potrebbe che andare incontro ad un giudizio di legittimità costituzionale per violazione delle norme di cui agli artt. 70 e ss. Cost., per i motivi sopra illustrati[47].

8. Considerazioni finali

La realtà, come è evidente, è che attraverso la novella del 2013, il legislatore ha dato vita ad un vero e proprio corto circuito giuridico.

Non si intende, naturalmente, sindacare il merito politico di un intervento normativo quale quello di cui all'art. 4, quarto commabis, D.L. n. 91/2013. Semplicemente, si è cercato di porre l'accento su un prodotto normativo difettoso, non solo per assenza di tangibile manifestazione di volontà espressa degli organi legislativi, ma soprattutto per la grossolanità dell'intervento legislativo analizzato.

Non v'è chi non veda, infatti, come la soluzione che si è cercato di offrire nel corso del presente contributo costituisca un tentativo di salvaguardare la coerenza dell'ordinamento anche in ipotesi assolutamente estreme, sacrificando ben altri valori, quali la solidità dei criteri ermeneutici o le consuete tecniche di redazione legislativa.

Il disordine normativo, in altri termini, chiama l'interprete a forzare i capisaldi del sistema normativo per cercare di giustificare una "svista" del legislatore, stressando l'architettura dell'ordinamento e contribuendo, più che attenuando, all'incertezza del diritto.

            Il buon senso, cioè, dovrebbe semplicemente indurre a trattare una disposizione priva di oggetto - perché non si vede cosa altro possa essere l'art. 4, quarto commabis, D.L. n. 91/2013 - alla stregua di un mostro giuridico, come tale privo del diritto di cittadinanza nell'ordinamento.

            Tuttavia, è proprio il rispetto delle regole del gioco a distogliere l'interprete da una conclusione tanto comoda, quanto pericolosa, perché foriera di future e ben più gravi instabilità del sistema.

            Come osservato in dottrina[48], il ruolo dell'interprete è senz'altro quello di costruire coerenza dove apparentemente (e non solo) questa difetti e, dinnanzi ad interventi normativi sempre più sconnessi e qualitativamente scadenti, sforzarsi di ricercare una complessiva coerenza precettiva.

            Tuttavia, dinnanzi all'inadeguatezza della produzione legislativa, ogni tentativo di ricostruzione sul singolo dato normativo sarà vanificato dal proliferare di altre decine di provvedimenti incongrui[49]. In altri termini, l'interprete può trovare risposta per il singolo caso, ma il problema alla radice permane, nonostante tutte le "promesse da marinaio" fatte sul punto dal nostro legislatore[50].

NOTE

  • 1) Il dato ufficiale più recente parla di 21.691 leggi e atti equiparati in vigore. Cfr. Commissione parlamentare per la semplificazione della legislazione,Relazione al Parlamento ai sensi dell'art. 2, co. 1-ter, D.L. n. 200/2008, convertito in L. n. 9/2009, presentata dal sottosegretario all'Interno Alessandro Pajno nel corso dell'audizione dell'11 dicembre 2007, disponibile su www.funzionepubblica.gov.it/.
    Già a partire dalla fine degli anni '80, la complessità del nostro ordinamento ha richiesto che il principio dell'inescusabilità dell'ignoranza della legge di cui all'art. 5 c.p. venisse riletto ad opera della Corte Costituzionale, così da tenere in debita considerazione la caoticità o incomprensibilità del dettato normativo. Cfr. Corte Costituzionale, Sent., 24 marzo 1988, n. 364, dove si legge: «discende dall'ideologia contrattualistica l'assunzione da parte dello Stato dell'obbligo di non punire senza preventivamente informare i cittadini su che cosa è vietato o comandato ma da tale ideologia discende anche la richiesta, in contropartita, che i singoli s'informino sulle leggi, si rendano attivi per conoscerle, prima d'agire. La violazione del divieto di commettere reati, avvenuta nell'ignoranza della legge penale, può, pertanto, dimostrare che l'agente non ha prestato alle leggi dello Stato tutta l'attenzione "dovuta". Ma se non v'è stata alcuna violazione di quest'ultima, se il cittadino, nei limiti possibili, si è dimostrato ligio al dovere ( ex art. 54, primo comma Cost.) e, ciò malgrado, continua ad ignorare la legge, deve concludersi che la sua ignoranza è "inevitabile" e, pertanto, scusabile».
  • 2) Il riferimento è al meccanismo passato alla storia con il nome di "taglia leggi". Con la legge Legge 28 novembre 2005, n. 246 (c.d. legge di semplificazione del 2005), il legislatore ha disposto l'abrogazione implicita e generalizzata di tutte le leggi anteriori al 1970, ad eccezione di quelle che fossero state espressamente fatte salve con appositi regolamenti governativi. Il descritto processo di semplificazione, se da un lato ha contribuito a ripulire l'ordinamento da numerose "incrostazioni", dall'altro rappresenta un'ipocrisia legislativa, posto che, così facendo, il legislatore rischia - come effettivamente avvenuto - di abrogare leggi di primaria importanza. A titolo meramente esemplificativo, basti citare "l'imprevista" abrogazione della legge 14 agosto 1862 n. 800, istitutiva della Corte dei Conti. Sul punto si rinvia a  R. MANFRELLOTTI, Abrogazione di norme e razionalità dell'ordinamento giuridico, in Osservatorio sulle Fonti, n. 3/2011, p. 2 e ss., reperibile su internet al seguente indirizzo: http://www.osservatorio sullefonti.it/.
  • 3) B. G. MATTARELLA,La trappola delle leggi - Molte, oscure, complicate, Bologna, Il Mulino, 2011, p. 15 e ss.
  • 4) P. CARNEVALE, Tornare a vivere: ma è sempre un vantaggio? Riflessioni in tema di abrogazione, reviviscenza e referendum elettorali, in Rivista AIC - Associazione Italiana dei Costituzionalisti, n. 4/2011, p. 18, reperibile su internet al seguente indirizzo: http://www.rivistaaic.it/
  • 5) D.L. 8 agosto 2013, n. 91, recantedisposizioni urgenti per la tutela, la valorizzazione e il rilancio dei beni e delle attività culturali e del turismo, convertito in legge, con modificazioni, dalla L. 7 ottobre 2013, n. 112, in G.U. 8 ottobre 2013, n. 236.
  • 6) Sul tema delle restrizioni del prezzo dei libri, si segnala, per l'attualità e per il grado di approfondimento, anche storico, V. MELI, La resale price maintenance nel commercio librario. Limitare la concorrenza per promuovere la cultura?, in Merc., conc., reg., 2013, I, 149.
  • 7) Art. 2, secondo comma, L. n. 128/2011.
  • 8) L'art. 2, quarto comma, L. n. 128/2011 prevedeva, infatti, che: «La vendita di libri ai consumatori finali è consentita con sconti fino ad una percentuale massima del 20 per cento sul  prezzo fissato ai sensi del comma 1: a) in occasione di manifestazioni di particolare rilevanza internazionale,  nazionale,  regionale  e locale,  ai  sensi degli articoli 40 e 41 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112». Al quinto comma, poi, è previsto che «I commi 1 e 2 non si applicano per i seguenti prodotti: a) libri per bibliofili, intesi come quelli pubblicati a tiratura limitata per un ambito ristretto e di elevata qualità formale e tipografica; b) libri d'arte, intesi come quelli stampati, anche parzialmente, con metodi artigianali per la riproduzione delle opere artistiche, quelli con illustrazioni eseguite direttamente a mano e quelli che sono rilegati in forma artigianale; c) libri antichi e di edizioni esaurite; d) libri usati; e) libri posti fuori catalogo dall'editore; f) libri pubblicati  da  almeno  venti mesi e dopo che siano trascorsi almeno sei mesi dall'ultimo  acquisto  effettuato  dalla libreria o da altro venditore al dettaglio; g) edizioni  destinate  in  via prioritaria ad  essere cedute nell'ambito di rapporti associativi». A tale ultimo comma, come anticipato nel testo, è stato aggiunto un ulteriore lettera g-bis) con la D.L. n. 91/2013. Sul punto, vedi infra § 4.
  • 9) Cfr. art. 2, terzo comma, L. n. 128/2011.
  • 10) Per le quali si rinvia ancora a V. MELI, (nt. 6), 151.
  • 11) Recante ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo, convertito con modificazioni dall'art. 1, co. 1, L. 14.9.2011, n. 148, in G.U. 16 settembre 2011, n. 216.
  • 12) D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, recante disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici, convertito con modificazioni dalla L. 22 dicembre 2011, n. 214, in G.U. 27 dicembre 2011, n. 300.
  • 13) D.L. 21 gennaio 2012, n. 1, recante disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività, convertito con modificazioni dall'art. 1, co. 1, L. 23 marzo 2012, n. 27, in G.U. 24 marzo 2012, n. 71.
  • 14) Espressione coniata da G.U. RESCIGNO, Note preliminari sulle principali manchevoleze della tecnica legislativa, in Fattibilità e applicabilità delle leggi, Rimini, Maggioli, 1983, 1 e ss.
  • 15) R. GUASTINI, In tema di abrogazione, in L'abrogazione delle leggi, un dibattito analitico, a cura di C. LUZZATI, Milano, Giuffrè, 1987, 19.
  • 16) Sulle cui possibili ragioni, si veda V. MELI, (nt. 6), 167.
  • 17) Vedi § 4.
  • 18) L'idoneità della descritta pratica commerciale a violare le disposizioni della Legge Levi è stata diversamente valutata dai provvedimenti qui considerati. Un primo gruppo di pronunce (Trib. Bergamo, Sez. I, ord., 23 luglio 2013; Trib. Torino, Ord., 22 agosto 2013; Trib. Monza, Ord., 6 settembre 2013;Trib. Milano, Ord., 10 settembre 2013) ha adottato un approccio di tipo formalistico, facente leva sull'asserita diversità tra sconto e buono-sconto. In particolare, mentre lo sconto ricorrerebbe nell'ipotesi di riduzione del prezzo di vendita applicabile immediatamente sul prezzo esposto al pubblico per incentivare il cliente all'acquisto del bene scontato, il buono-sconto sussisterebbe nel diverso caso in cui il consumatore acquisti il bene a prezzo pieno, ma contestualmente gli venga offerto un coupon che gli riconosca il diritto di ottenere uno sconto su successivi acquisti, anche per beni diversi. Secondo tale orientamento, la pratica contestata ricadrebbe in questa seconda fattispecie e, come tale, non integrerebbe alcuna violazione della L. n. 128/2011, disciplinando questa l'ipotesi dello sconto puro.

    Un secondo gruppo di provvedimenti (Trib. Monza, Ord., 11 luglio 2013; Trib. Torino, Ord., 18 luglio 2013; Trib. Monza, Ord., 29 luglio 2013; Trib. Milano, Ord., 31 luglio 2013), al contrario, ha adottato una prospettiva sostanzialista, volta ad enfatizzare il risultato finale conseguito dal consumatore; questi, infatti, pur pagando a prezzo pieno i libri di testo, in pratica gode della possibilità di acquistare liberamente altri beni per un importo pari al 20% del prezzo di copertina dei libri acquistati, violando, dunque, la normativa in materia.

    A parere di chi scrive, tra le diverse soluzioni prospettate, sembra più logica la seconda. Se l'obiettivo della legge, infatti, è (o, per meglio dire, era) limitare l'utilizzo del prezzo come leva concorrenziale tra i distributori - anche on-line-, accogliere la prima interpretazione significherebbe privare di effettività le norme in discorso, essendo sufficiente modificare il meccanismo di riconoscimento del vantaggio economico per non incorrere nel divieto normativo. A conferma di quanto fin qui sostenuto, invero, è possibile richiamare l'esempio francese. In Francia, infatti, la c.d. Loi Lang (loi n. 81-766 del 10.8.1981) - che ammette sconti sul prezzo di copertina nei limiti del 5% di questo - è stata recentemente modificata dalla Loi n°2014-779 dell'8.7.2014. Per evitare, infatti, che, nel caso di vendite on-line, il limite allo sconto possa essere aggirato attraverso la riduzione o la gratuità delle spese di spedizione, la legge oggi stabilisce, all'art. 1, co. 4, che «les détaillants doivent pratiquer un prix effectif de vente au public compris entre 95 % et 100 % du prix fixé par l'éditeur ou l'importateur. Lorsque le livre est expédié à l'acheteur et n'est pas retiré dans un commerce de vente au détail de livres, le prix de vente est celui fixé par l'éditeur ou l'importateur. Le détaillant peut pratiquer une décote à hauteur de 5 % de ce prix sur le tarif du service de livraison qu'il établit, sans pouvoir offrir ce service à titre gratuit». Per maggiori approfondimenti sulla Loi Lang si rinvia a H. GAYMARD, Situation du livre. Èvalutation de la loi relative au prix du livre et Questions prospectives - Rapport à la Ministre de la Culture et de la Communication, marzo 2009, http://www.sne.fr/dossiers-et-enjeux/ prix-unique-du-livre/defense-au-niveau-europeen.html; sulle recenti modifiche apportate alla Loi Lang, si veda il rapporto esplicativo del Senato francese, reperibile in internet al seguente indirizzo:

    http://www.senat.fr/espace_presse/actualites/201310/le_senat_examine_la_proposition_de_loi_tendant_a_encadrer_la_vente_a_distance_des_livres.html.
  • 19) Fa eccezione Trib. Monza, ord., 29 luglio 2013. Tale provvedimento esclude l'abrogazione della legge Levi sulla base di una singolare interpretazione della nozione di "prezzo minimo imposto". Secondo il giudice, infatti, l'art. 2, co. 1, L. n. 128/2011 non fisserebbe alcun prezzo minimo per i libri il quale, al contrario, sarebbe "liberamente fissato dall'editore o dall'importatore". L'unica restrizione introdotta dalla legge Levi concernerebbe lo sconto praticabile sul prezzo di copertina. La conseguenza sarebbe, citando il decreto, che «la fissazione di un tetto massimo di sconto non costituisce imposizione di un prezzo minimo, né può essere a ciò equiparato ai fini dell'asserita abrogazione». Tale interpretazione, tuttavia, sembra adottare un erroneo punto di vista. Se, infatti, si guarda alla posizione degli editori o degli importatori, non v'è dubbio che la legge Levi nulla innovi rispetto alla loro libertà di fissare il prezzo di copertina. Al contrario, volgendo lo sguardo alla posizione dei distributori - cui la legge Levi è effettivamente rivolta -, non v'è chi non veda come la loro autonomia sia fortemente limitata dalla legge, la quale, attraverso il limite massimo allo sconto praticabile, impedisce loro di fissare liberamente il prezzo che, dunque, si risolve in un prezzo minimo imposto ex lege.
  • 20) Si cita Trib. Torino, ord., 22 agosto 2013. Sarebbe stato più opportuno, forse, richiamare l'art. 2, D.Lgs. n. 42/2004 (c.d. Codice dei beni culturali) dove il patrimonio culturale viene identificato con «i beni culturali e i beni paesaggistici». I primi, in particolare, sono «le cose immobili e mobili che[...]presentano interesse artistico, storico, archeologico, etnoantropologico, archivistico e bibliografico e le altre cose individuate dalla legge o in base alla legge quali testimonianze aventi valore di civiltà»; i secondi, invece, sono «gli immobili e le aree[...]costituenti espressione dei valori storici, culturali, naturali, morfologici ed estetici del territorio, e gli altri beni individuati dalla legge o in base alla legge»
  • 21) § 2.
  • 22) Così, Atti Parlamentari, Camera dei Deputati, Legislatura XVI, Parere del Comitato per la Legislazione n. 5025/A, reperibile in internet al seguente indirizzo: http://leg16.camera.it/_dati/leg16/lavori/stampati/pdf/16PDL0057890.pdf
  • 23) AGCM, parere in merito all'applicabilità dell'art. 34 comma 3 lett. f) del Decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201 alla L. 27/7/2011, n. 128 (Nuova disciplina del prezzo dei libri), http://www.aib.it/wp-content/upload s/2013/01/Lettera_AGCM_17012013-1.pdf; si veda, altresì, AGCM, AS988 -Proposta di riforma concorrenziale ai fini della legge annuale per ilmercato e la concorrenza anno 2013.
  • 24) Così, ad esempio, l'Avvocatura del Comune di Milano, https://gecablog.wordpress.com/tag/cepell/
  • 25) V. MELI, (nt. 6), 169. Il riferimento dell'Autore è all'appello diffuso da uno stuolo di editori e librai indipendenti che, attraverso le pagine del quotidiano "La Repubblica" dell'8 ottobre 2012, hanno con forza replicato all'appello dell'AGCM di cui alla segnalazione indicata supra §23, ma si sarebbero ben guardati dall'esprimere una posizione sull'incerta vicenda abrogativa che ha riguardato la medesima legge Levi.
  • 26) Atti Parlamentari, Senato della Repubblica, Legislatura XVII, Disegni di legge e relazioni - Documento n. 1014, Conversione in legge del decreto-legge 8 agosto 2013, n. 91, recante disposizioni urgenti per la tutela, la valorizzazione e il rilancio dei beni e delle attività culturali e del turismo.
  • 27) Proposta di modifica n. 4.22 al D.D.L. n. 1014, reperibile su internet al seguente indirizzo: www.senato.it/japp/bgt/showdoc /frame.jsp?tipodoc=Emend&leg=17&id=715567&idoggetto=742398
  • 28) Atti Parlamentari, Camera dei Deputati, XVII Legislatura, Disegni di legge e relazioni - Documento n. 1628, Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 8 agosto 2013, n. 91, recante disposizioni urgenti per la tutela, la valorizzazione e il rilancio dei beni e delle attività culturali e del turismo - Trasmesso dal Presidente del Senato della Repubblica il 26 settembre 2013.
  • 29) La disposizione così introdotta esenta dal rispetto del limite agli sconti «i libri venduti a centri di formazione legalmente riconosciuti, istituzioni o centri con finalità scolastiche di ogni ordine e grado, educative e università».
  • 30) La disposizione abrogata prevedeva un limite agli sconti più tenue, pari al 20% del prezzo di copertina, in favore «di organizzazioni non lucrative di utilità sociale, centri di formazione legalmente riconosciuti, istituzioni o centri con finalità scientifiche o di ricerca, biblioteche, archivi e musei pubblici, istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, educative e università».
  • 31) In realtà, la singolarità dell'intervento normativo di cui al D.L. n. 91/2013 non si riduce esclusivamente al profilo considerato nel testo. A ben vedere, infatti, con il medesimo art. 4, quarto comma bis, il legislatore prevede pure l'abrogazione dell'art. 2, quarto comma, lett. b) della legge Levi, dando vita a quella che è stata ironicamente definita in dottrina "abrogazione al quadrato". In realtà, la questione non pone problemi ulteriori rispetto a quelli che si analizzeranno nel corso del presente scritto e che, per analogia, potrebbero valere anche per questa singolare abrogazione rafforzativa. Si veda, per il richiamo dottrinale effettuato, P. CARNEVALE, L'abrogazione al quadrato: qualche notazione a margine dell'adozione del d.lgs. n. 212 del 2010, in Taglialeggi e Normattiva tra luci e ombre, a cura di N. LUPO, Padova, Cedam, 3-16.
  • 32) O. RANELLETTI, Istituzioni di diritto pubblico, Il nuovo diritto pubblico della Repubblica Italiana, Milano, Giuffrè, 1949, 153.
  • 33) Per una completa ed esauriente esposizione delle principali ricostruzioni, si rinvia a G. D'ALESSANDRO, La nullità della legge - Percorsi della cultura giuridica italiana del Novecento, Napoli, Editoriale Scientifica, 2012.
  • 34) Questa è, nelle diverse ricostruzioni teoriche, la più tradizionale causa di nullità della legge. Per i più recenti contributi, ancorché datati, si veda A. RUGGERI, Fonti, norme e criteri ordinatori, Torino, IV. ed, Giappichelli, 2005.
  • 35) G. ZAGREBELSKY, La giustizia costituzionale, Boligna, Il Mulino, 1977, 162.
  • 36) Si allude, evidentemente, al leading case "Consorzio Industrie Fiammiferi" (Corte di Giustizia, 9 settembre 2003, C-198/01, in Racc. I - 8079) in occasione del quale i giudici della Corte di Giustizia hanno avuto modo di sottolineare come, in virtù del principio della supremazia del diritto comunitario, le autorità degli Stati membri abbiano l'obbligo di disapplicare la normativa interna contrastante; in particolare, «tale obbligo di disapplicare una normativa nazionale in contrasto con il diritto comunitario incombe non solo al giudice nazionale, ma anche a tutti gli organi dello Stato, comprese le autorità amministrative, il che implica, ove necessario, l'obbligo di adottare tutti i provvedimenti necessari per agevolare la piena efficacia del diritto comunitario». Per un commento su tale storica pronuncia, si rinvia a B. NASCIMBENE, S BASTIANON, La corte di giustizia e i poteri dell'Autorità garante della concorrenza, in Corr. Giur., 11, 2003, p. 1421.
  • 37) Sul punto, si veda ancora V. MELI, (nt. 6), 160.
  • 38) Sul tema si vedano, F. MODUGNO, Problemi e pseudo-problemi relativi alla c.d. reviviscenza di disposizioni abrogate da legge dichiarata incostituzionale, Rieti, Arti Grafiche Nobili, 1967, 1 e ss.; V. CRISAFULLI, Lezioni di diritto costituzionale, Padova, Cedam, 1984, 160 e ss.; D. NOCILLA, Divagazioni sparse su abrogazione, referendum abrogativo e leggi elettorali, in AA.vv., Studi in onore di Franco Modugno, Napoli, Editoriale Scientifica, 2011, 2391-3; A. PIZZORUSSO, Sull'ammissibilità di un referendum abrogativo di disposizioni abrogative o modificative di una precedente legge e implicitamente ripristinativo di disposizioni da questa abrogate o modificate, reperibile in internet al seguente indirizzo: www.forumcostituzionale.it; A. BARBERA, Appunti per una discussione sul ripristino di disposizioni abrogate, 2011, reperibile in internet al seguente indirizzo www.forumcostituzionale.it; R. BIN, G. BRUNELLI, A. PUGIOTTO, P. VERONESI (a cura di), Nel «limbo» delle leggi. Abrogazione referendaria della legge Calderoli e reviviscenza delle leggi Mattarella?, Torino, Giappichelli, Torino, 41 e ss.
  • 39) La paternità dell'espressione è di S. STAMMATI, Considerazioni schematiche sulla possibilità giuridica di far "rivivere" le leggi elettorali del 1993 e sulle ragioni costituzionali che potrebbero giustificare tale "reviviscenza", in Astrid, Rassegna Rivista elettronica quindicinale delle istituzioni e delle amministrazioni pubbliche, 2007, http://www.astrid-online.it/dossier--r1/note-e-con/STAMMATI_Reviviscenza_giu_2007.pdf
  • 40) Corte cost., Sent., 24-01-2012, n. 13.
  • 41) Nella sentenza citata, i giudici della Consulta giustificano - a ragione - l'eccezionalità dell'istituto spiegando come: «la tesi della reviviscenza di disposizioni a séguito di abrogazione referendaria non può essere accolta, perché si fonda su una visione «stratificata» dell'ordine giuridico, in cui le norme di ciascuno strato, pur quando abrogate, sarebbero da considerarsi quiescenti e sempre pronte a ridiventare vigenti. Ove fosse seguìta tale tesi, l'abrogazione, non solo in questo caso, avrebbe come effetto il ritorno in vigore di disposizioni da tempo soppresse, con conseguenze imprevedibili per lo stesso legislatore, rappresentativo o referendario, e per le autorità chiamate a interpretare e applicare tali norme, con ricadute negative in termini di certezza del diritto». Benché la motivazione sia tarata con riguardo all'ipotesi del referendum abrogativo, la sua forza espansiva non è certamente oggetto di dubbio.
  • 42) Sull'argomento, si vedano A. PUGIOTTO, L'irresistibile ultrattività della legge interpretata autenticamente, in Giur. Cost., 1998, p. 1194 e ss.; A. GARDINO CARLI, La (in)coerenza delle motivazioni della Corte Costituzionale in tema di legge interpretativa, in A. RUGGERI, La motivazione delle decisioni della Corte Costituzionale, Torino, Giappichelli, 1996, 516 e ss.; A. ANZON (a cura di), Le leggi di interpretazione autentica tra Corte Costituzionale e Legislatore - Atti del seminario di Roma del 5 ottobre 2000, Torino, Giappichelli, 2001, 1 e ss.; A. GARDINO CARLI, Il Legislatore interprete, Milano, Giuffrè, 1997, 1 e ss.; G. LEVI, L'interpretazione della Legge: i principi generali dell'ordinamento giuridico, Milano, Giuffrè, 2006, 1 e ss.
  • 43) Secondo i più recenti approdi della giurisprudenza costituzionale (cfr. Corte cost., Sent., 04-06-2014, n. 156) con riguardo al divieto di retroattivitità della legge interpretativa, si è osservato che, pur costituendo valore fondamentale di civiltà giuridica, esso è principio inderogabile sono in materia penale. La conseguenza, pertanto, cui pervengono i giudici della to che il giudice lo ritenga sussistente in via interpretativa, ma tale soluzione può trovare giustificazione solo quando tale effetto, «risolvendosi nella enucleazione di una delle possibili opzioni ermeneutiche dell'originario testo normativo - sia volto a superare una situazione di oggettiva incertezza di tale testo, evidenziata, appunto dai suoi diversi indirizzi interpretativi, e non incida su situazioni giuridiche definitivamente acquisite, non ravvisabili in mancanza di una consolidata giurisprudenza dei giudici nazionali».
  • 44) Sul punto, L. CARLASSARE, voce "Legalità (principio di)", in Enc. Giur., XVIII, Roma, Treccani, 1990. Sullo stretto legame tra principio di libertà, principio di legalità e stato di diritto si rinvia a P. COSTA, D. ZOLO (a cura di), Lo Stato di diritto - Storia, Teoria e Critica, Milano, Feltrinelli, 2002, 94 e ss.; ulteriori riferimenti, infra nt. 46.
  • 45) In questo senso, l'art. 2, co. 8 e 9, L. n. 128/2011 stabiliscono che «la  vendita di libri, effettuata in difformita'  dalle disposizioni del presente articolo, comporta l'applicazione delle sanzioni di cui agli articoli 22, comma 3, e 29, commi 2 e 3, del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114», e che «il comune vigila sul rispetto delle disposizioni del presente articolo e provvede all'accertamento e all'irrogazione delle sanzioni previste al comma 8; i relativi proventi sono attribuiti al comune nel quale le violazioni hanno avuto luogo».
  • 46) Cfr. sul punto R. GUASTINI, Le fonti del diritto. Fondamenti teorici, Milano, Giuffrè, 2010, 99 e ss.; R. GAROFOLI, G. FERRARI, Manuale di diritto amministrativo, Roma, Nel diritto editore, 2013, 613 e ss. Nello stesso senso, la giurisprudenza costituzionale è piuttosto compatta nel ritenere che l'art. 23 Cost. miri a «disporre una riserva legislativa, che è garanzia della sfera giuridica dei singoli soggetti» in quanto sorretto dall'esigenza di tutelare la sfera tanto personale quanto patrimoniale del singolo (Corte cost. 12 luglio 1965, n. 64, in Giur. cost., 1965, 788; Corte cost. 28 luglio 1987, n. 290, in Giur. it., 1988, I, 1, 711; Corte cost. 3 febbraio 1986, n. 34, in Giur. cost., 1986, 202).
  • 47) Supra, § 5
  • 48) C. IBBA, Liberalizzazioni, efficienza del sistema economico e qualità della produzione legislativa, in Giur. Comm., II, 2013, 242 e ss.
  • 49) Ibidem.
  • 50) Il riferimento è alla circolare della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 2 maggio 2001, n. 1/1.1.26/10888/9.92, in G.U. DEL 3 maggio 2001 n. 105, recante "Guida alla redazione dei testi normativi". Con essa il legislatore avrebbe fatto un self-commitment, impegnandosi espressamente a rispettare minuziose - ma quanto mai sacre - regole di redazione normativa che assicurassero la qualità del prodotto finale. Quanto tale promessa sia stata mantenuta è sotto gli occhi di tutti.